+ Rispondi alla Discussione
Pag 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 25 di 33

Discussione: Jack Kerouac - Sulla strada

  1. #1
    Suprema Borga Imperiale L'avatar di maxpay
    Data Registrazione
    13-10-01
    Località
    Sud Italia
    Messaggi
    24,673

    Predefinito Jack Kerouac - Sulla strada

    un libro generazionale...un mostro sacro...ecc...
    ma solo io lo trovo pesantissimo?
    non riesco a leggerlo. sono ancora a pagina 100 e mi sembra eccessivamente "piombato".
    a parte il fatto che non è che sia così interessante...
    boh...


  2. #2
    Olengard
    ospite

    Predefinito Re: Jack Kerouac - Sulla strada

    Eccheccavolo, finalmente trovo qualcun'altro... anche a me non è piaciuto per niente, l'ho sempre ritenuto un libro "importante" per quello che ha rappresentato, ma veramente pesante, mal scritto e noioso... Salinger è ben altro, per rimanere tra i beat...

  3. #3
    Lo Zio L'avatar di windigo
    Data Registrazione
    07-10-01
    Località
    Napoli
    Messaggi
    3,068

    Predefinito Re: Jack Kerouac - Sulla strada

    considerate anche quando è stato scritto.
    Sono d'accordo che il racconto è spezzettato , e la narrazione manca di un pò di ritmo, ma quel libro rappresenta una vera e propria rottura con la letteratura di quegli anni.
    Per certi versi è stato rivoluzionario.
    E poi non si può certo dire che sia scritto male...

  4. #4
    Suprema Borga Imperiale L'avatar di maxpay
    Data Registrazione
    13-10-01
    Località
    Sud Italia
    Messaggi
    24,673

    Predefinito Re: Jack Kerouac - Sulla strada

    windigo ha scritto sab, 16 ottobre 2004 alle 17:28
    considerate anche quando è stato scritto.
    Sono d'accordo che il racconto è spezzettato , e la narrazione manca di un pò di ritmo, ma quel libro rappresenta una vera e propria rottura con la letteratura di quegli anni.
    Per certi versi è stato rivoluzionario.
    E poi non si può certo dire che sia scritto male...
    premettendo il classico "de gustibus.."...
    parliamoci chiaro. lui è strafattissimo. i suoi compagni di viaggio anche.
    tolte le sue avventure nella angosciosa ricerca di qualche dollaro per vivere sotto una catapecchia e dedicarsi al dio bacco e alla maria e tolte le metafore - peraltro belle - e le descrizioni dei posti visitati, non è che un banalissimo diario.
    ed è scritto come un diario.
    in certi momenti poi è di una monotonia disarmante.

  5. #5
    Lo Zio L'avatar di PaRaNoIdAnDrOiD
    Data Registrazione
    09-03-02
    Località
    A cloudy city, Genova.
    Messaggi
    3,566

    Predefinito Re: Jack Kerouac - Sulla strada

    maxpay ha scritto sab, 16 ottobre 2004 alle 00:56
    un libro generazionale...un mostro sacro...ecc...
    ma solo io lo trovo pesantissimo?
    non riesco a leggerlo. sono ancora a pagina 100 e mi sembra eccessivamente "piombato".
    a parte il fatto che non è che sia così interessante...
    boh...


    l'ennessimo topic su On The Road -ce ne saranno di libri!!!-, comunque io l'ho letto bene e mi è piaciuto pure parecchio.

    Il "Coast to Coast",in fin dei conti, è un po' dentro a tutti i nostri cuori....

  6. #6
    Lo Zio L'avatar di windigo
    Data Registrazione
    07-10-01
    Località
    Napoli
    Messaggi
    3,068

    Predefinito Re: Jack Kerouac - Sulla strada

    maxpay ha scritto dom, 17 ottobre 2004 alle 00:37
    windigo ha scritto sab, 16 ottobre 2004 alle 17:28
    considerate anche quando è stato scritto.
    Sono d'accordo che il racconto è spezzettato , e la narrazione manca di un pò di ritmo, ma quel libro rappresenta una vera e propria rottura con la letteratura di quegli anni.
    Per certi versi è stato rivoluzionario.
    E poi non si può certo dire che sia scritto male...
    premettendo il classico "de gustibus.."...
    parliamoci chiaro. lui è strafattissimo. i suoi compagni di viaggio anche.
    tolte le sue avventure nella angosciosa ricerca di qualche dollaro per vivere sotto una catapecchia e dedicarsi al dio bacco e alla maria e tolte le metafore - peraltro belle - e le descrizioni dei posti visitati, non è che un banalissimo diario.
    ed è scritto come un diario.
    in certi momenti poi è di una monotonia disarmante.
    Certo che è scritto come un diario:che ti aspettavi?
    E' una narrazione sincera, cruda forse ,ma cmq vera.
    Non poteva che essere scritto così, o preferivi il pacchetto confezionato con i nastrini luccicanti e la (falsa) morale che emerge alla terza pagina?
    Dici che è monotono?
    Qualche volta , anzi spesso, è la vita ad essere monotona: è normale che una simile narrazione abbia anche per passaggi "morti".
    Cmq dovresti cogliere aspetti un pò differenti per apprezzarlo , quali l'angoscia giovanile e la voglia di fuggire da una realtà che umilia le aspettative , che sono poi la causa degli atteggiamenti suoi e della sua combriccola.

  7. #7
    Suprema Borga Imperiale L'avatar di maxpay
    Data Registrazione
    13-10-01
    Località
    Sud Italia
    Messaggi
    24,673

    Predefinito Re: Jack Kerouac - Sulla strada

    windigo ha scritto dom, 17 ottobre 2004 alle 12:16


    Certo che è scritto come un diario:che ti aspettavi?
    E' una narrazione sincera, cruda forse ,ma cmq vera.
    Non poteva che essere scritto così, o preferivi il pacchetto confezionato con i nastrini luccicanti e la (falsa) morale che emerge alla terza pagina?
    Dici che è monotono?
    Qualche volta , anzi spesso, è la vita ad essere monotona: è normale che una simile narrazione abbia anche per passaggi "morti".
    Cmq dovresti cogliere aspetti un pò differenti per apprezzarlo , quali l'angoscia giovanile e la voglia di fuggire da una realtà che umilia le aspettative , che sono poi la causa degli atteggiamenti suoi e della sua combriccola.
    era quello che mi aspettavo infatti ma finora non ho trovato praticamente nulla. nessuna riflessione che facesse pensare davvero ad una pagina di diario di una persona che ha vissuto con intensità certi anni della sua vita.
    c'è diario e diario. questo finora (e parliamo di un terzo di libro) non mi sta lasciando nulla.

    quanto al coast to coast alla fine è una delle poche cose che sto apprezzando, nel senso che le descrizioni del suo viaggio sono degne di nota, ma per il resto...

  8. #8
    Olengard
    ospite

    Predefinito Re: Jack Kerouac - Sulla strada

    windigo ha scritto dom, 17 ottobre 2004 12:16
    maxpay ha scritto dom, 17 ottobre 2004 alle 00:37
    windigo ha scritto sab, 16 ottobre 2004 alle 17:28
    considerate anche quando è stato scritto.
    Sono d'accordo che il racconto è spezzettato , e la narrazione manca di un pò di ritmo, ma quel libro rappresenta una vera e propria rottura con la letteratura di quegli anni.
    Per certi versi è stato rivoluzionario.
    E poi non si può certo dire che sia scritto male...
    premettendo il classico "de gustibus.."...
    parliamoci chiaro. lui è strafattissimo. i suoi compagni di viaggio anche.
    tolte le sue avventure nella angosciosa ricerca di qualche dollaro per vivere sotto una catapecchia e dedicarsi al dio bacco e alla maria e tolte le metafore - peraltro belle - e le descrizioni dei posti visitati, non è che un banalissimo diario.
    ed è scritto come un diario.
    in certi momenti poi è di una monotonia disarmante.
    Certo che è scritto come un diario:che ti aspettavi?
    E' una narrazione sincera, cruda forse ,ma cmq vera.
    Non poteva che essere scritto così, o preferivi il pacchetto confezionato con i nastrini luccicanti e la (falsa) morale che emerge alla terza pagina?
    Dici che è monotono?
    Qualche volta , anzi spesso, è la vita ad essere monotona: è normale che una simile narrazione abbia anche per passaggi "morti".
    Cmq dovresti cogliere aspetti un pò differenti per apprezzarlo , quali l'angoscia giovanile e la voglia di fuggire da una realtà che umilia le aspettative , che sono poi la causa degli atteggiamenti suoi e della sua combriccola.
    Vero. Però ci sono opere che invecchiano bene e opere che invecchiano male. Questa è invecchiata malissimo.

  9. #9
    Suprema Borga Imperiale L'avatar di maxpay
    Data Registrazione
    13-10-01
    Località
    Sud Italia
    Messaggi
    24,673

    Predefinito Re: Jack Kerouac - Sulla strada

    Olengard ha scritto lun, 18 ottobre 2004 alle 01:06


    Vero. Però ci sono opere che invecchiano bene e opere che invecchiano male. Questa è invecchiata malissimo.
    proprio stasera ne parlavo con un'amica che divora libri. ebbene anche lei non è riuscita a finirlo.
    ben inteso, non è che sto dicendo che fa schifo. semplicemente mi sembra valutato più di quel che è.

  10. #10
    Banned L'avatar di Kayoken
    Data Registrazione
    11-04-02
    Località
    Punxsutawney
    Messaggi
    1,286

    Predefinito Re: Jack Kerouac - Sulla strada

    io l'ho trovato bellissimo. Di Kerouac ho letto anche Maggie Cassidy e mi è piaciuto un sacco pure quello (e lì c'è ancora meno movimento).

  11. #11
    Veterano del Backstage L'avatar di Karat45
    Data Registrazione
    15-09-01
    Località
    Roma
    Messaggi
    13,594

    Predefinito Re: Jack Kerouac - Sulla strada

    maxpay ha scritto dom, 17 ottobre 2004 alle 00:37
    windigo ha scritto sab, 16 ottobre 2004 alle 17:28
    considerate anche quando è stato scritto.
    Sono d'accordo che il racconto è spezzettato , e la narrazione manca di un pò di ritmo, ma quel libro rappresenta una vera e propria rottura con la letteratura di quegli anni.
    Per certi versi è stato rivoluzionario.
    E poi non si può certo dire che sia scritto male...
    premettendo il classico "de gustibus.."...
    parliamoci chiaro. lui è strafattissimo. i suoi compagni di viaggio anche.
    tolte le sue avventure nella angosciosa ricerca di qualche dollaro per vivere sotto una catapecchia e dedicarsi al dio bacco e alla maria e tolte le metafore - peraltro belle - e le descrizioni dei posti visitati, non è che un banalissimo diario.
    ed è scritto come un diario.
    in certi momenti poi è di una monotonia disarmante.
    Certo, ridurre On the Road in questo modo mi fa sorgere qualche dubbio su chi legge più che su quel che è scritto.

  12. #12
    Veterano del Backstage L'avatar di Karat45
    Data Registrazione
    15-09-01
    Località
    Roma
    Messaggi
    13,594

    Predefinito Re: Jack Kerouac - Sulla strada

    Ma non è che leggete solo romanzoni americani e quando vi trovate per le mani un libro (americano anch'esso, tra l'altro) che non è schematico come gli altri entrate in crisi?

  13. #13
    Olengard
    ospite

    Predefinito Re: Jack Kerouac - Sulla strada

    Karat45 ha scritto lun, 18 ottobre 2004 16:19
    Ma non è che leggete solo romanzoni americani e quando vi trovate per le mani un libro (americano anch'esso, tra l'altro) che non è schematico come gli altri entrate in crisi?
    Mamma, guarda, un pregiudizio!

    P.S.: ovvero, no, grazie, leggo moltissima roba, adoro opere non schematiche, ho una buona conoscenza di letteratura di molte parti del mondo, tra i miei autori preferiti ha un posto d'onore Dostoevskij, che sarà un nome abusato, ma non certo autore di romanzoni banalotti... non ho però grande amore per i beat e, molto più banalmente, non mi piace Kerouac. Peraltro, cielo, non sapevo fosse intoccabile.

  14. #14
    Veterano del Backstage L'avatar di Karat45
    Data Registrazione
    15-09-01
    Località
    Roma
    Messaggi
    13,594

    Predefinito Re: Jack Kerouac - Sulla strada

    Olengard ha scritto lun, 18 ottobre 2004 alle 16:28
    Karat45 ha scritto lun, 18 ottobre 2004 16:19
    Ma non è che leggete solo romanzoni americani e quando vi trovate per le mani un libro (americano anch'esso, tra l'altro) che non è schematico come gli altri entrate in crisi?
    Mamma, guarda, un pregiudizio!

    P.S.: ovvero, no, grazie, leggo moltissima roba, adoro opere non schematiche, ho una buona conoscenza di letteratura di molte parti del mondo, tra i miei autori preferiti ha un posto d'onore Dostoevskij, che sarà un nome abusato, ma non certo autore di romanzoni banalotti... non ho però grande amore per i beat e, molto più banalmente, non mi piace Kerouac. Peraltro, cielo, non sapevo fosse intoccabile.
    non è assolutamente intoccabile. ma converrai con me che liquidarlo come uno che ha scritto un diario banale e poco appassionante è un po' limitativo per un autore che comunque merita un certo approfondimento. Altrimenti diciamo che Joyce è uno che ha scritto un romanzo su una persona banale e abbiamo riassunto l'Ulisse.

  15. #15
    Olengard
    ospite

    Predefinito Re: Jack Kerouac - Sulla strada

    Karat45 ha scritto lun, 18 ottobre 2004 16:54

    non è assolutamente intoccabile. ma converrai con me che liquidarlo come uno che ha scritto un diario banale e poco appassionante è un po' limitativo per un autore che comunque merita un certo approfondimento. Altrimenti diciamo che Joyce è uno che ha scritto un romanzo su una persona banale e abbiamo riassunto l'Ulisse.
    Ci mancherebbe altro, certo che sì. D'altra parte il mio "poco amore" per Kerouac è dovuto soprattutto al fatto che, pur tenendo conto del suo grande valore storico, trovo che Sulla Strada sia rimasto troppo legato proprio a quel periodo, e sia invecchiato molto molto male (confrontato, per rimanere in quel periodo, con Burroughs e Salinger, questi ultimi mi sembrano nettamente superiori e più attuali...)
    Per farti un esempio in ambito cinematografico, è un po' la stessa sensazione che mi dà vedere oggi Easy Rider... per quanto non sia certo un film mediocre, lo trovo ormai invecchiato e poco interessante, nonostante sia un film fondamentale...

  16. #16
    Banned L'avatar di Elf
    Data Registrazione
    14-03-02
    Località
    Piazza San Pietro
    Messaggi
    2,701

    Predefinito Re: Jack Kerouac - Sulla strada

    non m'è piaciuto granchè... ha di bello che stando a quanto dice lui è vero, non inventato... ma non m'è piaciuto.
    proprio per il fatot che quei ragazzi sono dei ribelli spregiudicati...

  17. #17
    Lo Zio L'avatar di PaRaNoIdAnDrOiD
    Data Registrazione
    09-03-02
    Località
    A cloudy city, Genova.
    Messaggi
    3,566

    Predefinito Re: Jack Kerouac - Sulla strada

    Elf ha scritto lun, 18 ottobre 2004 alle 20:18
    non m'è piaciuto granchè... ha di bello che stando a quanto dice lui è vero, non inventato... ma non m'è piaciuto.
    proprio per il fatot che quei ragazzi sono dei ribelli spregiudicati...
    e che l'hai letto a fare allora?

  18. #18
    Banned L'avatar di Kayoken
    Data Registrazione
    11-04-02
    Località
    Punxsutawney
    Messaggi
    1,286

    Predefinito Re: Jack Kerouac - Sulla strada

    uno dei motivi per cui mi è piaciuto è perchè "sa di vecchio", del fascino degli anni '40 e '50, l'anticamera di quello che sarebbe stato poi il decennio successivo.

  19. #19
    Lo Zio L'avatar di PaRaNoIdAnDrOiD
    Data Registrazione
    09-03-02
    Località
    A cloudy city, Genova.
    Messaggi
    3,566

    Predefinito Re: Jack Kerouac - Sulla strada

    e poi le pagine profumano di America

  20. #20
    Suprema Borga Imperiale L'avatar di maxpay
    Data Registrazione
    13-10-01
    Località
    Sud Italia
    Messaggi
    24,673

    Predefinito Re: Jack Kerouac - Sulla strada

    Karat45 ha scritto lun, 18 ottobre 2004 alle 16:19
    Ma non è che leggete solo romanzoni americani e quando vi trovate per le mani un libro (americano anch'esso, tra l'altro) che non è schematico come gli altri entrate in crisi?
    vedi karat è piuttosto difficile discutere su un libro quando la discussione stessa è minata da forti pregiudizi e da leggi pseudo-universali.
    io non ho affatto detto che chi ha una buona opinione di kerouac è un deficiente, mentre tu dai per scontato che chi lo giudica in negativo non sappia distinguere un classico della letteratura da un classico di zio paperone.
    esiste ciò che chiamano soggettività e sebbene io stesso faccia fatica nel crederci, mi limito ad accettare che una persona possa avere un'opinione diversa dalla mia.
    ora...io non so te, ma per quanto mi riguarda non mi basta leggere "classic best seller" su una copertina per farmi sbavare.
    questo jack kerouac probabilmente è un grande scrittore ma i suoi libri sono generazionali, appartengono - come ben spiegava olengatto - ad un passato che - parlo per me - non mi riguarda.
    ho 27 anni e chiedo perdono ma non posso assaporare la beat generation se non ho avuto nemmeno l'occasione di viverla per un solo giorno della mia vita.
    posso al massimo assaporare l'odore dell'america ma non mi basta per considerarlo un cult.

    detto questo, detto tutto. poi se vuoi possiamo pur sempre improntare il dibattito sullo stile frecciatine-da-finocchio-snob, poco proficuo ma tant'è...magari a qualcuno piace..

  21. #21
    Veterano del Backstage L'avatar di Karat45
    Data Registrazione
    15-09-01
    Località
    Roma
    Messaggi
    13,594

    Predefinito Re: Jack Kerouac - Sulla strada

    maxpay ha scritto mar, 19 ottobre 2004 alle 01:17
    Karat45 ha scritto lun, 18 ottobre 2004 alle 16:19
    Ma non è che leggete solo romanzoni americani e quando vi trovate per le mani un libro (americano anch'esso, tra l'altro) che non è schematico come gli altri entrate in crisi?
    vedi karat è piuttosto difficile discutere su un libro quando la discussione stessa è minata da forti pregiudizi e da leggi pseudo-universali.
    io non ho affatto detto che chi ha una buona opinione di kerouac è un deficiente, mentre tu dai per scontato che chi lo giudica in negativo non sappia distinguere un classico della letteratura da un classico di zio paperone.
    esiste ciò che chiamano soggettività e sebbene io stesso faccia fatica nel crederci, mi limito ad accettare che una persona possa avere un'opinione diversa dalla mia.
    ora...io non so te, ma per quanto mi riguarda non mi basta leggere "classic best seller" su una copertina per farmi sbavare.
    questo jack kerouac probabilmente è un grande scrittore ma i suoi libri sono generazionali, appartengono - come ben spiegava olengatto - ad un passato che - parlo per me - non mi riguarda.
    ho 27 anni e chiedo perdono ma non posso assaporare la beat generation se non ho avuto nemmeno l'occasione di viverla per un solo giorno della mia vita.
    posso al massimo assaporare l'odore dell'america ma non mi basta per considerarlo un cult.

    detto questo, detto tutto. poi se vuoi possiamo pur sempre improntare il dibattito sullo stile frecciatine-da-finocchio-snob, poco proficuo ma tant'è...magari a qualcuno piace..



    hai letto cosa ci siamo detti con olengard prima di scrivere? forse avresti capito cosa volevo intendere con il mio post. ripeto, non contesto l'apprezzare o meno On The Road. Contesto la semplificazione estrema della lettura che ne viene fatta. è un libro dalle molte faccie e mi sembra assurdo ridurlo a "noioso" "divertente"... questo lo si può fare con Wilbur Smith o con Tom Clancy...

  22. #22
    Suprema Borga Imperiale L'avatar di maxpay
    Data Registrazione
    13-10-01
    Località
    Sud Italia
    Messaggi
    24,673

    Predefinito Re: Jack Kerouac - Sulla strada

    Karat45 ha scritto mar, 19 ottobre 2004 alle 09:42

    hai letto cosa ci siamo detti con olengard prima di scrivere? forse avresti capito cosa volevo intendere con il mio post. ripeto, non contesto l'apprezzare o meno On The Road. Contesto la semplificazione estrema della lettura che ne viene fatta. è un libro dalle molte faccie e mi sembra assurdo ridurlo a "noioso" "divertente"... questo lo si può fare con Wilbur Smith o con Tom Clancy...
    se sono stato riduttivo nel descrivere questo libro, tu lo sei stato altrettanto nel dipingere chi non l'ha gradito. a me non dispiace la contestazione, mi dispiace che per un semplice punto di vista diverso tu debba sputare sugli altri con delle banalità tipiche da lettore snob.
    il tuo atteggiamento è lo stesso di chi osanna un autore anche se scrive cazzate.
    non ho letto altri libri di kerouac. sto leggendo questo. più di un terzo di libro non mi ha detto nulla. non è colpa mia o del fatto che possa leggere o meno libri diversi da questo. anzi non è colpa proprio di nessuno. semplicemente non inventarmi delle emozioni solo per osannarlo. non mi sforzo di farmi piacere un libro se questo mi da poco o niente.
    questo - ma è un mio punto di vista - riesce a mostrarti diverse sfaccettature se hai vissuto quell'epoca, se l'hai tastata con mano. in caso contrario rimane cmq uno spaccato ma pur sempre lontano da te. è proprio questa la difficoltà del libro. perchè qui non parliamo di un diario di riflessioni ma di avvenimenti. e sono gli avvenimenti che ti mostrano e ti fanno interpretare.
    ma per interpretare nel modo giusto, devi avere almeno un pizzico di beat generation nel palato.
    se non ce l'hai puoi sempre dire che kerouac è un grande scrittore e te l'accetto anche, perchè sicuramente qualche altro suo libro mi direbbe di più di questo. ma questo no.
    olengard ha detto una cosa sacrosanta: è invecchiato malissimo ed è vero.

    quanto agli scrittori che tu hai citato ti do perfettamente ragione quando dici che è possibile riassumere i loro racconti in pochi aggettivi, tuttavia non vedo perchè debba schifare il "semplice divertimento".

  23. #23
    Veterano del Backstage L'avatar di Karat45
    Data Registrazione
    15-09-01
    Località
    Roma
    Messaggi
    13,594

    Predefinito Re: Jack Kerouac - Sulla strada

    maxpay ha scritto mar, 19 ottobre 2004 alle 10:31
    Karat45 ha scritto mar, 19 ottobre 2004 alle 09:42

    hai letto cosa ci siamo detti con olengard prima di scrivere? forse avresti capito cosa volevo intendere con il mio post. ripeto, non contesto l'apprezzare o meno On The Road. Contesto la semplificazione estrema della lettura che ne viene fatta. è un libro dalle molte faccie e mi sembra assurdo ridurlo a "noioso" "divertente"... questo lo si può fare con Wilbur Smith o con Tom Clancy...
    se sono stato riduttivo nel descrivere questo libro, tu lo sei stato altrettanto nel dipingere chi non l'ha gradito. a me non dispiace la contestazione, mi dispiace che per un semplice punto di vista diverso tu debba sputare sugli altri con delle banalità tipiche da lettore snob.
    il tuo atteggiamento è lo stesso di chi osanna un autore anche se scrive cazzate.
    non ho letto altri libri di kerouac. sto leggendo questo. più di un terzo di libro non mi ha detto nulla. non è colpa mia o del fatto che possa leggere o meno libri diversi da questo. anzi non è colpa proprio di nessuno. semplicemente non inventarmi delle emozioni solo per osannarlo. non mi sforzo di farmi piacere un libro se questo mi da poco o niente.
    questo - ma è un mio punto di vista - riesce a mostrarti diverse sfaccettature se hai vissuto quell'epoca, se l'hai tastata con mano. in caso contrario rimane cmq uno spaccato ma pur sempre lontano da te. è proprio questa la difficoltà del libro. perchè qui non parliamo di un diario di riflessioni ma di avvenimenti. e sono gli avvenimenti che ti mostrano e ti fanno interpretare.
    ma per interpretare nel modo giusto, devi avere almeno un pizzico di beat generation nel palato.
    se non ce l'hai puoi sempre dire che kerouac è un grande scrittore e te l'accetto anche, perchè sicuramente qualche altro suo libro mi direbbe di più di questo. ma questo no.
    olengard ha detto una cosa sacrosanta: è invecchiato malissimo ed è vero.

    quanto agli scrittori che tu hai citato ti do perfettamente ragione quando dici che è possibile riassumere i loro racconti in pochi aggettivi, tuttavia non vedo perchè debba schifare il "semplice divertimento".

    ma voi siete sicuri che serva aver vissuto la beat generation per capire On The Road? a me non sembra. è un libro sulla libertà in senso molto più ampio che semplicemente in quello generazionale. Va a scavare in profondità il tema del viaggio e lo rinnova rispetto agli autori del passato. Ripeto, può non essere adatto ai gusti contemporanei. ma da qui a dire che è invecchiato male ce ne passa.

  24. #24
    Suprema Borga Imperiale L'avatar di maxpay
    Data Registrazione
    13-10-01
    Località
    Sud Italia
    Messaggi
    24,673

    Predefinito Re: Jack Kerouac - Sulla strada

    Karat45 ha scritto mar, 19 ottobre 2004 alle 13:05

    ma voi siete sicuri che serva aver vissuto la beat generation per capire On The Road? a me non sembra. è un libro sulla libertà in senso molto più ampio che semplicemente in quello generazionale. Va a scavare in profondità il tema del viaggio e lo rinnova rispetto agli autori del passato. Ripeto, può non essere adatto ai gusti contemporanei. ma da qui a dire che è invecchiato male ce ne passa.
    è proprio questo il punto. ci sono libri che ci possiamo azzardare a definire immortali proprio per la loro capacità di farti vivere emozioni mai vissute o meglio ti fanno capire e comprendere un'età che non hai nemmeno immaginato.
    questo - ma ribadisco che è un mio parere - non lo fa. e se all'inizio credevo di essere l'unico (mi ero quasi convinto di non averlo letto bene), pareri di altre persone mi hanno invece portato a pensare che è un libro che ha le sue pecche e che, se vogliamo, è quasi "di nicchia".

  25. #25
    Il Nonno L'avatar di Ph@ntom
    Data Registrazione
    03-11-01
    Località
    Milano
    Messaggi
    4,534

    Predefinito Re: Jack Kerouac - Sulla strada

    Karat45 ha scritto mar, 19 ottobre 2004 alle 13:05

    ma voi siete sicuri che serva aver vissuto la beat generation per capire On The Road? a me non sembra. è un libro sulla libertà in senso molto più ampio che semplicemente in quello generazionale. Va a scavare in profondità il tema del viaggio e lo rinnova rispetto agli autori del passato. Ripeto, può non essere adatto ai gusti contemporanei. ma da qui a dire che è invecchiato male ce ne passa.
    Ritengo invece che sia adattissimo al gusto contemporaneo (e non capisco come possa essere il contrario, sinceramente).
    Restando in tema, qualcuno s'è mai degnato di leggere Ginsberg?

+ Rispondi alla Discussione
Pag 1 di 2 12 UltimaUltima

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice HTML è Disattivato