+ Rispondi alla Discussione
Risultati da 1 a 7 di 7

Discussione: [14/05/2003] Un viaggio infernale. E chi paga?

  1. #1
    keiser
    ospite

    Predefinito [14/05/2003] Un viaggio infernale. E chi paga?

    La trasferta di Los Angeles, contrariamente a quanto asserito da un Elvin in vena di banfe (pagherà, ah se pagherà), si è rivelato una vera e propria odissea, mettendo a nudo e facendoci provare sulla nostra pelle i problemi e la crisi delle compagnie aeree dopo l'11 settembre, costrette (a quanto pare) a spingere ancora oltre la già di per sè discutibile pratica dell'overbooking, ossia del prenotare più biglietti di quanti posti effettivamente mette a disposizione l'aereo. Di solito la cosa non ha gravi ripercussioni, perchè normalmente un 15% di gente, per vari motivi, non acquista effettivamente il biglietto. Il problema si pone quando la compagnia aerea fa overselling, ossia VENDE effettivamente più biglietti di quelli disponibili. In quel caso è molto più probabile che ci sia qualcuno destinato a rimanere a terra, e nel nostro caso è toccato al sottoscritto e Giancarlo Calzetta. Certo, tutti ti chiedono scusa e ti regalano voucher da utilizzare in futuro (noi ci siamo "accattati" 400 dollari di rimborso), sta di fatto che non prendi il volo che avresti dovuto e, nel caso di un viaggio di lavoro, la cosa diventa oggettivamente scocciante.
    Mentre il resto della compagnia partiva, noi venivamo dirottati da un ufficio all'altro in cerca di un modo per farci arrivare a Los Angeles, in qualche modo. Non mi dilungo troppo sulle inevitabili vicende fantozziane che ci hanno visti protagonisti (compresa una coincidenza così coincidente da partire addirittura PRIMA del nostro arrivo), limitandomi giusto a segnalare che siamo arrivati negli Stati Uniti con 24 ore di ritardo, con tanto di puntatina a Londra (che francamente era per noi davvero di scarso interesse). Questo ha - tra le altre cose - obbligato ad un tour de force i "fortunati" che sono arrivati in tempo per la fiera, che hanno dovuto raddoppiare il carico di lavoro, con gli inconvenienti del caso
    Nota: tanti controlli, tantissimi, forse pure troppi, soprattutto in Inghilterra: perquisizioni, apertura dei bagagli, controllo delle scarpe (!), domande su domande, sempre le stesse, da parte di ispettori e poliziotti. In compenso, abbiamo preso quattro aerei e non c'è stato un solo controllo sanitario per la SARS. Mi chiedo se questo vuol dire stare più tranquilli o essere più preoccupati...

  2. #2
    jack1985
    ospite

    Predefinito Re: [14/05/2003] Un viaggio infernale. E chi paga?

    Ihihihihihih



    Scusate ma era troppo lolloso sto fatto



    Comunque i controlli devono esserci e sono contento che ci siano, soprattutto in questi giorni minati da gravità su gravità. Più preoccupante è il fatto delle compagnie di volo che vendono più biglietti di quanti ce ne siano: ma siamo matti?

  3. #3
    sep`
    ospite

    Predefinito Re: [14/05/2003] Un viaggio infernale. E chi paga?

    se l'overbooking la consideravo una pratica illecita...l'overselling è una s****zata mondiale!

  4. #4

    Predefinito Re: [14/05/2003] Un viaggio infernale. E chi paga?

    Bè, Keiser, in un modo o nell'altro sei arrivato (vivo) a destinazione....

    Goditi la fiera e non sbavare troppo allo stand di Doom 3

    ...che invidia...

  5. #5

    Predefinito Re: [14/05/2003] Un viaggio infernale. E chi paga?

    mamma mia che viaggio allucinante! Spero che l'E3 almeno ne valga la pena!! Grazie alla redazione per le trasfertone che si fanno e perchè ci racconta cose che purtroppo non possiamo tutti vedere (Los Angeles non è proprio dietro l'angolo vero?)

  6. #6
    Shogun Assoluto L'avatar di nukemall
    Data Registrazione
    17-07-02
    Località
    Zena
    Messaggi
    25,266

    Predefinito Re: [14/05/2003] Un viaggio infernale. E chi paga?

    Beh, Claudio, poteva andare peggio: pensa se fossi rimasto solo in compagnia del Raffo...

    Attendiamo notizie dal mirabolante mondo dell'E3!

  7. #7

    Predefinito Re: [14/05/2003] Un viaggio infernale. E chi paga?

    Un viaggio infernale. E chi paga?

    Ovviamente noi che compriamo TGM pagandolo come se fosse del plutonio. Adesso col dvd è anche peggio... ma tutto è dovuto alle maggiori spese vero? Fra due anni quando la produzione del dvd sarà più conveniente il prezzo di copertina calerà non è vero?

    Ehm scusate un attimo di follia... Il titolo dell'editoriale mi aveva fatto pensare che l'argomento fosse un altro.

    Adesso cerco di recuperare un po' di lucidità... (nota a margine: sono un abbonato dvd... ehm )

    Quello che volevo dire è che l'imprevedibilità della vita è sorprendente, ma soprattutto riflettevo sulla (s)fortuna di Keiser che ha iniziato la sua prima partecipazione all'E3 in modo poco gradevole... quando la fortuna è cieca ma la sfiga ci vede benissimo....

+ Rispondi alla Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice HTML è Disattivato