+ Rispondi alla Discussione
Risultati da 1 a 23 di 23

Discussione: [01/10/2003] Crimini virtuali e giustizia reale

  1. #1
    keiser
    ospite

    Predefinito [01/10/2003] Crimini virtuali e giustizia reale

    Quanto valore diamo al tempo che spendiamo a giocare, magari online? Sapreste monetizzare il valore degli oggetti e delle proprietà che il vostro avatar possiede? Se dovessimo basarci solo sul tempo, probabilmente varrebbero un sacco di soldi; più concretamente, valgono almeno la spesa di connessione e di abbonamento per il tempo necessario ad ottenerli. E se un bel giorno un gruppo di masnadieri entrasse in casa vostra (quella virtuale, si intende) e si impossessasse dei vostri averi, che cosa fareste?
    La polizia coreana sta prendendo molto sul serio il problema (fonte: BBC News): nei primi sei mesi del 2003 sono stati riportati oltre quarantamila crimini informatici, dei quali oltre la metà connessa al gioco online. La questione si lega a doppio filo con il sempre maggior numero di persone che vende o scambia online (su siti di aste) oggetti e personaggi, che apre le porte ad un vero e proprio "mercato nero".
    Il crimine è perseguibile? In fin dei conti non viene rubato nulla di concreto o di tangibile. Però, ci viene fatto notare, anche quando un pirata vi svuota il conto corrente in banca, non è certo che scappi con un sacchetto di soldi in mano. E poi, come dimostrare che c'è stato effettivamente un crimine? Con uno screenshot? Non credo che verrebbe accettato come prova... Si dovrebbe forse ri-pensare agli oggetti in sè (ma è un compito che spetta ai programmatori), incorporando al loro interno una sorta di "firma digitale"... Così vedremmo proliferare esperti che "limano" il numero di serie dagli artefatti rubati... Problema complesso... E voi, che ne pensate?

  2. #2
    L'Onesto L'avatar di j.li
    Data Registrazione
    08-06-02
    Località
    Napoli
    Messaggi
    1,346

    Predefinito Re: [01/10/2003] Crimini virtuali e giustizia reale

    Che stiamo costruendo una casa su un castello di carta...
    Vabbè che in fin dei conti, dire che una volta implementato un sistema di sicurezza c'è un modo per bucarlo è un pò come dire che una volta montato un antifurto per auto prima o poi qualcuno troverà il modo per bypassarlo...
    Ci vuole un sistema di sicurezza migliore di quello in uso oggi. Magari avrà qualche falla, ma se tiri una bomba su una cassaforte si apre!

    giulio

  3. #3
    Il Puppies L'avatar di cardoso
    Data Registrazione
    24-06-03
    Località
    Milano
    Messaggi
    387

    Predefinito Re: [01/10/2003] Crimini virtuali e giustizia reale

    Io lo vedo come un problema che in futuro diventerà abbastanza comune, quello che adesso ci sembra ridicolo e impensabile lentamente diverrà sempre più familiare finchè le leggi lo regoleranno come ogni altra cosa.

    Mi vengono in mente alcuni scenari descritti da Clancy nella serie di romanzi netforce, che ogni anno diventano sempre meno futuribili.

    Comunque mi ricorderò sempre le mie prime scappattele in battlenet con Diablo, dopo aver ricevuto in "dono" alcuni potentissimi oggetti comincio a bighellonare tutto tronfio del mio nuovo elmo e dei miei superanelli finchè entro in un game da cui vengo gentilmente allontanato per possesso di oggetti tarocchi. Lì ho scoperto che se qualcuno ti regala qualcosa, anche solo in un gioco, è perchè l'ha rubato!

    Avrei potuto sborsare anche soldi veri (lo so che adesso è più complesso taroccare gli oggetti, ma per ogni protezione qualcuno cerca di aggirarla), è mi sarei dovuto recare alla polizia denunciando la truffa: "ho comprato un elmo +40 falso, voglio denunciare quel bast....)

  4. #4
    x3n0n
    ospite

    Predefinito Re: [01/10/2003] Crimini virtuali e giustizia reale

    secondo me questo è l'inizio della fine.

    ma state scherzando tutti o cosa?


    ma davvero in corea la polizia non ha niente di meglio da fare che perseguitare i pk?

    non so se ve ne siete accorti ma è un gioco.

    non ha un risconto nel mondo reale.

    è come quel tipo che si è venduto il suo personaggio di diablo II a fior fior di soldoni. lui ha fatto bene , il pollo che l'ha comprato avrebbero dovuto interdirlo.


    i soldi che spendi per la connessione sono per giocare online.
    non per accumulare ricchezze.

    certo mi roderebbe il culo (come tutte le volte che sono stato pkappato e lootato ) ma è un gioco.


    se il futuro è così...dio il futuro è davvero triste.


    spegnete lo schermo e fatevi una scop...ehm .... passeggiata va.

  5. #5
    Il Puppies L'avatar di cardoso
    Data Registrazione
    24-06-03
    Località
    Milano
    Messaggi
    387

    Predefinito Re: [01/10/2003] Crimini virtuali e giustizia reale

    x3n0n ha scritto mer, 01 ottobre 2003 alle 10:46
    secondo me questo è l'inizio della fine.

    ma state scherzando tutti o cosa?


    ma davvero in corea la polizia non ha niente di meglio da fare che perseguitare i pk?

    non so se ve ne siete accorti ma è un gioco.

    non ha un risconto nel mondo reale.

    è come quel tipo che si è venduto il suo personaggio di diablo II a fior fior di soldoni. lui ha fatto bene , il pollo che l'ha comprato avrebbero dovuto interdirlo.


    i soldi che spendi per la connessione sono per giocare online.
    non per accumulare ricchezze.

    certo mi roderebbe il culo (come tutte le volte che sono stato pkappato e lootato ) ma è un gioco.


    se il futuro è così...dio il futuro è davvero triste.


    spegnete lo schermo e fatevi una scop...ehm .... passeggiata va.
    Una truffa è una truffa, posso essere d'accordo con te sul fatto che stiamo parlando di giochi, ma il discorso deve valere sempre.

    Ma spiegami perchè la polizia dovrebbe indagare sulle falsificazioni di francobolli rari, che hanno un valore solo perchè il mercato esiste e non su oggetti virtuali che acquisteranno valore per lo stesso motivo.

    Quello che per me è senza valore per un altro magari è preziosissimo, lo stato deve tutelare tutti, spendendo le risorse che ha in maniera ottimale.

  6. #6
    Lo Zio L'avatar di MarcRemillard
    Data Registrazione
    21-09-01
    Località
    Bergamo
    Messaggi
    1,961

    Predefinito Re: [01/10/2003] Crimini virtuali e giustizia reale

    Mio dio! E questo è solo l'inizio!

    A parte che i Coreani sono matti, quasi quanto i Giappi , ma sono anche un bel po' avanti rispetto a noi, ormai per le tendenze concernenti internet e videoludo dovremmo guardare a loro, non più agli Americani

    Korea Powah!!!

  7. #7
    Il Fantasma L'avatar di Zed666
    Data Registrazione
    09-07-02
    Località
    Marte
    Messaggi
    114

    Predefinito Re: [01/10/2003] Crimini virtuali e giustizia reale

    Bell' editoriale, che dire... secondo il danno c'e' se ti rubano un personaggio o un account ad es. di un Rpg online. Ad una riflessione veloce un può pensare "so matti" ma, ome si sa', la più basilare legge del'economia o microeconomia è proprio "il tempo è denaro" , cioe' noi impieghiamo anni a far crescere il nostro pg e poi... te lo rubano o cancellano? Senza contare che, oltre al tempo, si spendono anche i costi di connessione ed eventuale abbonamento.
    Certo, non e' niente di "fisico" ed un buon admin puo' sempre riprendere vecchi log o valutare screenshot, ma sarebbe comunque un bel danno.
    Fa' riflettere...

  8. #8

    Predefinito Re: [01/10/2003] Crimini virtuali e giustizia reale

    Secondo me qualunque comportamento scorretto va condannato e punito con decisione. Non mi riferisco ai pk, che magari hanno un comportamento antipatico, ma che rispetta le regole del gioco che vengono impostate dai programmatori stabilendo cosa si può fare e cosa no. Mi riferisco ai cheaters che barano e rovinano il gioco degli utenti onesti.
    Però, non vorrei essere frainteso, non mi sembra il caso he se ne occupino la polizia e la magistratura. Secondo me la cosa deve essere risolta all'interno del mondo di gioco. Questo deve essere fatto aumentando notevolmente i livelli di sicurezza contro i malintenzionati che vogliono sabotare il gioco o approffitare di eventuali bug, punire severamente le persone scorrete (con ban permanenti per esempio, o chiedendo delle cauzioni monetarie che non vengono più restituite in caso di irregolarità, in modo da scoraggiare il fenomeno), e mantenere dei dettagliati log che permettano di restituire alle vittime il loro stato precedente al torto subito.

  9. #9

    Predefinito Re: [01/10/2003] Crimini virtuali e giustizia reale

    Gli oggetti in questione NON sono reali, quindi secondo la mia modesta opinione non perseguibili dalla legge.
    La causa del contratto stipulato è il trasferimento degli oggetti virtuali dietro un corrispettivo.Penso che i benefici siano irrisori e non credo possano intaccare la sfera patrimoniale delle due parti che hanno stipulato il contratto.(condizione necessaria per definizione del contratto economico).

    PS:Non sono un giurista ne nemmeno uno studente di diritto, quindi correggetemi pure se il ragionamento non torna!

  10. #10
    Lo Zio
    Data Registrazione
    13-09-02
    Messaggi
    2,022

    Predefinito Re: [01/10/2003] Crimini virtuali e giustizia reale

    Sti ca22o di americani... non ne fanno una buona!
    Con tutti i problemi che ci sono al mondo: la siccità, il traffico, l'Etna... questi a che pensano? Alle truffe informatiche!
    Americani brutti e cattivi!


    PS: Ah non sono americani? Coreani? Vabbè allora chissene... mi avete fatto agitare per nulla...

  11. #11
    Il Puppies L'avatar di Mech
    Data Registrazione
    19-06-03
    Località
    Sesto
    Messaggi
    503

    Predefinito Re: [01/10/2003] Crimini virtuali e giustizia reale

    Si ricorda proprio il caso di Sims Online di qualche mese fa

  12. #12
    Lo Zio L'avatar di j0k3r1976
    Data Registrazione
    09-11-02
    Località
    Dentro Jessica Biel
    Messaggi
    2,708

    Predefinito Re: [01/10/2003] Crimini virtuali e giustizia reale

    Che bello.....20 anni fa eravamo visti come degli alieni ed adesso 'creiamo' problemi che i 'normali' devono risolvere...

    ...e so' soddisfazioni !!!

    Concordo che il tutto mi fare ridere (attenzione, non sorridere....)

    Giusto per un attimo di serietà, basterebbe che si vietasse che in ambito ludico fossero vietate certe cose tipo aste, o meglio che restassero in ambito 'virtuale'....

    Cmq nn sono informato a riguardo della cosa, la mia era un riflessione ad alta voce....

  13. #13
    keiser
    ospite

    Predefinito Re: [01/10/2003] Crimini virtuali e giustizia reale

    TheFoxSoft ha scritto mer, 01 ottobre 2003 alle 11:55
    Gli oggetti in questione NON sono reali, quindi secondo la mia modesta opinione non perseguibili dalla legge.
    e il conto corrente? se ti viene svuotato, come dicevo nell'editoriale, che fai? anche quello non è reale, ma se ti ritrovi a zero sono volatili per diabetici... e per fortuna che in quel caso il reato è abbondantemente perseguibile

  14. #14
    Shogun Assoluto L'avatar di Mithrandir
    Data Registrazione
    28-04-03
    Località
    Reginasirarefà
    Messaggi
    26,019

    Predefinito Re: [01/10/2003] Crimini virtuali e giustizia reale

    keiser ha scritto mer, 01 ottobre 2003 alle 12:27
    TheFoxSoft ha scritto mer, 01 ottobre 2003 alle 11:55
    Gli oggetti in questione NON sono reali, quindi secondo la mia modesta opinione non perseguibili dalla legge.
    e il conto corrente? se ti viene svuotato, come dicevo nell'editoriale, che fai? anche quello non è reale, ma se ti ritrovi a zero sono volatili per diabetici... e per fortuna che in quel caso il reato è abbondantemente perseguibile
    si ma se ti fregano la spada +2 del tuo PG, non rimani con il sedere per terra come si suol dire, è più l'incaxxatura che il danno, visto che se ne hai proprio voglia giochi ancora e te ne procuri un'altra. E' vero che tu hai speso i soldi per la connessione, suvvia, li hai spesi per giocare, dopotutto il divertimento non te lo possono rubare...al massimo ne cominci un altro...

    Riguardo alla compravendita dei personaggi, finchè le due parti sono consenzienti...perchè no?

    I Coreani non hanno di meglio da fare?

  15. #15
    x3n0n
    ospite

    Predefinito Re: [01/10/2003] Crimini virtuali e giustizia reale

    Quote:


    Che bello.....20 anni fa eravamo visti come degli alieni ed adesso 'creiamo' problemi che i 'normali' devono risolvere...

    ...e so' soddisfazioni !!!


    ricordo che la corea è il paese che ha obbligato i server di ragnarok online (mmmmmm ragnarok online.....) perchè era estate e i bambini dovevano uscire a giocare invece di stare al pc (non scherzo!)

    cmq è un delirio.

    la magistratura ha altri problemi sicuramente + importanti

    credo...spero


    Quote:
    Re: [01/10/2003] Crimini virtuali e giustizia reale mer, 01 ottobre 2003 11:55

    Gli oggetti in questione NON sono reali, quindi secondo la mia modesta opinione non perseguibili dalla legge.
    La causa del contratto stipulato è il trasferimento degli oggetti virtuali dietro un corrispettivo.Penso che i benefici siano irrisori e non credo possano intaccare la sfera patrimoniale delle due parti che hanno stipulato il contratto.(condizione necessaria per definizione del contratto economico).
    non fa una grinza

  16. #16

    Predefinito Re: [01/10/2003] Crimini virtuali e giustizia reale

    Secondo me questi "crimini irreali", a lungo termine, potrebbero diventare un problema. Chi di voi va a passeggio nel Bronx da solo e col portafoglio pieno? Perchè dovremmo giocare online se c'è una concreta possibilità che i nostri sforzi vadano a farsi friggere per colpa di uno scemétto qualsiasi?
    Devo ammettere che, a parte i costi degli abbonamenti, io non gioco online proprio per evitare di incontrare il rompicitroni di turno che mi fa buttar via centinaia di ore di gioco.

    I crimini sono sempre crimini, sia nel mondo virtuale che in quello reale.

    Certo invece di far intervenire la polizia, che ha certamente di meglio da fare, occorrerebbe piuttosto responsabilizzare gli admin anche a costo di sfornare leggi e/o multe apposite.
    Se poi un admin vuole aprire un server su cui consentire certe azioni, può anche farlo ma dovrebbe come minimo mostrare una finestra di avviso quando un giocatore entra nel mondo.

    :>Nime

  17. #17
    Il Puppies L'avatar di cardoso
    Data Registrazione
    24-06-03
    Località
    Milano
    Messaggi
    387

    Predefinito Re: [01/10/2003] Crimini virtuali e giustizia reale

    TheFoxSoft ha scritto mer, 01 ottobre 2003 alle 11:55
    Gli oggetti in questione NON sono reali, quindi secondo la mia modesta opinione non perseguibili dalla legge.
    Non credo che la legge faccia distrinzione fra oggetti reali e non, comunque io continuo a sostenere che il valore di una cosa non è oggettivo ma dipende dalla considerazione che hanno le persone.
    Se oggi vi fregano una fx 5900 vi fanno un danno quantificabile in tot, se ve la rubano fra tre anni, la cosa cambia.
    Cosa volete fare? Il reato di furto di schede video è perseguibile solo fino a che non entra in commercio la successiva generazione?
    Poi non è più importante?
    Non credo alle frasi come la polizia e la magistratura hanno di meglio da fare, tipo cosa danno la caccia a fare ai pirati, quando la gente ruba cose ben più grandi!
    ogni persona inserirebbe nella frase due termini diversi e la cosa andrebbe avanti all'infinito.
    Un reato è reato poi le forze dell'ordine avranno le loro priorità e agiranno di conseguenza

  18. #18

    Predefinito Re: [01/10/2003] Crimini virtuali e giustizia reale

    asdasdasd
    siete malati....
    é solo un gioco, e in quanto tale pensato per divertirsi; se c'è gente simile vuol dire che c'è del marcio nel gioco.

  19. #19
    Banned
    Data Registrazione
    08-10-02
    Località
    Firenze
    Messaggi
    5,008

    Predefinito Re: [01/10/2003] Crimini virtuali e giustizia reale

    keiser ha scritto mer, 01 ottobre 2003 alle 12:27
    TheFoxSoft ha scritto mer, 01 ottobre 2003 alle 11:55
    Gli oggetti in questione NON sono reali, quindi secondo la mia modesta opinione non perseguibili dalla legge.
    e il conto corrente? se ti viene svuotato, come dicevo nell'editoriale, che fai? anche quello non è reale, ma se ti ritrovi a zero sono volatili per diabetici... e per fortuna che in quel caso il reato è abbondantemente perseguibile
    Scusate l'intromissione e la parentesi.

    Ma il software piratato?
    Anche quello non e' reale, e' solo software che potrebbe venire registrato su un qualsiasi supporto in grado di contenerlo(floppy, cd, dvd, HD)......

    Masp.

  20. #20

    Predefinito Re: [01/10/2003] Crimini virtuali e giustizia reale

    masp ha scritto mer, 01 ottobre 2003 alle 17:24
    keiser ha scritto mer, 01 ottobre 2003 alle 12:27
    TheFoxSoft ha scritto mer, 01 ottobre 2003 alle 11:55
    Gli oggetti in questione NON sono reali, quindi secondo la mia modesta opinione non perseguibili dalla legge.
    e il conto corrente? se ti viene svuotato, come dicevo nell'editoriale, che fai? anche quello non è reale, ma se ti ritrovi a zero sono volatili per diabetici... e per fortuna che in quel caso il reato è abbondantemente perseguibile
    Scusate l'intromissione e la parentesi.

    Ma il software piratato?
    Anche quello non e' reale, e' solo software che potrebbe venire registrato su un qualsiasi supporto in grado di contenerlo(floppy, cd, dvd, HD)......

    Masp.
    Assolutamente sbagliato!Il software è tutelato dal diritto d'autore!Qui il discorso è MOLTO piu complesso, la tutela del software ci azzecca poco con "spade e magie rubate"

  21. #21
    Banned
    Data Registrazione
    08-10-02
    Località
    Firenze
    Messaggi
    5,008

    Predefinito Re: [01/10/2003] Crimini virtuali e giustizia reale

    TheFoxSoft ha scritto ven, 03 ottobre 2003 alle 17:50

    Assolutamente sbagliato!Il software è tutelato dal diritto d'autore!Qui il discorso è MOLTO piu complesso, la tutela del software ci azzecca poco con "spade e magie rubate"
    Non tutto il software e' tutelato.
    E dopotutto le tue "spade e magie rubate" altro non sono se non codice, pardon, dati che vengono anchessi memorizzati su supporto.

  22. #22

    Predefinito Re: [01/10/2003] Crimini virtuali e giustizia reale

    masp ha scritto ven, 03 ottobre 2003 alle 16:10
    TheFoxSoft ha scritto ven, 03 ottobre 2003 alle 17:50

    Assolutamente sbagliato!Il software è tutelato dal diritto d'autore!Qui il discorso è MOLTO piu complesso, la tutela del software ci azzecca poco con "spade e magie rubate"
    Non tutto il software e' tutelato.
    E dopotutto le tue "spade e magie rubate" altro non sono se non codice, pardon, dati che vengono anchessi memorizzati su supporto.
    non si tratta di opera creativa dell'intelletto e non si tratta neanche di un opera originale.Mancano i requisiti per essere tutelato dal diritto d'autore.Inoltre TUTTO il software con i suddetti requisiti è tutelato dalla legge!

  23. #23
    Banned
    Data Registrazione
    08-10-02
    Località
    Firenze
    Messaggi
    5,008

    Predefinito Re: [01/10/2003] Crimini virtuali e giustizia reale

    TheFoxSoft ha scritto sab, 04 ottobre 2003 alle 12:34
    masp ha scritto ven, 03 ottobre 2003 alle 16:10
    TheFoxSoft ha scritto ven, 03 ottobre 2003 alle 17:50

    Assolutamente sbagliato!Il software è tutelato dal diritto d'autore!Qui il discorso è MOLTO piu complesso, la tutela del software ci azzecca poco con "spade e magie rubate"
    Non tutto il software e' tutelato.
    E dopotutto le tue "spade e magie rubate" altro non sono se non codice, pardon, dati che vengono anchessi memorizzati su supporto.
    non si tratta di opera creativa dell'intelletto e non si tratta neanche di un opera originale.Mancano i requisiti per essere tutelato dal diritto d'autore.Inoltre TUTTO il software con i suddetti requisiti è tutelato dalla legge!
    Su questo potremmo discutere molto.
    Bisogna ben delineare cosa vuol dire 'opera creativa dell'intelletto', poiche' se utilizzo le librerie di msdn per costruire un programma, degli oggetti, certo posso fare qualcosa di creativo, ma dopotutto non e' originale, dato che utilizzo qualcosa fatto gia' da qualcun'altro.
    'Originale' poi ..... non mi sembra tanto visto anche la continua mania di elaborare opere con numeri in fondo.
    (quello 2, vattelapesca III, nuovo gioco 4).
    Anche sui gestionali, un bel programma per commesse sotto windowsXP con finestre grafica e 3D, potra' essere all'avanguardia, ma esegue gli stessi compiti di un programmillo
    modalita' testo per UNIX.

    Insomma, come fare a distinguere qualcosa di veramente originale in ambito informatico?
    E come fare a distinguere un opera veramente tua, se utilizzi sempre e comunque 'oggetti' preesistenti?

    Un bel quesito.
    Penso.

+ Rispondi alla Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice HTML è Disattivato