+ Rispondi alla Discussione
Risultati da 1 a 12 di 12

Discussione: Tom Wolfe "Io sono Charlotte Simmons"

  1. #1
    Lo Zio L'avatar di grizzly.13
    Data Registrazione
    29-01-02
    Località
    Prov. di Vicenza
    Messaggi
    2,609

    Predefinito Tom Wolfe "Io sono Charlotte Simmons"



    La Dupont University, con le sue architetture gotiche e il suo parco splendidamente curato, è l'Olimpo della cultura universitaria americana, il luogo che raccoglie la crème della gioventù statunitense. O perlomeno così appare agli occhi di Charlotte Simmons, bella e intelligente matricola che, avendo vinto una borsa di studio, si ritrova catapultata in questo paradiso dal paesino sperduto nelle montagne del North Carolina dove ha vissuto l'intera sua vita. E qui, con sua grande sorpresa, viene subito "adottata" dai principali esponenti dell'èlite studentesca: la sua compagna di stanza Beverly, più dedita alle conquiste amorose che allo studio; Jojo Johanssen, l'unico giocatore bianco del "dream team" di pallacanesto, la cui stella sta per essere offuscata da uno studente nero appena arrivato; Hoyth Thorpe, snobissimo esponente della Saint Ray fraternity, che ha per caso assistito a un segreto incontro sessuale di un compagno con il governatore della California; e Adam Gellin, che dirige il giornale dell'università appellandosi al più stretto rigore intellettuale. Entrare nelle loro grazie è per Charlotte una meravigliosa sorpresa, qualcosa che dà alla testa e rischia di farle tradire completamente i valori in cui è cresciuta, prima di arrivare a capire la grandezza del suo essere diversa e la forza che le dà la sua innocenza.

    Io sono Charlotte Simmons
    Autore
    Wolfe Tom

    Editore
    Mondadori

    Isbn
    **********
    Data pub.
    Oct 2005

    Genere
    letteratura straniera

    Collana
    Scrittori italiani e stranieri

    Prezzo
    € 18,00

    ---------------------------------------- -------

    C'è qualcuno che attende questo libro oltre a me, in questa landa?

    C'è qualche ammiratore di Tom Wolfe?

    Ma soprattutto qualcuno sa quando caspio esce?

  2. #2
    Lo Zio L'avatar di grizzly.13
    Data Registrazione
    29-01-02
    Località
    Prov. di Vicenza
    Messaggi
    2,609

    Predefinito Re: Tom Wolfe "Io sono Charlotte Simmons"

    Non è uscito neanche questa settimana.

  3. #3
    La Borga L'avatar di Valfuindor la Maia
    Data Registrazione
    24-02-02
    Località
    Utrecht, NL
    Messaggi
    12,362

    Predefinito Re: Tom Wolfe "Io sono Charlotte Simmons"

    non conosco tom wolfe, però il plot è davvero banale. spero che almeno lo stile dello scrittore (perciò mi riferisco alla lingua originale) valga l'acquisto.

  4. #4
    Lo Zio L'avatar di grizzly.13
    Data Registrazione
    29-01-02
    Località
    Prov. di Vicenza
    Messaggi
    2,609

    Predefinito Re: Tom Wolfe "Io sono Charlotte Simmons"

    Accipicchia!

    Il nuovo romanzo di Tom Wolfe uscirà in Italia l'8 ottobre. Questa settimana diverse testate ne hanno parlato, il Corriere Magazine gli ha persino dedicato la copertina

  5. #5
    Lo Zio L'avatar di PaRaNoIdAnDrOiD
    Data Registrazione
    09-03-02
    Località
    A cloudy city, Genova.
    Messaggi
    3,566

    Predefinito Re: Tom Wolfe "Io sono Charlotte Simmons"

    Io sono in attesa di questo libro, dopo aver letto il servizio che ha dedicato il corriere magazine a Tom Wolfe. Mi attira parecchio.

  6. #6
    Banned L'avatar di Sergio  Da  Rio
    Data Registrazione
    01-08-05
    Messaggi
    112

    Predefinito Re: Tom Wolfe "Io sono Charlotte Simmons"

    grizzly.13 ha scritto sab, 29 ottobre 2005 alle 16:16
    Accipicchia!

    Il nuovo romanzo di Tom Wolfe uscirà in Italia l'8 ottobre. Questa settimana diverse testate ne hanno parlato, il Corriere Magazine gli ha persino dedicato la copertina
    Di che anno?

  7. #7
    Lo Zio L'avatar di grizzly.13
    Data Registrazione
    29-01-02
    Località
    Prov. di Vicenza
    Messaggi
    2,609

    Predefinito Re: Tom Wolfe "Io sono Charlotte Simmons"

    Sergio Da Rio ha scritto lun, 31 ottobre 2005 alle 02:36
    grizzly.13 ha scritto sab, 29 ottobre 2005 alle 16:16
    Accipicchia!

    Il nuovo romanzo di Tom Wolfe uscirà in Italia l'8 ottobre. Questa settimana diverse testate ne hanno parlato, il Corriere Magazine gli ha persino dedicato la copertina
    Di che anno?
    Eh, vaccadì, come direbbero qui a Verona, intendevo scrivere NOVEMBRE!

    A breve verificherò se si tratta di un bel romanzi anti-anticonformista à la Wolfe o di una bolla di sapone al gusto di marketing.

  8. #8
    Lo Zio L'avatar di PaRaNoIdAnDrOiD
    Data Registrazione
    09-03-02
    Località
    A cloudy city, Genova.
    Messaggi
    3,566

    Predefinito Re: Tom Wolfe "Io sono Charlotte Simmons"

    grizzly.13 ha scritto lun, 31 ottobre 2005 alle 13:04
    Sergio Da Rio ha scritto lun, 31 ottobre 2005 alle 02:36
    grizzly.13 ha scritto sab, 29 ottobre 2005 alle 16:16
    Accipicchia!

    Il nuovo romanzo di Tom Wolfe uscirà in Italia l'8 ottobre. Questa settimana diverse testate ne hanno parlato, il Corriere Magazine gli ha persino dedicato la copertina
    Di che anno?
    Eh, vaccadì, come direbbero qui a Verona, intendevo scrivere NOVEMBRE!

    A breve verificherò se si tratta di un bel romanzi anti-anticonformista à la Wolfe o di una bolla di sapone al gusto di marketing.
    Ma l'hai comprato?

  9. #9
    Lo Zio L'avatar di grizzly.13
    Data Registrazione
    29-01-02
    Località
    Prov. di Vicenza
    Messaggi
    2,609

    Predefinito Re: Tom Wolfe "Io sono Charlotte Simmons"

    E' uscito!

    Solo che, come c'era da temere, è nella migliore tradizione Wolfiana un pacco di 800 pagg. Il prezzo è 22€. Ci rifletterò su prima di comprarlo, e comunque aspetto che arrivi alla Fnacche, dove almeno non mi fanno pagare l'IVA.

  10. #10
    Lo Zio L'avatar di PaRaNoIdAnDrOiD
    Data Registrazione
    09-03-02
    Località
    A cloudy city, Genova.
    Messaggi
    3,566

    Predefinito Re: Tom Wolfe "Io sono Charlotte Simmons"

    grizzly.13 ha scritto lun, 07 novembre 2005 alle 13:31
    E' uscito!

    Solo che, come c'era da temere, è nella migliore tradizione Wolfiana un pacco di 800 pagg. Il prezzo è 22€. Ci rifletterò su prima di comprarlo, e comunque aspetto che arrivi alla Fnacche, dove almeno non mi fanno pagare l'IVA.
    Sti Chezzi! anche io socio fnac! Fammi sapere!

  11. #11
    Lo Zio L'avatar di PaRaNoIdAnDrOiD
    Data Registrazione
    09-03-02
    Località
    A cloudy city, Genova.
    Messaggi
    3,566

    Predefinito Re: Tom Wolfe "Io sono Charlotte Simmons"

    Mi arriverà a Natale. Incomincio già a pregustarmelo dopo aver letto parecchie critiche positive.





    [sarebbe da leggere in inglese, perchè sicuramente renderà mille volte meno in italiano, ma il mio inglese è ancora piuttosto lacunoso e mi devo accontentare]

  12. #12
    Lo Zio L'avatar di grizzly.13
    Data Registrazione
    29-01-02
    Località
    Prov. di Vicenza
    Messaggi
    2,609

    Predefinito Re: Tom Wolfe "Io sono Charlotte Simmons"

    Porto sempre a termine ciò che ho promesso. L'ho letto avidamente con molto ritardo e a me è piaciuto parecchio. Per molti versi è superiore agli altri libri di Wolfe (diciamo che rispetto al "Falò" qui Wolfe è più Wolfe). Cionostante resta sospeso, come il funambolo nietzschano tra il capolavoro e la schifezza. Per me che guardo molto il retroterra culturale e sono disposto a transigere sul contenuto ISCS è un grande spaccato d'America raccontato dallo scrittore più fieramente reazionario in circolazione.

    Ecco la mia recensione:
    Quote:

    Friday, August 18, 2006
    Charlotte Simmons, c'est moi (e tout le monde aussi)

    Non importa chi sei, ma quello che ti fanno diventare. Tom Wolfe dopo anni di ricerche in college di mezza america se ne esce con uno spaccato sociale della meglio gioventù americana. Il risultato è "Io sono Charlotte Simmons", un romanzo stupendo, godibile quanto ricco di spunti. Un libro che dovevo leggere prima e che dovremmo regalare anche ai dicottenni di casa nostra.


    Dopo aver raccontato la New York avvocatesca e yuppie anni ’80, l’Atlanta del nuovo potere economico e razziale di fine millennio, a settant’anni, Tom Wolfe, l’intellettuale in bianco, giornalista rivoluzionario, fieramente e genuinamente conservatore nel narrare i costumi umani, sente il bisogno di affrontare, con il suo terzo grande romanzo, la classe dirigente del futuro: i ragazzi dei campus universitari. L’ambientazione è la Dupont University, Pennsylvania, un college – fiction che nella sospensione dell’incredulità il lettore accetta come la più prestigiosa università d’America: una sorta di Harvard, Stanford, Yale messe assieme. Questa è la meta tanto agognata della protagonista, la Charlotte Simmons del titolo catapultata in questo mondo, nel mondo, da un paesetto minuscolo sui monti Appalachi. La famiglia Simmons è il prototipo di quell’america bushiana che a noi europei piace tanto irridere: un padre brusco, ignorante ma lavoratore e attaccato alla famiglia, una madre puritana, adepta modello di una chiesa evangelica, tanto pura di sentimenti da apparire fuori dalla realtà. Charlotte è la ragazza prodigio, cresciuta sui libri, innamorata perdutamente del sapere, ingenua, cui il sistema americano, attraverso una borsa di studio, offre la migliore possibilità di riscatto: l’accesso ad un’istruzione elitaria.

    La Dupont si rivela ben diversa da quella sognata da Charlotte. Non un tempio consacrato a cultura e scienza, ma un postribolo dove la depravazione (nell’ottica dei Simmons) regna sovrana, dove il sesso diventa moneta sociale. Al college è concepibile solo la logica del branco, si procede per imitazione, la propria personale iniziativa si sbriciola nelle convenzioni sociali delle èlite del campus: la squadra di basket, le fraternity; esse determinano con l’atteggiamento dei loro membri (sempre sbagliato) lo standard della coolness, ovvero dell’“essere giusto”.

    L’interesse di Wolfe, il suo approccio scientifico al romanzo, è dichiarato fin dalla prima, geniale, pagina. Lo scrittore di Richmond è sì un cinico analizzatore della società, che seziona riga dopo riga, ma è anche un tenace individualista il cui scopo principale è cercare di capire come il singolo reagisce alle pressioni culturali e sociali; il vero oggetto di studio, per dirla con E. Zola (suo idolo e modello) è la bestia umana. Nel laboratorio del dr. Wolfe ci sono tanti tipi umani da far impallidire qualunque scrittore realista, tutti personaggi così “veri” (persino il linguaggio che adoperano sottende uno studio approfondito effettuato dall’autore stesso sul campo, o meglio “sul campus”) da apparire cinematografici, perennemente in bilico tra verosimiglianza e stereotipo. Ci sono gli atleti zucconi, gli intellettuali snob “politicamente corretti”, “duri” che si fanno rispettare, c’è un allenatore universitario più parodistico di tutti i coach apparsi sul grande schermo, un prof. ex sessantottino inflessibile solo quando si tratta di infierire sui nemici politici. Ingredienti perfetti per un plot emozionante che si fa leggere d’un fiato, per la serie 770 pagine e non le senti. Lo stile di Wolfe è stupendamente old-fashioned, a tratti verista, ma non rinuncia all’introspezione psicologica, lasciando che un anonimo narratore s’incarni di volta in volta nei diversi personaggi e assuma il loro punto di vista; quasi uno sberleffo consapevole al post-moderno, Wolfe è un uomo di fine ottocento che scrive nel duemila; la sua modernità consiste in un uso pirotecnico del linguaggio, al limite della logorrea e, allo stesso tempo, finemente psicologico e in grado di suscitare autentiche emozioni.

    Nelle diverse recensioni ed opinioni che mi è capitato di leggere emergono sostanzialmente tre critiche. Una di queste constata l’eccessiva “americanità” del romanzo che quindi risulta poco fruibile per conto nostro, un’altra sostiene che il romanzo sembra scritto quarant’anni fa, impressione dovuta alla concezioni retrograde, stilisticamente e moralmente, dell’autore. Sono entrambe da smontare. Noi non abbiamo i campus universitari, vero, ma sfido chiunque a sostenere che i problemi sollevati dal romanzo non si riproducono sotto i nostri occhi nei bar che frequentiamo, quando usciamo il sabato sera, nelle associazioni politiche giovanili, persino nelle nostre scuole superiori. In secondo luogo c’è solo da ammirare la bravura con cui Wolfe si è gettato a capofitto in una generazione distante anni luce dalla sua: tutto dal linguaggio, ai gesti, alle azioni è assolutamente verosimile, la patina di “vecchiume” è forse data da uno psicologismo ottocentesco di cui l’autore si fa orgogliosamente e in piena coscienza alfiere.
    La critica più frequente considera irrealistica la figura della protagonista. A mio avviso questa comporta un grave travisamento dell’opera. Charlotte Simmons è un giallo che si sviluppa pagina dopo pagina. C’è qualcosa di sfuggente in questo personaggio che sta transitando dalla giovinezza all’età adulta, il mistero che, come nelle detective - stories migliori, si svela solo alla fine, consiste nel scoprire chi è veramente e a cosa ambisce sul serio. Chi conosce Tom Wolfe sa che ce ne sarà per tutti: nessuno dei personaggi si salverà completamente e qualcuno si dannerà per sempre. Una lettura formidabile, piacevole e formativa (d’altronde si tratta di un romanzo di formazione benché fuori dai cliché) da esperire non appena se ne ha il tempo e la voglia e da assaporare fino all’ultima parola delle tante digressioni che spaziano, mantenendo uno spessore intellettuale d’altri tempi, da Socrate a Darwin, dall’uomo alla bestia (umana).

+ Rispondi alla Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice HTML è Disattivato