Risultati da 1 a 12 di 12

Discussione: Killer 7 e il gameplay frammentato.

  1. #1
    NEO-GEO
    ospite

    Predefinito Killer 7 e il gameplay frammentato.

    Spero dinon rompervi con questi miei pensieri!

    Mi hanno regalato questo gioco per GameCube!

    E' facile che una pesona che non abbia mai giocato a killer7, quando sente qualcuno descriverglielo, ha impressione che il gioco sia una vera schifezza. Gia di suo è abbastanza complicato da descrivere: Ambienti malsani, spogli, quasi stilizzati, pieni di mostri semi invisibili che ci rincorrono facendosi esplodere per farci furoi. Noi interpretiamo, non uno, ma ben sette (anche otto) individui diversi che si possono intercambiare a piacimento. Ognuno di questi individui ha una e una sola arma da fuoco. Non c'è libertà di esplorazione, o almeno è molto più limitata di molti altri giochi. Si procede su binari ben precisi, con la sola scelta di alcuni bivi. La meccanica per ammazzare i mostri e sempre quella che si ripete all'infinito (modalità in soggettiva del mirino, scan per rendere i nemici visibili, puntamento, fuoco, ed eventuale ricarica dell'arma). Gli enigmi sono bandi, e ogni volta che un personaggio muore lo si puo resucitare. Insomma detta così sembra una vera noia!
    Eppure, di solito, tutti quelli che hanno provato questo gioco ne parlano sempre bene! Come mai?
    Se vi dicessi che la trama è una delle più malate e strane che si possano trovare nel mondo dei videogiochi? Che per quanto strana sia, è comunque coinvolgente? Se vi dicessi che i personaggi che andiamo a interpretare (uno più strambo dell'altro) sono le personalità multiple di un solo assassino su una sedia a rotelle? Se vi dicessi che lo stile grafico è strano ma efficacemente malato e inquietante?
    Forse non cambierebbe nulla.
    Eppure killer 7 è bello, e giocarci è ancora più bello!
    Forse Killer7 nel panorama dei videogiochi contemporanei, è come un film di Antonioni nella storia del cinema italiano.
    I film di Antonioni, distruggono il racconto. Il racconto è debole e sfilacciato, i personaggi sono anonimi, la trama sembra non raccontare nulla. E invece è proprio questo "raccontare il nulla" che rende prezioso ogni film del "maestro". Non è il racconto in se ad essere significativo, ma è il come viene rappresentato dalle immagini in movimento, dalle inquadrature, dalla costruzione degli ambienti, ecc...
    Killer7 è simile, ma in ambito videoludico. Il gamplay è debole, il gioco in se sembra ripetitivo e blando, ma la struttura con la quale viene presentato è notevole e coinvolgente.
    Siamo davanti a qualcosa di molto sigolare nel panorama dei giochi commerciali. Un esperimento che spero non rimanga isolato.

  2. #2
    Emack
    ospite

    Predefinito Re: Killer 7 e il gamplay frammentato.

    Per ricollegarmi all'altro topic, ecco un videogioco in cui la storia riveste importanza fondamentale, evidentemente molto più del gameplay.
    Si potrebbe dire lo stesso anche delle avventure grafiche in genere, suppongo. A proposito, Another Code mi ha deluso, ve l'ho detto?

  3. #3
    Shogun Assoluto L'avatar di Joe Slap
    Data Registrazione
    06-11-01
    Località
    Catania
    Messaggi
    27,691

    Predefinito Re: Killer 7 e il gamplay frammentato.

    Si può dire che in Killer7, la storia è tutto. E chi capisce il finale è bravo.

    P.S. Another code ha deluso anche me, e non l'ho nemmeno finito.

  4. #4

    Predefinito Re: Killer 7 e il gamplay frammentato.

    Emack ha scritto mar, 07 febbraio 2006 alle 10:58
    Per ricollegarmi all'altro topic, ecco un videogioco in cui la storia riveste importanza fondamentale, evidentemente molto più del gameplay.
    Allora perchè fare un videogioco, io mi chiedo?

    Scusate ma sostengo con forza la superiorità del gameplay sulla narrazione.
    Qual è il senso di un videogioco il cui scopo principale è raccontare?

    Quote:
    Si potrebbe dire lo stesso anche delle avventure grafiche in genere, suppongo.
    Proprio no.
    Il proseguimento del gioco non è meccanico o ripetitivo, ma richiede l'utilizzo di logica e ingegno. La parte giocata c'è, anche se non si vede.

  5. #5
    Emack
    ospite

    Predefinito Re: Killer 7 e il gamplay frammentato.

    Monkey Soft ha scritto sab, 11 febbraio 2006 alle 22:26
    Emack ha scritto mar, 07 febbraio 2006 alle 10:58
    Per ricollegarmi all'altro topic, ecco un videogioco in cui la storia riveste importanza fondamentale, evidentemente molto più del gameplay.
    Allora perchè fare un videogioco, io mi chiedo?
    A. Siamo davanti ad un titolo atipico, ma sempre un videogioco rimane.
    B. Realizzare un film costa un occhio della testa; le produzioni videoludiche non arrivano ancora ai budget di Hollywood.

    Quote:
    Scusate ma sostengo con forza la superiorità del gameplay sulla narrazione.
    Qual è il senso di un videogioco il cui scopo principale è raccontare?
    Inserire il giocatore nel processo dello storytelling.
    Non sto affermando che si tratti di un capolavoro; abbiamo dinanzi un esperimento volto alla calibrazione dell'elemento "narrazione" in un videogioco.

    Quote:
    Proprio no.
    Il proseguimento del gioco non è meccanico o ripetitivo, ma richiede l'utilizzo di logica e ingegno. La parte giocata c'è, anche se non si vede.
    Logica e ingegno sono sfruttati nelle avventure migliori.

  6. #6

    Predefinito Re: Killer 7 e il gamplay frammentato.

    Emack ha scritto sab, 11 febbraio 2006 alle 22:58
    Monkey Soft ha scritto sab, 11 febbraio 2006 alle 22:26
    Emack ha scritto mar, 07 febbraio 2006 alle 10:58
    Per ricollegarmi all'altro topic, ecco un videogioco in cui la storia riveste importanza fondamentale, evidentemente molto più del gameplay.
    Allora perchè fare un videogioco, io mi chiedo?
    A. Siamo davanti ad un titolo atipico, ma sempre un videogioco rimane.
    B. Realizzare un film costa un occhio della testa; le produzioni videoludiche non arrivano ancora ai budget di Hollywood.
    Un cortometraggio? Un anime?

    Quote:
    Inserire il giocatore nel processo dello storytelling.
    Non sto affermando che si tratti di un capolavoro; abbiamo dinanzi un esperimento volto alla calibrazione dell'elemento "narrazione" in un videogioco.
    Io parlavo in generale... non ho provato Killer7 purtroppo.

    Quote:

    Logica e ingegno sono sfruttati nelle avventure migliori.
    Anche la più becera richiede far funzionare un minimo il cervellino...

  7. #7
    Emack
    ospite

    Predefinito Re: Killer 7 e il gamplay frammentato.

    Monkey Soft ha scritto sab, 11 febbraio 2006 alle 23:36
    Un cortometraggio? Un anime?
    Ma che domande sono?

    Invito NEO-GEO a scrivere una bella recensione intergalattica su Killer7

  8. #8
    NEO-GEO
    ospite

    Predefinito Re: Killer 7 e il gamplay frammentato.

    Emack ha scritto gio, 16 febbraio 2006 alle 14:51
    Monkey Soft ha scritto sab, 11 febbraio 2006 alle 23:36
    Un cortometraggio? Un anime?
    Ma che domande sono?

    Invito NEO-GEO a scrivere una bella recensione intergalattica su Killer7
    Quando lo avrò terminato volentieri.

  9. #9
    Shogun Assoluto L'avatar di Joe Slap
    Data Registrazione
    06-11-01
    Località
    Catania
    Messaggi
    27,691

    Predefinito Re: Killer 7 e il gameplay frammentato.

    Comunque quei pochi spezzoni realizzate in anime, sono spettacolosi. Avrei preferito più parti così e meno realizzate con il motore del gioco.

  10. #10
    NEO-GEO
    ospite

    Predefinito Re: Killer 7 e il gameplay frammentato.

    Invece per me le sequenze in anime rovinano molto la coesione del tutto. Avrei preferito che tutto fosse con la grafica del gioco per ricreare la stessa atmosfera. Inoltre per adesso mi è ancora oscuro il motivo di queste sequenze in anime. Vedrò di scoprirlo al più presto!

  11. #11
    Shogun Assoluto L'avatar di Joe Slap
    Data Registrazione
    06-11-01
    Località
    Catania
    Messaggi
    27,691

    Predefinito Re: Killer 7 e il gameplay frammentato.

    NEO-GEO ha scritto lun, 20 febbraio 2006 alle 11:35
    Invece per me le sequenze in anime rovinano molto la coesione del tutto. Avrei preferito che tutto fosse con la grafica del gioco per ricreare la stessa atmosfera. Inoltre per adesso mi è ancora oscuro il motivo di queste sequenze in anime. Vedrò di scoprirlo al più presto!
    Beh sì, hai più ragione tu. Solo che mi sono piaciute un fottìo.

  12. #12
    Il Fantasma L'avatar di Alex64
    Data Registrazione
    06-05-06
    Località
    Roma
    Messaggi
    63

    Predefinito Re: Killer 7 e il gameplay frammentato.

    Killer7 è l'esempio di cosa voglia dire "stile" in un videogioco, non è il clone di nessuno, è un gioco a se stante che ti colpisce con la sua angoscia e perdizione, un gioco malato, che ti mette nei panni di un killer splittato in 7 personalità differenti, un gioco da avere, quando il gioco è arte

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice HTML è Disattivato