Risultati da 1 a 21 di 21

Discussione: [Prototipo] Beretta Rx4 Police Carabine 5,56x45 NATO

  1. #1
    Automatic Jack
    ospite

    Predefinito [Prototipo] Beretta Rx4 Police Carabine 5,56x45 NATO

    Tratto da: Armi e Tiro (GENNAIO 2006). Articolo e foto di Claudio Bigatti.


    Dopo Cx4 e Px4, ecco l'attesa carabina per impieghi di polizia, che completa la gamma Storm. Queste le credenziali: linee moderne e filanti, meccanica affidabile ed ergonomia impeccabile, in grado di assicurare un posto di rilievo nel settore law enforcement.



    Le forze di polizia hanno impiegato in varie epoche e in varie situazioni carabine semiautomatiche. Una delle prime a vedere un discreto impiego nel law enforcement è stata la Winchester modello 1907 calibro .351 Sl (Self loading). Versione "maggiorata" del precedente modello 1905 (camerato per il .351 Sl, leggermente più corto), era una carabina semiautomatica con chiusura a massa, caricatori amovibili monofilari di 5 o 10 colpi e questa caratteristica, per i primi del secolo, era piuttosto innovativa. Le caratteristiche balistiche, però, non erano entusiasmanti e il peso ammontava a quasi 5.000 grammi. Oltreoceano venne presto surclassata dalle pistole mitragliatrici Thompson e dai fucili a pompa a canna liscia: i veri beniamini dei policeman americani. Fu adottata, comunque, da non pochi istituti di correzione e da molti "sceriffi" di contea, attenti già all'epoca al politically correct.


    L'unica vera police carbine di successo universale, è stata comunque un'arma Winchester, concepita in realtà come una "Pdw" militare ante-litteram: la Winchester M1 calibro .30 carbine. La sua relativa leggerezza e la munizione "adeguata" ai compiti di polizia, prolungarono il servizio di quest'arma sino a pochi anni addietro. Questo calibro, secondo alcuni, offre ancora molte potenzialità in ambito urbano e qualche produttore ha provato a "rivitalizzare" la formula dell'M1, ricordiamo per esempio la carabina israeliana Imi (attualmente Iwi) "Magal" e la più recente Ct30 della Famae, distribuita in America latina dalla Taurus. A partire dagli anni Ottanta apparvero sul mercato versioni semiauto dei più noti fucili d'assalto, camerate generalmente in .223 Remington, che adottavano canne più compatte e calcioli telescopici o ribaltabili. Tra queste ricordiamo l'Fn Model 7030 law enforcement, versione semiauto dell'Fnc "short": negli Usa ottenne qualche limitata adozione e una discreta pubblicità nei film d'azione. Anche la Colt non mancò di produrre versioni semiauto dei propri M16/Ar15 (con canne di 16 pollici, 406 mm), ridenominate Law enforcement carbine con canna step cut (predisposta per il lanciagranate) e Ar 15-A3 Tactical carbine (heavy barrell. La Ruger invece, propose sia la Mini-14 sia le versioni militari Mini-14/20Gb (calciatura in legno) e Ac556(calciatura sintetica). Queste ultime erano dotate di selettore di tiro. La Ruger Mini-14 arrivò anche a cogliere qualche successo in Europa, in Francia per esempio, è tuttora impiegata da alcuni dipartimenti di polizia.

    LINEA INCONFONDIBILE


    Esteticamente, la Beretta Rx4 mostra tutto il patrimonio "genetico" proprio della linea Storm, ergonomia compresa. Profili arrotondati e linee slanciate, comandi ambidestri ben raggruppati intorno all'area del ponticello, il risultato è un arma dall'aspetto volutamente marziale, ma non per questo sgradevole alla vista.
    Concettualmente, la nuova arma è un mix accurato di soluzioni e idee targate Benelli: dalla calciatura telescopica ispirata al Benelli M4 a canna liscia, alla meccanica derivata dal noto Benelli Argo. In effetti, queste due armi avevano in "corpo" elementi che, uniti e sviluppati nella Rx4, danno luogo a una carabina specialistica veramente innovativa, concepita espressamente per il mercato law enforcement. Il calciolo estensibile a cinque posizioni, scorre su una guida metallica a sezione quadra e ha un dorso leggermente arcuato. E’ polimerico e si integra con l’impugnatura a apistola, vison operò altre due opzioni: calcio dritto tradizionale o con impugnatura a pistola integrata, entrambi polimerici ed entrambi derivati da analoghe soluzioni Benelli. La carcassa è in ergal, anodizzata nera antiriflesso con maglietta per la cinghia posta appena sopra l’impugnatura. L’astina, sempre in polimero, inizia appena innanzi il ponticello a formare, inferiormente, il bocchettone di alimentazione. Prosegue poi nell’astina vera e propria, dotata superiormente di quattro ampie finestre di raffreddamento per la canna. La parte terminale integra il mirino a lama, protetto da due ampie orecchie come nella Cx4. Una ghiera, poi, consente il vincolo alla canna e, subito sotto di essa, si trova la seconda maglietta per la cinghia. Il ponteicello è in polimero, con sicura trasversale ambidestra. Le leve di sgancio del caricatore mutuano la geometria dell’Ar70/90, ma vengono inserite ergonomicamente nella Rx4 con un nuovo disegn: un ampio puslante polimerico trapezoidale sul lato sinistro, pulsante quadrato di dimensioni inferiori, sul lato destro dell’arma. Entrambi sono facilmente azionabili e non sporgono dal profilo del bocchettone di alimentazione. La Beretta Rx4 si annuncia come arma esclisvamente semiautomatica, per cui non verranno realizzate versioni full auto, tuttavia l’alimentazione si effettua tramite caricatori Stanag (Standard Nato) della solita capacità di 20 o 30 colpi. La mira posteriore è costituita dau na diottra di tipo Ghost ring della Lpa, dotata di regolazioni in altezza e derivazione. L’arma che abbiamo fotografato, tuttavia, era un prototipo: alcune piccole modifiche verranno eseguitea breve e interessano le mire, il posizionamento delle guide picatinny ( addirittura cinque! ) sul castello e sull’astina anteriore, spegnifiamma e manetta di armamento.
    Maneggiando la Rx4 si intuisce subito un attento studio ergonomico: il calciolo regolabile è ormai imprescindibile dall'impiego dei giubbotti antibalistici e l'imbracciata, in questo caso, varia notevolmente, solo le calciature regolabili consentono oggi una corretta impostazione.
    Anche l'impugnatura presenta il giusto angolo, la superficie è ancora piuttosto "liscia" ma quando le finiture saranno definitive, anche queste superfici avranno un grip sicuro.
    l'astina anteriore, ancora priva delle guide nel prototipo, mostra tuttavia le sedi per un attacco a "sella" analogo a quello della Cx4, su queste si inserisce un attacco Beretta in polimero, in grado di ospitare gli accessori tattici del caso, il più comune fra di essi è però la classica impugnatura aggiuntiva.
    La Rx4 sarà disponibile con tre lunghezze di canna: la versione con canna di 406 millimetri (16 pollici) è adatta agli impieghi veicolari o generali, la versione con canna di 508 millimetri (20 pollici) è invece ideale come Precision rifle dotato di ottiche di ingrandimento, la versione più corta infine, quella con canna di 317 millimetri (12,5 pollici) è indicata per situazioni di Cqb o per protezione ravvicinata, equipaggiata eventualmente con ottiche a riflessione. La flessibilità è dunque ai massimi livelli.
    Veniamo alle dimensioni e ai pesi: l'Rx4 con canna di 406 millimetri misura, con calcio esteso, 861 millimetri e 731 millimetri con calcio chiuso, pesa scarica circa 3.100 grammi: ingombri e pesi addirittura migliori della Colt Ar15-A3 Tactical carbine, arma di riferimento per il settore.

    MECCANICA ARGO

    La meccanica del Benelli Argo (Auto regulating gas operating) è uno dei sistemi più compatti ed efficienti, la scelta di integrare questo innovativo sistema sulla Beretta Rx4 è non solo felice, ma anche strategica: negli Stati Uniti il sistema con pistone a corsa corta è tenuto in massima considerazione e anche il successo del Benelli M4 verte, in parte, anche su questo sistema tutto italiano.
    La Rx4, dunque, è dotata di un sistema a sottrazione di gas con pistone a corsa corta di tipo autoregolante: l'otturatore ha testina rotante, azionata tramite una pista cammata ricavata nel porta otturatore ed è dotato di tre robusti tenoni anteriori di chiusura. La faccia anteriore dell'otturatore risulta abbastanza incassata e presenta, ai lati del foro di percussione, un classico espulsore a puntone caricato a molla e, sul lato opposto, un'unghia estrattrice di buone dimensioni. Il sistema Argo è studiato per ridurre al minimo le vibrazioni della canna, in modo da non interferire con la balistica: la presa dei gas è situata abbastanza vicina all'estremità anteriore della camera di cartuccia, in questo modo i gas prelevati sono, oltre che "caldi", anche più "puliti". I gas si espandono in una camera fissata sotto la canna e sospingono con moto retrogrado un pistone in lega leggera inastato su un cilindro fissato al castello. Il segreto della "autoregolazione" è insito nella particolare valvola a spillo, che si apre in modo proporzionale all'afflusso dei gas, mediando le eventuali diversità di impulso (derivanti da differenti munizionamenti o lotti) sul pistone. Opportune fascette di tenuta poste sul pistone, inoltre, confinano i residui incombusti e gli accumuli, evitando che vadano in "giro" a sporcare e, quindi, a influire negativamente sul ciclo di funzionamento. La parte terminale del pistone si biforca a formare due tozzi cilindretti che, sotto l'impulso dei gas, vanno a percuotere due pistoncini respingenti accoppiati alla carcassa che a loro volta, trasmettono l'impulso al portaotturatore.
    Il sistema è, in realtà, piuttosto semplice e composto di pochi elementi, leggero e affidabile. La manetta di armamento è posta sul corpo dell'otturatore, sul lato destro. Il disegno del coperchio della carcassa, invece, è leggermente diverso dalla Benelli Argo ma anche questo dovrà subire qualche piccolo ritocco. Ultima nota sul calibro e sulla scelta del passo di rigatura di un giro in 12 pollici (305 mm): questo passo è chiaramente “dedicato” alla stabilizzazione delle palle di 55 grani (tipo M193), di grande e comune diffusione in ambito civile.


    LE POLICE CARBINE

    L'impiego delle police carbine è destinato, in prospettiva, ad aumentare (perlomeno all'estero). L'attualità della minaccia terroristica, la spregiudicatezza delle organizzazioni criminali e la sempre preoccupante disponibilità sul mercato clandestino delle armi da guerra (leggasi Kalashnikov), obbligano a riflessioni sulla necessità di cambiare atteggiamento riguardo l'adozione di nuovi armamenti leggeri da parte delle forze di polizia.
    Negli Stati Uniti, però, il ruolo di arma lunga per uso di polizia è ancora saldamente coperto dagli shotgun pump action, nelle contee di provincia è presente una moltitudine eterogenea che va dai Winchester a leva alle carabine da caccia, l'atteggiamento verso le pistole mitragliatrici è tuttora "apprensivo". Per adesso, anche se molti dipartimenti di polizia hanno cambiato orientamento passando agli M4 (anche semiauto), la tendenza è lasciare la responsabilità di impiego delle" armi lunghe" ai soli reparti militari e Swat team. Ricordiamo però che, al pari dell'Europa, molte aree sensibili (aeroporti, stazioni e potenziali obiettivi terroristici) sono presidiate dall'esercito o dalla polizia. In questo caso, una "vera" police carbine come il Beretta Rx4, potrebbe finalmente uniformare una molteplicità di ruoli senza turbare le coscienze dei politici: la sua stretta discendenza "civile" la rende decisamente politically correct. Proprio nella patria di questo imperante neologismo.
    In Europa, al contrario (se non agli antipodi), l'impiego delle pistole mitragliatrici è universalmente accettato. Sono pratiche, relativamente economiche e offrono un buon deterrente (oltre che una buona difesa). Però, per un impiego valido e sicuro, necessitano di grande responsabilità e addestramento. Non solo, le pistole mitragliatrici impiegano un munizionamento per pistola e questo implica tutte le limitazioni del caso. Soprattutto in funzione antiterrorismo, gli agenti di polizia dovrebbero disporre di un'arma in grado di neutralizzare potenziali minacce terroristiche a distanze di "sicurezza", cosa non possibile con gli attuali munizionamenti per pistola, per non parlare delle situazioni in cui ci si trova di fronte il "Kala". Non a caso, le difese di molte installazioni "civili" sono attualmente affidate ai militari, che dispongono di fucili di assalto, ma non solo: alcune forze di polizia (Inghilterra) hanno dotato gli agenti di servizio antiterrorismo negli aeroporti di fucili d'assalto. Ora, sembra plausibile affermare che tra i due estremi, vi sia spazio per un'arma concepita espressamente per il ruolo di police carbine come la Rx4.

    SCHEDA TECNICA


    Produttore: Beretta Pietro spa, via P. Beretta 18, 25063 Gardone Vai trompia (Bs),
    Modello: Rx4
    Tipo: carabina semiautomatica
    Calibro: .223 Remington
    Destinazione d'uso: forze di polizia/law enforcement
    Funzionamento: recupero di gas;otturatore rotante a 3 alette
    Alimentazione: caricatori Stanag bifilari a presentazione alternata
    Numero colpi: 20 o 30
    Sicura: pulsante al ponticello
    Scatto: diretto
    Percussione: cane interno Estrattore:.a unghia
    Espulsore: a puntone e molla
    Mire: diottra Ghost ring, mirino a piolo
    Lunghezza totale: 861 mm (con calcio aperto e canna da 16") 731 mm (con calcio chiuso)
    Canna: lunga 406 mm(l6"), rigatura destrorsa a 6 princìpi con passo 1:12"
    Peso: 3.l00.g, circa
    Calciatura: telescopica a 5 regolazioni in materiale polimerico
    Materiali: canna in acciaio; castello in Ergal; calcio, impugnatura e astina in polimero







    _________________________________


    Ditemi voi se non sono bravo che vi faccio l'amanuense per portarvi le anteprime più succose


  2. #2
    La Borga L'avatar di Pozz
    Data Registrazione
    02-06-02
    Località
    Bollate (MI)
    Messaggi
    12,492

    Predefinito Re: [Prototipo] Beretta Rx4 Police Carabine 5,56x45 NATO

    per ora dico solo una cosa...

    che voglia

  3. #3
    Automatic Jack
    ospite

    Predefinito Re: [Prototipo] Beretta Rx4 Police Carabine 5,56x45 NATO

    Pozz ha scritto lun, 20 febbraio 2006 alle 23:41
    per ora dico solo una cosa...

    che voglia


    carogna




  4. #4
    Banned L'avatar di Elf
    Data Registrazione
    14-03-02
    Località
    Piazza San Pietro
    Messaggi
    2,701

    Predefinito Re: [Prototipo] Beretta Rx4 Police Carabine 5,56x45 NATO


    complimenti per la voglia!!!

    mah, a me quest'arma convince poco...
    -lo Stato non avrà mai i $$$ per comprarla, nè comunque la voglia di modernizzare l'arsenale di PS, CC o chi altro.
    -la roba Beretta costa 2 volte pezzi simili della concorrenza
    -la mancanza di Full Auto comunque la penalizza: si può giustificarla in qualunque maniera, ma il disporre di full-auto (o più utili raffiche di 2 o 3 colpi) è sempre un'opzione che ha il suo peso: perchè una forza armata dovrebbe comprare questa piuttosto che un G36?

    e ben inteso che io non sono un sostenitore del
    "full-auto rock'n'roll"...
    diciamolo: questa cosa del "politically correct" è una stronzata...

    ma dategli un 70/90 in mano a 'sti povero sbirri!
    non mi risulta nemmeno che la PS disponga di fucili a cannaliscia come arsenale base: solo Beretta 92 ( ) e M12...

    mah...

  5. #5
    Nharre
    ospite

    Predefinito Re: [Prototipo] Beretta Rx4 Police Carabine 5,56x45 NATO

    sei grande Jack!

    cmq la carabina è splendida...

  6. #6
    Automatic Jack
    ospite

    Predefinito Re: [Prototipo] Beretta Rx4 Police Carabine 5,56x45 NATO

    Elf ha scritto mar, 21 febbraio 2006 alle 10:48

    complimenti per la voglia!!!

    mah, a me quest'arma convince poco...
    -lo Stato non avrà mai i $$$ per comprarla, nè comunque la voglia di modernizzare l'arsenale di PS, CC o chi altro.
    -la roba Beretta costa 2 volte pezzi simili della concorrenza
    -la mancanza di Full Auto comunque la penalizza: si può giustificarla in qualunque maniera, ma il disporre di full-auto (o più utili raffiche di 2 o 3 colpi) è sempre un'opzione che ha il suo peso: perchè una forza armata dovrebbe comprare questa piuttosto che un G36?

    e ben inteso che io non sono un sostenitore del
    "full-auto rock'n'roll"...
    diciamolo: questa cosa del "politically correct" è una stronzata...

    ma dategli un 70/90 in mano a 'sti povero sbirri!
    non mi risulta nemmeno che la PS disponga di fucili a cannaliscia come arsenale base: solo Beretta 92 ( ) e M12...

    mah...
    Forse non cogli la differenza di filosofia e di impiego di una police carabine e di un fucile d'assalto o pistola mitragliatrice.

    In essenza il fatto è che non puoi metterti a sparare a raffica in presenza di civili innocenti, come nel 101% dei casi in cui opera la polizia. ti serve una carabina semiauto precisa ed affidabile, compatta e versatile. Non un fucile d'assalto.
    Di solito le police carabine sono versioni short burst (capita praticamente solo con le pistole mitragliatrici, però) o semiauto di fucili d'assalto, ma i fucili d'assalto costano e ingombrano parecchio di più, di una police carabine fatta apposta. Oltretutto questa è un collage di meccaniche e sistemi già sperimentati e diffusi. ARGO viene dai fucili M4 già in uso nelle forze armate, i caricatori non sono dedicati ma sono STANAG e quindi mutuabili da qualsiasi fucile d'assalto, ecc. ecc.


  7. #7
    Banned L'avatar di Elf
    Data Registrazione
    14-03-02
    Località
    Piazza San Pietro
    Messaggi
    2,701

    Predefinito Re: [Prototipo] Beretta Rx4 Police Carabine 5,56x45 NATO

    lo so che non ti puoi mettere a smitragliare in mezzo ai civili, e appunto chiedo:
    non è meglio un buon G36 (o cosa per esso), col selettore in singolo?
    e poter disporre di raffica da 2 o 3 colpi, ed eventualmente full-auto?

    il teatro di uno scontro cruento (mettiamo un aeroporto) può cambiare rapidamente...

    dico solo che è questione di mettere le mani avanti e avere un'arma modulare e versatile...
    non di spendere miliardi per una carabina, per quanto valida possa essere!

    poi certo se viene fuori che la RX4 costa metà di un G36 allora è tutta un'altra cosa... ma qualunque cosa abbia il marchio Beretta impresso sopra di solito ha uno zero in più sul prezzo... un pò come la roba Colt: se la tirano col prezzo.

  8. #8
    Automatic Jack
    ospite

    Predefinito Re: [Prototipo] Beretta Rx4 Police Carabine 5,56x45 NATO

    Elf ha scritto mar, 21 febbraio 2006 alle 19:10
    lo so che non ti puoi mettere a smitragliare in mezzo ai civili, e appunto chiedo:
    non è meglio un buon G36 (o cosa per esso), col selettore in singolo?
    e poter disporre di raffica da 2 o 3 colpi, ed eventualmente full-auto?

    il teatro di uno scontro cruento (mettiamo un aeroporto) può cambiare rapidamente...

    dico solo che è questione di mettere le mani avanti e avere un'arma modulare e versatile...
    non di spendere miliardi per una carabina, per quanto valida possa essere!

    poi certo se viene fuori che la RX4 costa metà di un G36 allora è tutta un'altra cosa... ma qualunque cosa abbia il marchio Beretta impresso sopra di solito ha uno zero in più sul prezzo... un pò come la roba Colt: se la tirano col prezzo.
    Allora, se la mettiamo su questo piano posso dirti che:

    - il G36 ha una pecca: non usa di default caricatori STANAG. Questo significa che mentre l'M4 e l'AR70/90 possono condividere i serbatoi con l'Rx4, il G36 necessita di serbatoi suoi, e ciò incide sui costi.

    - il G36 con canna da 480 mm (il più vicino alla canna da 406 mm dell'Rx4) è lungo aperto 998mm e chiuso 758. quindi l'Rx4 è più corto, perchè a calciolo esteso è 861 millimetri e 731 millimetri invece con il calciolo chiuso (che è lo stesso comodissimo calciolo telescopico del benelli M4, non il calciolo "girevole" dell'SC 70/90 o del G36, che sono più scomodi.

    - Il G36 è più pesante, perchè scarico pesa 3,6 kg nella versione normale e 3,3 kg nella versione G36E, mentre l'Rx4 pesa mezzo chilo di meno.

    Sono cose che incidono sulla scelta tra un fucile d'assalto e un'arma dedicata, in contesti di ordine pubblico.

  9. #9
    Banned L'avatar di Elf
    Data Registrazione
    14-03-02
    Località
    Piazza San Pietro
    Messaggi
    2,701

    Predefinito Re: [Prototipo] Beretta Rx4 Police Carabine 5,56x45 NATO

    hmm, non avevo presenti (leggi: non avevo voglia di ricontrollae ) lunghezza e peso del G36C... ma mi sembravano molto simili.
    effettivamente hai ragione...
    ma a questo punto non ci va nulla ad aggiungere alla RX4 la possibilità di raffiche di 2 colpi o 3...

    (è vero, mi ero dimenticato dei caricatori non STANAG del G36...)

    però bisognerà vedere i prezzi al pubblico e soprattutto alle forze armate: sono convinto che se il prezzo non sarà accattivante questa carabina avrà solo un pò di mercato a livello civile, prima di venir dimenticata...

  10. #10
    Automatic Jack
    ospite

    Predefinito Re: [Prototipo] Beretta Rx4 Police Carabine 5,56x45 NATO

    Elf ha scritto mar, 21 febbraio 2006 alle 20:33


    però bisognerà vedere i prezzi al pubblico e soprattutto alle forze armate: sono convinto che se il prezzo non sarà accattivante questa carabina avrà solo un pò di mercato a livello civile, prima di venir dimenticata...
    Mi sa che la beretta (che al momento è un po' in difficoltà sul fronte delle armi per forze dell'ordine e forze armate), abbasserà la cresta relativamente ai costi. E perchè deve rifarsi un po' di smalto (ci si è adagiati troppo sugli allori della vecchia 92), e perchè HK, Hernstal e compagnia cantante non sono stati inoperativi. Hanno messo in campo P90, G36, FN2000, FiveseveN, USP, Mp7... Insomma, la scelta è vasta e il marchio da solo oggi non basta più.

    Se beretta non si dava da fare con la serie x4 sarebbe rimasta al palo. E si è data da fare bene, secondo me, cercando di incorporare quanti più standard possibili, soprattutto con le pistole. (E con l'acquisizione di Sako e Tikka che in quanto a fucili da "alta cecchineria" ( ) la sanno lunga)

  11. #11
    Banned L'avatar di Elf
    Data Registrazione
    14-03-02
    Località
    Piazza San Pietro
    Messaggi
    2,701

    Predefinito Re: [Prototipo] Beretta Rx4 Police Carabine 5,56x45 NATO

    mah, secondo me solo la H&K può competere e superare la Beretta...

    la FN s'è tirata una grossa mazzata sui piedi con il P90 e la Five-Seven, che come saprai hanno avuto scarsissimo successo commerciale a causa di
    -mercato (e te credo ) solo Law-Enforcement
    -munizione (un capolavoro) proprietaria, solo da poco prodotta anche da Fiocchi (o forse non hanno ancora nemmeno iniziato)
    -necessità di un addestramento d'uso per il P90, che non è intuitivo quanto una SMG qualunque...

    sono due armi coi contromaroni, ma hanno le loro croci...
    non metto in dubbio la potenzialità della FN, ma la vedo in acque peggiori della Beretta!

  12. #12
    Automatic Jack
    ospite

    Predefinito Re: [Prototipo] Beretta Rx4 Police Carabine 5,56x45 NATO

    Elf ha scritto mer, 22 febbraio 2006 alle 20:16

    sono due armi coi contromaroni, ma hanno le loro croci...
    non metto in dubbio la potenzialità della FN, ma la vedo in acque peggiori della Beretta!
    vero, ma intanto loro c'han provato, con una SMG dedicata che si presenta con una munizione molto performante e caricatori da 50 colpi. Certo, poi tra diffidenza e complicanze d'uso le cose sul campo cambiano, ma è sempre meglio che non combinare nulla.

  13. #13
    Il Nonno L'avatar di Gil-galad, Re degli Elfi
    Data Registrazione
    11-03-02
    Località
    Bruxelles
    Messaggi
    8,173

    Predefinito Re: [Prototipo] Beretta Rx4 Police Carabine 5,56x45 NATO

    MP7 + UCP

  14. #14
    Banned L'avatar di Elf
    Data Registrazione
    14-03-02
    Località
    Piazza San Pietro
    Messaggi
    2,701

    Predefinito Re: [Prototipo] Beretta Rx4 Police Carabine 5,56x45 NATO

    ammetto di non conoscere minimamente la MP7 e l'UCP: di che si tratta?

    comunque AJ, il P90 rulla...
    come anche la H&K G11, morta in stadio poco più che prototipale per motivi analoghi al P90: troppo innovativa.
    dannazione, la G11 permetteva di sparare Raffiche da 3 colpi a rapidità tale che tutti e 3 i colpi sarebbero finiti uno dietro l'altro...
    non mi ricordo i RPM, ma era forse oltre 2000 colpi al minuto, in modalità 3-burst...

  15. #15
    Il Nonno L'avatar di Gil-galad, Re degli Elfi
    Data Registrazione
    11-03-02
    Località
    Bruxelles
    Messaggi
    8,173

    Predefinito Re: [Prototipo] Beretta Rx4 Police Carabine 5,56x45 NATO

    L'MP-7 è la PDW di realizzazione H&K, un 'bambino' che spara colpi da 4,6mm con un profilo energetico e balistico superiore al 5,7mm FN. E' usata dalle forze speciali tedesche ed è in adozione come PDW per uso generale da parte della Bundeswer per equipaggiarci i carristi, gli artiglieri e tutte le altre forze non di fanteria di prima linea.

    La UCP è la pistola da combattimento realizzata per usare proiettili e caricatori dell'MP-7

    MP7


    Caliber: 4.6mm proprietary (4.6x30mm)
    Weight: 1.5 kg empty
    Lenght (stock closed/open): 340 / 540 mm
    Barrel lenght: 180 mm
    Rate of fire: 950 rounds per minute
    Magazine capacity: 20 or 40 rounds
    Effective range: 200 meters

    The HK MP-7 Personal Defence Weapon (PDW) is a member of a brand new class of small arms, called Personal Defence Weapons. The PDWs are intended, as name implies, to be a defensive sidearms for second-line troops, vehicle crews and other military personnel who normally not issued with assault rifles. Previously, these troops were issued with pistols or submachine guns, but proliferation of body armour in recent years made those guns ineffective. The first firearm, intended as PDW and offered in that class was belgian-made P-90 by FN, and it had special low-impulse, high-velocity ammunition, capable of penetration of current military body armours and helmets at ranges of 100 meters and beyond, while being much smaller and lighter, than assult rifle. The MP-7, originally known simply as H&K PDW, is another entry in the PDW class, and direct competitor to P-90.

    The MP-7, first announced in 2000, entered production in 2001 and, according to some sources, is adopted by some German special units, such as KSK, and also offered for export sales and for NATO-trials as an another could-be NATO PDW (the only other competitor is FN P-90).

    The MP-7 layouted as a compact submachine gun, with magazine being inserted into pistol grip, with folding forward grip and telescoped buttstock, but it designed to fire special, high velocity ammunition, 4.6x30mm, that looks like scaled down rifle round. That ammunition is unique to the MP-7. The receiver, along with the pistol grip, is made from the polymer with steel reinforcements. on the top side of the receiver there is a picatinny-style rail for sight mountings. The action of the MP-7 is somewhat unusual for weapon of such small size, since it is gas operated, rotating bolt design, which stronly resembles the action of the HK G-36 assault rifle, suitably scaled down. The ambidextrous fire mode selector/safety switch allows for semi-auto and full-auto modes. Unlike the P-90, the MP-7 could be fired single-handed, or from thwo hands, either like the pistol or using a front grip. Telescopic buttstock can be extended to give additional stability. With buttstock and front grip collapsed, the MP-7 can be carried like any big pistol, in the special holster, and can be effectively used in the close combat, so this is why it also can be used as offensive weapon by different special units in close quarter battle.

    The 4.6x30mm ammunition is loaded with spitzer-pointed, all-steel bullet with brass jacket. Bullet weight is 1.6 gramm (25 grains) and the muzzle velocity is 725 m/s (ca. 2400 fps). Manufacturer claims the 100% penetration of the CRISAT body armour (1.6mm of Titanium plus 20 layers of Kevlar) at the distance of 200 meters.

    The MP-7 is an interesting development, ant it yet to be seen, which concept (MP-7 or P-90) will be more suitable for NATO, and which weapon system will be sold better.

    UCP


    Type: Double Action
    Calibers: 4.6x30mm
    Weight unloaded: 850 g
    Length: 200 mm
    Barrel length: 130 mm
    Capacity: 20 rounds

    The Ultimate Combat Pistol (UCP) is the most recent development of famous German company Heckler und Koch. The development of UCP has been started on request from Bundeswehr (German Armed forces) in 2002 or 2003, and this pistol is intended to become a companion to HK MP7 Personal Defence Weapon, which is also is under serious consideration for Bundeswehr, as well as some counter-terrorism forces in Germany and abroad. This combo (MP7 PDW and UCP pistol) apparently will become a major rival to already famous Belgian FN P90 PDW and Five-seveN pistol.

    Like the Five-seveN pistol, the UCP is intended to provide accurate pistol fire, with high armor piercing capabilities, high accuracy, large magazine capacity and low recoil. To achieve those requirements, UCP uses special small-caliber, 4.6 millimeter ammunition, initially developed for HK MP7 weapon. This ammunition has a bottlenecked cartridge case and a pointed bullet with steel core, with relatively high velocity. The only questionable property of this ammunition is its stopping power, as the bullet is very small and thus could make any serious damage only if it will tumble or fragment on impact with human body.

    So far not too much information is available on UCP. At the present time (November 2004) HK and Bundeswehr apparently started initial trials of the pistol, and more information probably will become available next year.

    The UCP is a semi-automatic pistol with detachable magazine and polymer frame. Current prototypes feature a HK P2000-type grip with detachable backstraps of different size and configurations, and a Picatinny-type accessory rail under the barrel. The action of the gun is said to use some sort of retarded (or delayed) blowback system, but so far it is not known, if it is a roller-delayed blowback, as in HK P9s pistol, or a gas-delayed blowback, as in HK P7 pistol. The trigger unit in current UCP models is modular, and could be had in various configurations (DA/SA or DAO), with or without manual safeties. Standard magazine capacity is 20 rounds, and it is believed that the UCP will accept both 20- and 40-round magazines from HK MP7 PDW weapon.

    Fonte: Modern Firearms and Ammunition

  16. #16
    Automatic Jack
    ospite

    Predefinito Re: [Prototipo] Beretta Rx4 Police Carabine 5,56x45 NATO

    Eh si si, l'MP7 è davvero un gran giocattolino


  17. #17
    Banned L'avatar di Elf
    Data Registrazione
    14-03-02
    Località
    Piazza San Pietro
    Messaggi
    2,701

    Predefinito Re: [Prototipo] Beretta Rx4 Police Carabine 5,56x45 NATO

    aaahhhhhh, la conoscevo allora! solo che l'avevo sempre e solo sentita chiamare "PDW" (nome che mi è sempre suonato improprio... )

    la UCP alla fine è la risposta H&K alla già sorprendente Five-Seven!

    bei giocattoli, il 4.7x30 mi ha sempre ispirato un sacco!
    sapete mica che energia ha?
    in kgm o Joules?

  18. #18
    Il Nonno L'avatar di Gil-galad, Re degli Elfi
    Data Registrazione
    11-03-02
    Località
    Bruxelles
    Messaggi
    8,173

    Predefinito Re: [Prototipo] Beretta Rx4 Police Carabine 5,56x45 NATO

    Purtroppo sia sul 5,7 che sul 4,6 i dati disponibili sono scarsi, mi ricordo un articolo in proposito su un RID del 2004, ma purtroppo per sbaglio mia madre ha eliminato tutte le mie riviste di quel periodo

  19. #19
    Automatic Jack
    ospite

    Predefinito Re: [Prototipo] Beretta Rx4 Police Carabine 5,56x45 NATO

    Dovrei averlo io. Datemi tempo che lo recupero (da qualche parte deve pur essere )

  20. #20
    Il Nonno L'avatar di Gil-galad, Re degli Elfi
    Data Registrazione
    11-03-02
    Località
    Bruxelles
    Messaggi
    8,173

    Predefinito Re: [Prototipo] Beretta Rx4 Police Carabine 5,56x45 NATO

    Era all'interno dell'articolo sull'MP-7, se hai il numero di Gennaio 2005 puoi cercarlo nell'elenco

  21. #21
    Automatic Jack
    ospite

    Predefinito Re: [Prototipo] Beretta Rx4 Police Carabine 5,56x45 NATO

    salvataggio antiapocafud

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice HTML è Disattivato