+ Rispondi alla Discussione
Pag 1 di 6 123 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 25 di 126

Discussione: Fermate Sabatini

  1. #1
    Vitor
    ospite

    Predefinito Fermate Sabatini

    SABATINI RINCARA: «VIRTUS CHANNEL E PIU' CONTROLLI»


    Vulcanico, Claudio Sabatini ieri sera era ospite di Basket Time su E’tv, per rilanciare e confermare alcune delle sue ultime trovate.
    L’uscita più succulenta riguardava la Coppa Italia, vetrina e ambito traguardo, rivisitato dall’idea del patron: «Se vogliono la Virtus devono pagarci», aveva detto.
    Boutade? Nient’affatto e ieri in tv l’ha ribadito. «Non è uno scherzo, tutti si fanno gli affari loro in Lega dunque m’adeguo: o ci pagano oppure ridiscutiamo gli emolumenti garantiti ai club partecipanti».
    Ecco, il tiro forse si corregge e tocca un tasto legittimo: chi porta più pubblico ha diritto a percentuali maggiori d’incasso. Non farebbe una piega, se non fosse che il palasport a Forlì non si riempie e dunque il litigio è per poche briciole. L’anno prossimo, con l’evento organizzato forse a Roma, le cose potrebbero cambiare.

    «Il sistema va totalmente ristrutturato – rincara Sabatini – ma non vedo la volontà di farlo. Sto lanciando delle idee, non so chi mi seguirà ma certamente io andrò avanti. Il mondo del basket è in perdita, è determinante che certe società non manchino e quella è la strada per crescere: avere grandi città e grandi marchi, con tutto il rispetto non ce lo vedo Armani che scende a Caserta e si prende un lumino in faccia. Con tutto il rispetto, occorre guardare bene chi partecipa e alcuni club, con loro comunicati, hanno annunciato il rischio di non finire il campionato».
    Avanti alla garibaldina, dunque, su temi scottanti e di rilievo: club che traballano, campionato a 16 squadre, controlli. «Oggi (ieri, ndr) è venuta la Comtec e ho trovato da discutere, perché ci hanno controllato solo i pagamenti dei tesserati. E i fornitori? I servizi? Questo è il livello dei controlli, in questo modo non si risolvono i problemi».

    Proseguendo le sue battaglie, Sabatini non si dimentica della sua Virtus, attesa domenica proprio dalla sfida a Milano (si va verso il tutto esaurito, sono rimasti meno di 100 biglietti). Primo tasto il mercato, sempre ribollente di possibilità: «Ci hanno chiesto alcuni giocatori e questo è il segnale che stiamo lavorando bene. Abbiamo fatto molte scommesse, alcune vinte e altre meno. Non è un segreto che ci siano dei giocatori in uscita e che potremmo fare un altro movimento ma senza fretta. Io ho un sogno nel cassetto (Pozzecco? Ndr)che aspetterò ancora per due settimane, poi stringeremo i tempi.
    Di sicuro guardiamo al futuro, se ci capita l’occasione buona non la faremo sfuggire».
    Facendo ordine:
    Nacho Rodilla ha offerte da Capo d’Orlando e Reggio Calabria, ma s’accaserà in Spagna appena la Virtus darà l’ok all’operazione, verosimilmente quando in mano avrà il nuovo playmaker.
    Il croato Vedran Morovic piace, ha 22 anni e un bel futuro davanti: costruttore di gioco, buon tempismo e buoni ritmi, vale la pena, entro certi limiti economici, investirci sopra.
    Poi ci sono i lunghi: anche Ken Lacey è attanagliato da problemi fisici, se il club riuscisse a spostare Simone Bagnoli da subito non è escluso che l’irlandese possa partire.
    Sicuramente in uscita c’è pure Carl English, per lasciare spazio al nuovo esterno extracomunitario.

    Per il futuro, Sabatini vede una Virtus competitiva a livello d’Eurolega nel 2009, forte del suo pubblico, della società sana e delle iniziative che lanciate oggi, dovranno garantire una parte della solidità economica della società. «Venderemo le prossime Starbox dedicate al derby a 500 euro. Dite che è troppo? Bisogna vedere cosa ci mettiamo dentro. Di sicuro non devono preoccuparsi i nostri abbonati né i tifosi della Fossa, che avranno i loro biglietti al prezzo concordato. Sono tanti i percorsi per crescere, nel futuro prossimo vedo il nostro budget alzarsi da 4,5 a 9 milioni di euro, per combattere nei piani alti in Italia e in Europa. Oggi, con i soldi che abbiamo, saremmo pazzi a promettere vittorie che non possiamo dare. Meglio investire, costruire un club forte, riallocare la foresteria trovando anche una “Casa Virtus”: vogliamo un PalaMalaguti bianconero e adeguato alle nostre esigenze, spero in questi giorni di incontrare i dirigenti di Forumnet per discutere l’affitto e i cambiamenti a luci e allestimenti».

    C’è poi il capitolo diritti tv, uscito blandamente negli ultimi tempi ma destinato ad essere un teatro di scontri ruvidi e scelte delicate, anche in Lega. Sabatini è secco: «Sky fa un ottimo servizio, ma per noi è una minaccia. La Virtus discuterà i propri diritti fuori da un discorso collettivo e in cantiere c’è un circuito tv tutto nostro. Un Virtus Channel, trasmesso solo nei bar Caffè Maxim: è un’idea, ma anche una scelta dovuta».

    Daniele Labanti

  2. #2
    Il Nonno L'avatar di *Gandalf*
    Data Registrazione
    28-05-03
    Località
    Bononia
    Messaggi
    5,310

    Predefinito Re: Fermate Sabatini

    Oh beh, se no poi dicono che lo tiro fuori sempre io.
    Come si dice a bologna "A nin pos piò" Non ne posso più.
    OGNIO maledetto giorno c'è una pagina di giornale su di lui. Qualunque cosa dica, per la stampa bolognese è oro colato.
    Mai, e ripeto, mai, due righe di commento da parte dei giornalisti. Repesa dopo la vittoria a Norimberga disse "in trasferta non siamo polli" e a Udine abbiamo perso. Cristofori, del Carlino, lo ha apostrofato pesantemente, dicendo di evitare frasi e proclami da tifoso e di pensare alla squadra.
    Sabatini dice di voler far pagare i biglietti del derby 500 euro e niente, è normale così.
    Chi dei due spara cazzate?
    Ma niente, va sempre tutto bene. E in ogni maledetta intervista, ci tira sempre dentro. Le Fortitudo qui, la Fortitudo la... Per fortuna che non è dispiaciuto di andare a Forli, altrimenti chissà. Poi vuole essere pagato per andarci, ma smettila..
    il suo leccaculismo verso la Fossa è penoso, si crede simpatico ma sta esaurendo. Alcuni miei amici virtussini sono stanchi di sentire sti proclami urlati tutti i giorni. Sabatini ha fatto molto per salvare castelmaggiore, glie ne va dato atto. Ma sta un tantino esagerando, a mio parere.
    Mi ricorda tanto un altro personaggino che al momento gode di sovraesposizione mediatica, ma lasciamo perdere se no sudo freddo
    Io non so quale sia la normalità, non so quante volte è lecito che un presidente vada sui giornali a dire la sua. Cazzola parlava poco. Madrigali parlava poco. Seragnoli parla 3 volte l'anno. Lui qui non sta mai zitto. Non credo nemmeno che esista una normalità, ma so che questo è eccessivo.

    500 euro per una scatola con della roba dentro. Ma siamo matti? "Dipende poi da cosa ci metto dentro". Sai com'è, Caludietto, a me piace spenderli consapevolmente 500 euro, non a sorpresa. Ma finchè qualcuno ti da ascolto, ti asseconda e ti segue, fai bene te.

    Manca Pozzecco, e il circo è al completo.

  3. #3
    Il Nonno L'avatar di *Gandalf*
    Data Registrazione
    28-05-03
    Località
    Bononia
    Messaggi
    5,310

    Predefinito Re: Fermate Sabatini

    Martelli su Repubblica:

    Una milionata di vecchie lire per vedere il derby, la Final 8 di Coppitalia solo su invito, un canale tv virtussino. Claudio Sabatini, ieri sera ospite a E´tv, tocca e scava, nel solito monologo, fra i temi più disparati. Il fulcro è la StarBox pasquale, molto discutibile, e già discussa sui tam tam delle tifoserie cittadine, e presto anche oltre, visto l´esorbitante prezzo: 500 euro, se non di più, per una serie di prodotti, dall´occhiale Vidivici alla scarpa, a "corredo" del biglietto per il derby del 15 aprile, sabato di Pasqua, in casa Virtus. Di scatole ce ne saranno diverse, ovviamente in base al settore scelto, e non resta dunque che armarsi di assegno, o aprire un mutuo, volendo partecipare (sennò prenotarsi una Pasqua a Sharm el Sheikh, che a prezzo siamo lì). Altro modo per entrare non c´è.

  4. #4
    ale#12
    ospite

    Predefinito Re: Fermate Sabatini

    Questa idea della scatola è geniale


  5. #5
    La Borga L'avatar di Cily
    Data Registrazione
    02-01-02
    Messaggi
    12,353

    Predefinito Re: Fermate Sabatini

    Vitorbaia ha scritto ven, 27 gennaio 2006 alle 11:02

    «Il sistema va totalmente ristrutturato – rincara Sabatini – ma non vedo la volontà di farlo. Sto lanciando delle idee, non so chi mi seguirà ma certamente io andrò avanti. Il mondo del basket è in perdita, è determinante che certe società non manchino e quella è la strada per crescere: avere grandi città e grandi marchi, con tutto il rispetto non ce lo vedo Armani che scende a Caserta e si prende un lumino in faccia. Con tutto il rispetto, occorre guardare bene chi partecipa
    Ma che caz.zo vuole questo qua?Una selezione all'ingresso in base al portafogli?La sparata su caserta poi è quanto di più irrispettoso abbia mai sentito
    Virtus Channel
    Solo nei bar Caffè Maxim

    PS Su due cosine però sono d'accordo: i controlli sui bilanci,vedi lo scandalo roseto e reggio (e le v nere di bilanci dovrebbero saperne qualcosa ) e sky: per questi due anni di "vediamo come va" ha pagato veramente le briciole,ora va bene il servizio di un altro pianeta rispetto alla rai,ma se vuol far dare ancora delle partite a orari assurdi è bene che tutte le società ne traggano un profitto ben maggiore.

  6. #6
    Il Nonno L'avatar di *Gandalf*
    Data Registrazione
    28-05-03
    Località
    Bononia
    Messaggi
    5,310

    Predefinito Re: Fermate Sabatini

    Quote:
    BOCCIO-VIRTUS, VIE LEGALI
    Di: Redazione Inserito il: venerdì 27 gennaio 2006 17.35
    Amore finito tra Claudio Sabatini e Max Boccio. Anzi, ora è guerra aperta e si finirà davanti ai tribunali. Dopo le vicissitudini che hanno portato al cambio dello sponsor in casa Virtus, con il club al centro dell’operazione per rilevare il ramo d’azienda di Caffè Maxim, agli archivi erano andate solo le dichiarazioni al miele di Sabatini. Adesso pare esserci altro: Boccio, sponsor della Virtus per una stagione e mezzo (la prima a 600.000 euro, la seconda, nelle carte, a 1,1 milioni) ha mosso le sue pedine contro il club presso lo studio Gualandi. Stando alla lettera del liquidatore Pierluigi Orsi, pubblicata sul sito ufficiale www.virtus.it, Boccio avrebbe tentato di sostiuirsi nel ruolo di liquidatore nell’ambito di una «pretesa assemblea», mai convocata dal legittimo tutore legale. «Siamo stupiti – è il commento di Sabatini – per un comportamento imprevisto e non corretto. Ovviamente tuteleremo i nostri interessi in tutte le sedi legali opportune».
    La Virtus, titolare del 50% di Starcafè, la holding che ha rilevato il ramo d’azienda Caffè Maxim, aveva disposto al liquidatore una visione dei crediti e dei debiti dell’impresa di Boccio. Successivamente, il colpo di scena odierno. In ballo c’è dunque una partita legale, ma pure lo storico bar di via Indipendenza, il “primo” della catena Caffè Maxim, ancora appartenente a Boccio che secondo le indiscrezioni non verserebbe in solide situazioni finanziarie. «A noi non interessa più nulla – chiosa Sabatini – perché abbiamo utilizzato sensibilità nel gestire la questione, ma ora s’è aperta una vicenda imprevista che mi ha molto amareggiato».

    Daniele Labanti
    Alla faccia, per fortua che erano tutti in amore e accordo...

  7. #7
    Vitor
    ospite

    Predefinito Re: Fermate Sabatini

    il delirio continua

    Sabatini: "Il derby è come una prima alla Scala"


    28/01/2006 09:11
    "Chi s´è abbonato sarà felice, per gli altri il prezzo è giusto"

    - La Repubblica -

    INIZIATA coi carteggi fallimentari, proseguita con le più disparate battaglie dialettiche, l´avventura di Claudio Sabatini patron virtussino approda domani con Milano alla sua partita numero 100. Partite di basket, va specificato, perchè di ‘sti tempi paiono esistere solo marketing, politica ed economia. Sarebbe una ricorrenza su cui fermarsi a ricordare e a ragionare, ma con Sabatini l´attualità è sempre tumultuosa. L´ultima trovata, discutibile e discussa, è questo biglietto per il derby a 500 euro. Avanti, senza indugi né ripensamenti («per una prima alla Scala se ne pagano 2.000»), parlandone, in questa lunga chiacchierata, che un po´ volge al passato e tanto al futuro.
    Sabatini, quanto ci ha rimesso, di tasca sua, in questi 800 giorni?
    «Quattro milioni circa. 1,8 subito, poi una perdita d´un milione l´anno nel biennio di LegaDue».
    Suo cavallo di battaglia: la Virtus spende quel che incassa. C´è però appena stata l´uscita dello sponsor. E anzi, quel che pareva quieto ora s´intorbida, vedi le ultime grane legali col caffè.
    «Boccio ci aveva concesso fiducia, di questo lo ringrazio, e quanto agli ultimi sviluppi andremo a vedere. Vidivici ci ha dato una mano, noi ci mettiamo dei progetti che porteranno a un pareggio, a prescindere dagli incassi d´un eventuale play-off».
    Domani con Milano rifarà un pieno da 8500. Poi dice di sognare un palazzo da 10 mila, ma tratta per i 5 mila del PalaDozza. Ci aiuta a capire? Lascerebbe 3000 persone sull´uscio?
    «Non possiamo avere costi superiori ai ricavi. Al PalaMalaguti ci hanno chiesto un canone doppio, come fossimo un loro sponsor. In Azzarita potremmo pensare a soluzioni per il ricambio di tifosi: ma, di base, se Casalecchio non avesse raddoppiato, non ne parleremmo».
    Spieghi a ottomila persone perchè, nel caso di un´esaltante semifinale scudetto, non farà poi l´Eurolega.
    «Non abbiamo i soldi per farla».
    Lo spieghi allo sponsor, allora.
    «Idem. Se poi dovesse darci due milioni in più, la facciamo. Ritrovassimo una Kinder, e quei 3.5 milioni di euro che dava 5 anni fa, non rinuncerei di certo».
    E perché mollare Sky? A lei, e agli sponsor, non interessa l´esposizione nazionale?
    «Magari avremmo un´audience e un bacino d´utenza superiore. Passare da un´ora e mezza a settimana a 24 ore al giorno, con un nostro Channel, le pare uguale? La Virtus ha tifosi in Italia e Europa e dunque, davanti alla grande professionalità di una tv come Sky, abbiamo deciso di autoprodurci per dimostrare cosa possiamo fare. E domani faremo tra i nostri tifosi lo stesso sondaggio su Sky proposto dalla Fortitudo. Identico, perché è una bella idea».
    Virtus Channel è appunto, però, solo Virtus. Il prodotto basket, inteso globalmente, è un´altra cosa.
    «Noto che il prodotto globale non interessa, altrimenti quel famoso 31 agosto 2003 ci avrebbero riammesso, come quest´estate avrebbero ripreso Pesaro. Se il servizio è questo, preferisco dare un servizio alla mia comunità, sul sito o un canale apposito. Non cederemo neppure i diritti di telefonia e internet. Tutti devono sapere che la Virtus non è un club come gli altri. Nessuno, e in Lega lo sanno, tratta per la Virtus. Se Sky vuole la Virtus, paga. Un milione? Ecco, magari ne parliamo».
    In questo quadro, l´"unica" Virtus sarà quella da vedere dal vivo. In pratica, abbonamento forzato.
    «Uno non è obbligato ad abbonarsi. Di certo, chi ci dà fiducia sa quel che trova. E sa che ci guadagna».
    Ad esempio il derby. Gli altri, invece, 500 euro per entrare. Ma si può chiedere una cifra del genere?
    «Per la Virtus sì, e per un derby anche. Ribadisco, i nostri abbonati non potranno che essere felici. A loro ho promesso salvezza, divertimento e sudore. Alla fine dell´anno saranno soddisfatti, soprattutto a livello economico».
    Tolti gli abbonati, una tifoseria, anzi due, sarà costretta, per esserci, alla Starbox. Neppure una vendita singolare dei biglietti.
    «M´auguro venga apprezzata una proposta che solo ora stiamo definendo per prezzo e contenuto. Ad ogni modo, se uno va alla prima alla Scala, paga 2000 euro. Alla Fossa darò 100 biglietti a 10 euro, per il resto c´è la scatola. Alcuni del loro parterre non credo abbiano problemi. Andasse male? Pazienza, ne abbiamo sbagliate altre. Io parto dai miei 5400 abbonati: a loro ho fatto promesse, sempre mantenute».
    La sua ultima trovata è la Virtus pagata per andare alle finali di Coppa Italia. Ma ci crede davvero?
    «Non dobbiamo ragionare solo in ambito sportivo. Per me Pesaro dovrebbe saltare l´A2, dovremmo tirar dentro Firenze e inventarci Torino e Genova. Dovremmo noi pagare gli Armani per entrare, non il contrario. Ai Danzi, quando ho detto che giocavamo contro Armani, brillavano gli occhi».
    Scusi, non è più sport, ma solo business.
    «Perché, è sport questo? Con due club che non si sa se finiranno l´anno? O con dilettanti che prendono in B cinque volte che in A? Con la Viola che rischia di sparire e tessera McCoy? Io dico: mettiamo parametri economici. Lo sport dovrebbe essere un esempio di correttezza e invece si leggono cose inenarrabili. E nessuno lo vuole cambiare. Riqualifichiamo il tavolo, poi vediamo come gira. Il mondo dello sport dovrebbe avere i caratteri di quello imprenditoriale, non del contrabbando».
    MARCO MARTELLI

  8. #8
    La Borga L'avatar di Cily
    Data Registrazione
    02-01-02
    Messaggi
    12,353

    Predefinito Re: Fermate Sabatini

    Se cominciamo anche sul basket con le storie sui diritti tv mi do al bandy hockey

    Quote:
    «Non dobbiamo ragionare solo in ambito sportivo. Per me Pesaro dovrebbe saltare l´A2, dovremmo tirar dentro Firenze e inventarci Torino e Genova.
    Ma sì,un bel vaffancu.lo alla storia e via

    Quote:
    Dovremmo noi pagare gli Armani per entrare, non il contrario. Ai Danzi, quando ho detto che giocavamo contro Armani, brillavano gli occhi».


    Giocavamo contro armani?Contro di lui
    Ma che razza di discorso è?Ah,ma già,dimenticavo,lui è quello che gli sponsor li paga

    Quote:
    Scusi, non è più sport, ma solo business.
    «Perché, è sport questo? Con due club che non si sa se finiranno l´anno? O con dilettanti che prendono in B cinque volte che in A? Con la Viola che rischia di sparire e tessera McCoy? Io dico: mettiamo parametri economici. Lo sport dovrebbe essere un esempio di correttezza e invece si leggono cose inenarrabili. E nessuno lo vuole cambiare. Riqualifichiamo il tavolo, poi vediamo come gira. Il mondo dello sport dovrebbe avere i caratteri di quello imprenditoriale, non del contrabbando».
    Su questo però nulla da dire...

    Però è davvero ora che qualcuno lo fermi.
    Gandalf,una bella spedizione punitiva della fossa no eh?

  9. #9
    ale#12
    ospite

    Predefinito Re: Fermate Sabatini

    Quote:
    Guardate questo pubblico, per colpa di regolamenti arcaici lo hanno fatto stare lontano dalla Serie A per due anni!!!! E la stessa cosa succede agli amici della Virtus Libertas Pesaro!!!

    Regolamenti arcaici??

    Il fallimento è caduto in disuso?

  10. #10
    Il Nonno L'avatar di *Gandalf*
    Data Registrazione
    28-05-03
    Località
    Bononia
    Messaggi
    5,310

    Predefinito Re: Fermate Sabatini

    Cily ha scritto sab, 28 gennaio 2006 alle 15:23

    Gandalf,una bella spedizione punitiva della fossa no eh?
    Lascia perdere, me lo sono trovato di fronte e ho avuto pietà dell'uomo.
    Il fatto è che qualche cosina qui e la non sarebbe nemmeno sbagliata. Diciamo 5%. Poi se ne esce con cagate immonde, come sta storia della prima alla scala. E dei jeans venduti insieme al biglietto. Ma mettiteli tu, io volgio andare al palazzo, mica rifarmi il guardaroba.
    Poi sarà meglio che di biglietti ce ne dia 200, e non 100. Perchè lui ne ebbe 200. Non 100.
    Se poi trova qualche pirla (perchè solo un pirla spende 500 euro per vedere castelmaggiore), bravo Sabatini che glie li ha venduti..

  11. #11
    Il Nonno L'avatar di *Gandalf*
    Data Registrazione
    28-05-03
    Località
    Bononia
    Messaggi
    5,310

    Predefinito Re: Fermate Sabatini

    -- Sito Uff. Viola Reggio Calabria -

    In riferimento alle dichiarazioni del Presidente della Virtus Bologna Sabatini, riportate dal quotidiano "La Repubblica" lo scorso sabato, la Viola si riserva di adire le vie legali per tutelare la propria onorabilità e la correttezza del proprio operato, messo in discussione da Sabatini. Qui di seguito quanto dichiarato dal presidente della Virtus BO : "Con la Viola che rischia di sparire e tessera McCoy? Io dico: mettiamo parametri economici. Lo sport dovrebbe essere un esempio di correttezza e invece si leggono cose inenarrabili. E nessuno lo vuole cambiare. Riqualifichiamo il tavolo, poi vediamo come gira. Il mondo dello sport dovrebbe avere i caratteri di quello imprenditoriale, non del contrabbando". La Viola ricorda che l'operato contabile - amministrativo della società è stato recentemente verificato, con esito positivo, da un ispettore inviato dalla Legabasket nel corso di un approfondito controllo di routine.


  12. #12
    ale#12
    ospite

    Predefinito Re: Fermate Sabatini


    Ragazzi, è giunto il momento.





    Devo confessare il mio passato Virtussino...









    ......bavoso e con occhiali da sole (rigorosamente venividivici)







  13. #13
    La Borga L'avatar di Cily
    Data Registrazione
    02-01-02
    Messaggi
    12,353

    Predefinito Re: Fermate Sabatini


  14. #14
    Lo Zio L'avatar di Morf
    Data Registrazione
    19-10-04
    Località
    Carfax
    Messaggi
    2,278

    Predefinito Re: Fermate Sabatini

    Cily ha scritto mer, 01 febbraio 2006 alle 21:09
    Oddio un varesotto mi fa ridere e per dirlo quoto un canturino

  15. #15
    Il Nonno L'avatar di *Gandalf*
    Data Registrazione
    28-05-03
    Località
    Bononia
    Messaggi
    5,310

    Predefinito Re: Fermate Sabatini

    ale#12 ha scritto mer, 01 febbraio 2006 alle 20:10

    (rigorosamente venividivici)
    è solo vidivici.
    Loro hanno problemi col "veni"...

  16. #16
    Vitor
    ospite

    Predefinito Re: Fermate Sabatini

    BASKET: VIRTUS BOLOGNA; SABATINI INDAGATO PER ESTORSIONE
    ATTO DOVUTO DOPO QUERELA EX SPONSOR
    BOLOGNA
    (ANSA) - BOLOGNA, 7 FEB - E' indagato con l'ipotesi di estorsione il proprietario della Virtus pallacanestro Bologna Claudio Sabatini, insieme ad altre quattro persone, dopo la querela depositata in Procura da Massimiliano Boccio, titolare della Caffé Maxim, l'ex sponsor del club bianconero: si tratta di un atto dovuto da parte dei magistrati che ora dovranno verificare la veridicità, o meno, delle accuse mosse al numero uno della società bolognese. E' stata la Procura, per questo, a ipotizzare una fattispecie di reato che potesse, in linea teorica, identificarsi con le accuse formulare da Boccio nella querela. Nell'atto, l'ex sponsor ha accusato Sabatini e altre persone, fra cui Romano Bernardoni, noto proprietario di concessionarie auto, di averlo costretto a vendere macchine di lusso (a prezzi inferiori a quelli di mercato) e appartamenti a fronte di difficoltà finanziarie della Caffé Maxim che non avrebbe potuto onorare nei tempi dati le cambiali del contratto di sponsorizzazione. Sempre secondo Boccio, Sabatini avrebbe voluto sottrarsi a un eventuale fallimento dello sponsor: fallimento, chiesto al tribunale la settimana scorsa proprio dal proprietario della Virtus. L'inchiesta, coordinata dal Pm Enrico Cieri, che già in altre occasioni si è occupato di indagini su società sportive e su reati finanziari, dovrà verificare le numerose circostanze riferite nella querela, che indica tempi, cifre e incontri. Già ieri Sabatini si era detto "sereno", meditando una querela per calunnia: impossibile da evitare, per Boccio, se le accuse indicate agli investigatori si rivelassero infondate. L'indagine, che dovrebbe essere delegata alla Guardia di Finanza, si annuncia fin d'ora complessa e potrebbe incrociarsi con le decisioni del tribunale fallimentare di Bologna: lì si deciderà il futuro della Caffé Maxim. (ANSA).



  17. #17
    Il Nonno L'avatar di *Gandalf*
    Data Registrazione
    28-05-03
    Località
    Bononia
    Messaggi
    5,310

    Predefinito Re: Fermate Sabatini

    Da Jarring.it

    BOCCIO QUERELA SABATINI, CHE RISPONDE

    In un'Ansa diffusa poco fa, Max Boccio racconta la sua reazione alla vicenda Caffè Maxim: «Alle prese con ''sopravvenuti problemi finanziari'' che gli fecero chiedere il posticipo di un pagamento a novembre 2005, gli sarebbe stata ''imposta'' la vendita di quattro auto di lusso, fra Ferrari e Porsche, al ''50% del loro valore di mercato'', e di ''due appartamenti'' del valore di 550.000 euro: così si legge nella querela presentata alla Procura di Bologna da Massimiliano Boccio, ''legale rappresentante della Caffè Maxim'', fino ai primi di gennaio sponsor della Virtus pallacanestro, proprio contro il proprietario del club bianconero Claudio Sabatini e altre persone. La querela - depositata lo scorso 2 febbraio - si inserisce in una battaglia legale già piuttosto intricata: il 12 gennaio Sabatini aveva annunciato ''l'affitto'' del marchio Caffè Maxim, che mai avrebbe potuto onorare il contratto di sponsorizzazione, poi, la scorsa settimana, lo stesso numero uno della Virtus aveva depositato istanza di fallimento contro Boccio e la società Caffè Maxim al tribunale del capoluogo emiliano. Boccio - questa era l'accusa - si era sostituito al liquidatore nominato per valutare la situazione patrimoniale dell'azienda di torrefazione di caffè. Ora Boccio, in nove pagine di querela, racconta la sua versione, fra telefonate, cambiali e incontri davanti a notai: tutti particolari che dovranno però essere verificati dalla Procura. Boccio ha anche chiesto ai magistrati il ''sequestro preventivo per tutti i beni citati nella denuncia, dalle auto agli immobili. Secondo la versione di Boccio, ci sarebbe stato ''un unico disegno, ideato o quantomeno voluto da Sabatini'' insieme ad altri soggetti, con il ''fine fraudolento'' di ''sottrarsi al rischio di una falcidia fallimentare''. La stessa scelta dell'affitto di azienda - sempre secondo la querela - sarebbe ''un escamotage per ovviare al rischio di partecipare al reato di distrazione in una futura possibile procedura fallimentare della Caffè Maxim''. Nell'atto di querela, viene spiegato come la sponsorizzazione per la stagione 2005/2006 era di 1.140.000 euro, divisi in un versamento in contanti di 60.000 euro e di cambiali da liquidarsi in sei tranche, la prima delle quali al 20 novembre. Saltata quella, sarebbero iniziate le pressioni: ''Sabatini - ha affermato Boccio - avrebbe fatto protestare la società Maxim, e lo avrebbe 'sp*****atò personalmente sulla piazza di Bologna convocando una conferenza stampa apposita e assumendo che avrebbe dichiarato che la società avrebbe venduto i giocatori americani per sua inadempienza''. Da lì sarebbe partita la prima vendita di tre auto, ''a un certo Bernardoni della Emilianauto di Bologna, buon amico di Sabatini''. Bernardoni è un personaggio molto noto in città, che anni fa ricoprì un ruolo nel Bologna calcio e, più recentemente, è stato coinvolto nell'inchiesta per il crac di Parmalat come ex amministratore della Parmatour e uomo di fiducia di Calisto Tanzi. Secondo Boccio, la vendita di una Ferrari 456 Gt, di una Ferrari Maranello, di una Mercedes sl 55 amg e di una Porsche 911 turbo, ''stimate sul mercato 350.000 euro, fruttò circa 177.000 euro: somma consegnata ''per 65.000 euro oltre a cambiali Caffè Maxim per 90.000 euro e la promessa non mantenuta della consegna di altre cambiali per 30.000 euro''. Oltre che contro Sabatini la querela è stata fatta nei confronti del fratello Fabio, di un commercialista e di Bernardoni».

    A ruota arriva la replica di Claudio Sabatini, visibilmente contrariato per lo sviluppo della situazione, che ha già dato mandato al suo legale Filippo Sgubbi di sporgere querela per calunnia contro Boccio: «Mi sembra di vivere un film di fantascienza, ma ho già risposto con una controquerela. Sono estremamente dispiaciuto per il dottor Nannucci, un commercialista serio che lavora gratuitamente per la Virtus, e sono imbarazzato per Bernardoni che in questa vicenda non c'entra nulla. Sono certo che la magistratura appurerà in breve tempo chi sono le persone rispettabili e definirà il luogo adatto per tutti i coinvolti. Siamo di fronte a una vicenda costellata da assegni a vuoto, cambiali a vuoto e protestate, imposte non pagate da lustri. Si definirà chi ha fatto cosa, io sono fiducioso perchè ognuno andrà nel suo ambiente naturale. Personalmente, la mettina ho ancora l'abitudine di alzarmi e andare a lavorare».

  18. #18
    La Borga L'avatar di Cily
    Data Registrazione
    02-01-02
    Messaggi
    12,353

    Predefinito Re: Fermate Sabatini

    Ma non gli riesce proprio di starsene zitto almeno una volta eh?

  19. #19
    Il Nonno L'avatar di *Gandalf*
    Data Registrazione
    28-05-03
    Località
    Bononia
    Messaggi
    5,310

    Predefinito Re: Fermate Sabatini

    Cily ha scritto mar, 07 febbraio 2006 alle 18:09
    Ma non gli riesce proprio di starsene zitto almeno una volta eh?
    Stai buono che più parla e più ci divertiamo...

  20. #20
    La Borga L'avatar di Cily
    Data Registrazione
    02-01-02
    Messaggi
    12,353

    Predefinito Re: Fermate Sabatini

    *Gandalf* ha scritto mar, 07 febbraio 2006 alle 21:11
    Cily ha scritto mar, 07 febbraio 2006 alle 18:09
    Ma non gli riesce proprio di starsene zitto almeno una volta eh?
    Stai buono che più parla e più ci divertiamo...
    Ma per quello ci sono corbelli e armani (e natali che ci fa ridere coi fatti e non con le parole )

  21. #21
    Il Nonno L'avatar di *Gandalf*
    Data Registrazione
    28-05-03
    Località
    Bononia
    Messaggi
    5,310

    Predefinito Re: Fermate Sabatini

    A ogni regione il suo... Poi voi ne avreste anche un altro

  22. #22
    Il Nonno L'avatar di *Gandalf*
    Data Registrazione
    28-05-03
    Località
    Bononia
    Messaggi
    5,310

    Predefinito Re: Fermate Sabatini

    Ieri il Ciabba ha dichiarato che la Fortitudo aveva avuto perdite per 13 milioni lo scorso anno...

    Oggi...
    Quote:
    La Fortitudo Pallacanestro a seguito delle dichiarazioni rilasciate domenica dal patron della Virtus Claudio Sabatini,apparse sulle pagine di Stadio-Corriere dello Sport ha inviato la seguente precisazione redatta dal Presidente del Collegio Sindacale Dott. Mario Alberto Beltramelli:In riferimento a quanto dichiarato dal Sig.Claudio Sabatini su Stadio-Corriere dello Sport precisiamo che il bilancio Fortitudo al 30/06/2005 presenta si passività per euro 13.678.826,ma anche attività per euro 12.896.242 e quindi è risultato uno sbilancio di euro 782.584 che è stato prontamente ripianato

  23. #23
    Il Nonno L'avatar di *Gandalf*
    Data Registrazione
    28-05-03
    Località
    Bononia
    Messaggi
    5,310

    Predefinito Re: Fermate Sabatini

    Quote:
    SECCA REPLICA DELL’AVV. PALUMBI VICEPRESIDENTE FORTITUDO
    Sabatini non sa leggere i bilanci
    «Dovrebbe frequentare un corso accelerato, ha confuso il passivo con le perdite»

    di Giuliano Musi
    BOLOGNA - Oltre ai due derbies di campionato a Bologna lo scontro Fortitudo- Virtus è all’ordine del giorno. Domenica il patron delle Vu nere Sabatini ha portato l’ennesimo assalto nei confronti dell’Aquila, ieri gli ha replicato con decisione l’avv. Renato Palumbi, vicepresidente vicario della Fortitudo.
    Una risposta a tutto campo che si focalizza su due punti: la posizione delle due società nell’ambito della Lega che a parte i comportamenti di Sabatini ha comunque una comunità d’intenti, e una posizione invece antitetica in materia di bilanci.
    Si parte dalla Lega.
    « Quello che non condivido di Sabatini
    - dice l’avv. Palumbi - è il comportamento nel corso delle riunioni e la volontà di fare vere e proprie ”rivoluzioni” in cinque minuti. Prendiamo l’ultima riunione di Lega a cui Sabatini ha preso parte. Si è discusso a lungo di vari argomenti e solo all’ultimo momento, quando ormai ci si stava alzando, Sabatini ha messo sul tavolo un suo progetto per la gestione della Lega che si può definire rivoluzionario.
    Un progetto che anche la Fortitudo condivide in molti punti ma che non poteva ovviamente avere il via libera all’istante. Quando gli abbiamo fatto presente che sarebbe stata necessaria una profonda analisi del progetto perchè, proprio perchè era interessante e condivisibile, implicava una sterzata basilare nella gestione dei club, Sabatini si è inalberato perchè la sua proposta non è stata messa immediatamente ai voti, ha abbandonato la riunione e dal quel giorno non lo abbiamo più visto ».
    Quali sono le linee essenziali della proposta Sabatini?
    « Lo scopo primario è quello di ristabilire una gestione sana delle società con equilibrio assoluto tra spese e ricavi. E’ una strada obbligata se si vuole evitare che in tempi brevi salti in aria l’intero movimento cestistico. Lui ha proposto una tassa di desione alla Lega non inferiore ad un milione di euro. Una tassa che assicurerebbe un avvenire alla stessa Lega e farebbe pulizia nei conti dei club perchè li obbligherebbe ad una gestione oculata.
    Una tassa giusta aggiungo io perchè se si vuole godere di una certa vetrina come quella che assicura anche la Lega è giusto partecipare alle spese. Noi saremmo addirittura propensi ad arrivare ad 1,5 milioni di euro di tassa d’ammissione ».
    Su cosa non siete in sintonia?
    « Sulle modalità di attuazione del provvedimento. Sabatini vuole tutto e subito noi pensiamo invece che sia indispensabile un’applicazione graduale, modulata alle esigenze delle società, anche perchè poche hanno i mezzi per adeguarsi immediatamente. Un provvedimento del genere, pur se preso legittimamente, in piena autonomia dalla Lega, va comunque armonizzato anche con la Legadue. La creazione delle franchigie va studiata a fondo perchè si giustifica solo se ha come obiettivo primario la riduzione dei costi.
    Facciamo un esempio.
    Reggio Emilia si è trovata a pagare una tassa di ammissione che è lievitata da un anno all’altro da 25 mila a 250 mila euro. Una botta terribile che è stata assorbita ma solo favorendo la società consentendole una certa gradualità nella copertura della cifra ».
    Arrivare ad un milione sarebbe ancora più difficile « Per molti sarebbe impossibile se si facesse un salto immediato senza correttivi come wild card, modulazione dell’impegno e altro. Su un punto però siamo e saremo irremovibili. Ogni novità, ogni modifica strutturale deve essere mirata al contenimento dei costi. E lo stesso criterio deve essere alla base di ogni modifica ai regolamenti federali (in particolare nel tesseramento e nel numero dei giocatori impiegabili). L’imposizione di Petrucci è stata solo la causa scatenante della nostra opposizione. Abbiamo infatti riscontrato, dopo un’attenta analisi fatta in base ai nostri bilanci, che la Fortitudo si sarebbe trovata a sostenere costi identici anche con le nuove regole sui tesseramenti. In sostanza non sarebbe cambiato nulla mentre noi vogliamo che tutto tenda alla riduzione dei costi. In caso contrario non ha senso cambiare se poi non si ottengono risultati positivi, incoraggianti, che diano sicurezza economica
    ».
    Servono regole nuove e flessibili per recuperare anche le grandi piazze decadute « Noi siamo pronti a dare battaglia per l’introduzione del ranking, della contrattazione, della wild card, della possibilità di riscattare una retrocessione. Si potrebbero fare aste alla rovescia. Se avessimo potuto muoverci con maggior libertà casi come la Virtus e Pesaro in Legadue e serie B1 non si sarebbero mai verificati e il basket avrebbe avuto sempre due piazze al massimo livello, due piazze che assicurano almeno 15000 presenze.
    Il concetto di sportività è basilare ma è altrettanto basilare l’affidabilità dei bilanci. Quando a fine stagione si presentano rendiconti con deficit a nove zeri restano solo due strade, o si ha un presidente appassionato che azzera le perdite o si fallisce. Per questo noi insistiamo, vogliamo che tutti i club rispettino l’equilibrio tra entrate ed uscite ».
    In merito ai bilanci Sabatini ha messo sotto accusa anche la Fortitudo « Sabatini non sa quello che dice. Ancora una volta, facendosi i fatti degli altri a sproposito, accusa la Fortitudo di non portare attenzione ai bilanci collocandola peraltro tra i club che stanno peggio. Bisognerebbe che il signor Sabatini frequentasse un corso accelerato di lettura dei bilanci. Nel caso Fortitudo ha confuso il passivo (che è la differenza tra costi e ricavi) con le perdite; e non è cosa di poco conto ».

  24. #24
    La Borga L'avatar di Cily
    Data Registrazione
    02-01-02
    Messaggi
    12,353

    Predefinito Re: Fermate Sabatini

    Confonde il passivo con le perdite

  25. #25
    ale#12
    ospite

    Predefinito Re: Fermate Sabatini

    Quote:
    Tagliandi da 250 a 500 euro per la stracittadina del 15 aprile

    - Il Resto del Carlino -

    La Star Box Derby annunciata già all’indomani della prima stracittadina stagionale, prende una forma definitiva. Sarà in vendita dal 14 marzo e avrà un costo compreso tra i 250 euro della gradinata e i 500 del parterre. In mezzo gli altri settori: 300 euro per distinti e tribuna alta; 350 per tribuna bassa; 450 per la tribuna centrale. E come promesso dal proprietario della Virtus, Claudio Sabatini, all’interno della Star Box – che seguirà quella lanciata a Natale della quale sono state vendute 3.500 esemplari (il prezzo era di 30 euro) - non ci sarà solo il tagliando valido per la sfida del prossimo 15 aprile, che metterà di fronte Virtus e Fortitudo per la novantasettesima volta. All’interno ci saranno gli occhiali VidiVici marchiati ‘derby’; le scarpe firmate Pirelli-Virtus; una macchina per il caffè con 250 cialde e i biglietti per due gare da scegliere tra le sfide che i bianconeri sosterranno con Reggio Emilia (23 aprile), Udine (4 maggio) o Varese (11 maggio). E inoltre 100 euro di sconto per il camp estivo organizzato dalla Virtus a Cesenatico; 100 euro di sconto sull’iscrizione al minibasket per la stagione 2006/2007 e altri 100 euro di sconto sull’abbonamento bianconero valido per il prossimo campionato.


+ Rispondi alla Discussione
Pag 1 di 6 123 ... UltimaUltima

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice HTML è Disattivato