Risultati da 1 a 16 di 16
  1. #1
    Shogun Assoluto L'avatar di Kordian
    Data Registrazione
    23-04-03
    Località
    Carpi (Modena)
    Messaggi
    36,232

    Predefinito [Fulviuz fatti dichiarare disabile]L'assistente sessuale, questa sconosciuta

    ROMA – Si chiama assistente sessuale o “partner surrogato“. E’ la persona che, tecnicamente, “entra in intimità sessuale con un cliente sotto la supervisione di un terapista”. Per spiegare una figura professionale che in Italia ancora non è riconosciuta è meglio iniziare dalla definizione. In altri Paesi per i disabili esiste l’assistente sessuale. In Svizzera arriva a farsi pagare 150 franchi l’ora (124,53 euro circa).

    E se altrove è una figura professionale riconosciuta, in Italia ci si chiede: è medicina o mestiere? Professione o prostituzione?

    Chi ha un disabile in casa lo sa. Chi non ha autonomia di movimento, perché l’ha persa o non l’ha mai avuta, ma anche chi ha handicap mentali, ha comunque una sua vita sessuale. Che a volte è disordinata e confusa perché non vissuta. Ma comunque c’è. Che fare? Spesso l’amore e il sesso per i disabili sono tabù. Semplicemente sono aspetti della vita che rimangono abbozzati, non vissuti. Ci sono casi in cui le famiglie ricorrono alla prostituzione.

    Tra queste due vie (ignorare il problema o rivolgersi a chi si prostituisce) in altri Paesi esistono gli assistenti sessuali. Che sono dei terapisti veri e propri, uomini e donne, e insegnano al cliente (non lo chiamano “paziente”) a gestire la propria sessualità, anche se questo significa relegarla alla sola masturbazione. Come? Insegnando alcuni “paletti”, come ad esempio ricordare che certe pratiche si fanno in privato, ma anche passando a “sessioni di pratica”. Sì, l’assistente sessuale arriva a fare sesso con il cliente.

    Naturalmente succede dove questa pratica è riconosciuta in quanto tale, come in Svizzera e negli Stati Uniti. In Italia è relegata alla prostituzione generica che, per quanto legale, non coglie di certo la funzione sociale di questa figura. Il lavoro di assistente sessuale diventerà sicuramente più familiare e noto grazie a un film con Helen Hunt (nel ruolo dell’assistente) e John Hawkes, “The Sessions”. Film tratto da una storia vera, quella tra Mark O’Brien, chiuso in un polmone d’acciaio fino alla morte nel 1999, e la sua terapista Cheryl Cohen Greene. La loro fu anche una storia di amore, come mostra il film.

    In Svizzera si paga una cifra intorno ai 150 franchi l’ora (circa 124,53 euro) per una seduta con prestatori d’opera in genere sopra i 30 anni e che hanno un’altra occupazione part-time. L’assistenza sessuale, qui, per essere considerata un’attività etica non deve essere un’attività prevalente. Lorenzo Fumagalli, che fa questo lavoro da anni nella Svizzera tedesca, spiega a Il Venerdì: “C’è chi arriva alla penetrazione e chi no, ma non è solo un limite che ci diamo noi, molti clienti sono impossibilitati all’attività genitale e allora si lavora sulla sessualità diffusa”. Ma qual è la differenza con la prostituzione? “Lavoro da 6 anni con un cliente adulto spastico - continua Fumagalli – sordo e con seri problemi cognitivi, traumatizzato da un’esperienza con una prostituta che per prima cosa gli aveva fatto vedere un film porno. Adesso sono riuscito ad avviarlo alla masturbazione”.
    Avanti, cominciate a inalare la trielina o a prendervi a clavate la testa

  2. #2
    La Borga
    Data Registrazione
    22-06-10
    Località
    Arena
    Messaggi
    9,862

    Predefinito Re: [Fulviuz fatti dichiarare disabile]L'assistente sessuale, questa sconosciuta

    senti senti

  3. #3
    Shogun Assoluto L'avatar di Zombine
    Data Registrazione
    25-10-07
    Località
    Friûl
    Messaggi
    50,785

    Predefinito Re: [Fulviuz fatti dichiarare disabile]L'assistente sessuale, questa sconosciuta

    sta cosa mi perplime un po'

  4. #4
    Suprema Borga Imperiale L'avatar di Narc
    Data Registrazione
    03-06-06
    Messaggi
    15,427

    Predefinito Re: [Fulviuz fatti dichiarare disabile]L'assistente sessuale, questa sconosciuta

    Ma si paga comunque, tanto vale rivolgersi alle normali miNiotte di strada.

  5. #5
    Shogun Assoluto
    Data Registrazione
    29-08-09
    Località
    Trasferito a Borgo Panigale
    Messaggi
    61,762

    Predefinito Re: [Fulviuz fatti dichiarare disabile]L'assistente sessuale, questa sconosciuta

    e io che c'entro?

  6. #6
    Shogun Assoluto L'avatar di Kordian
    Data Registrazione
    23-04-03
    Località
    Carpi (Modena)
    Messaggi
    36,232

    Predefinito Re: [Fulviuz fatti dichiarare disabile]L'assistente sessuale, questa sconosciuta

    Se diventano riconosciute dallo Stato hai l'opportunità di farti assegnare una laida a spese dei contribuenti

    Ma prima devi diventare disabile


    Però tutto questo potrebbe essere utile per il forum dillà

  7. #7
    Suprema Borga Imperiale L'avatar di Narc
    Data Registrazione
    03-06-06
    Messaggi
    15,427

    Predefinito Re: [Fulviuz fatti dichiarare disabile]L'assistente sessuale, questa sconosciuta

    E se diventasse lui assistente sessuale? Pensateci, con le sue conoscenze in campo di real doll diventerebbe un autentico guru nel settore, dando un aiuto a chi purtroppo non può per motivi fisici sfogare le proprie pulsioni sessuali. Io ci vedo un certo business :smugbusiness: niente male, ti ci compri easy un paio di macpro per fappartici sopra, tanto potrai dire che lo fai per la ricerca.

  8. #8
    Shogun Assoluto
    Data Registrazione
    29-08-09
    Località
    Trasferito a Borgo Panigale
    Messaggi
    61,762

    Predefinito Re: [Fulviuz fatti dichiarare disabile]L'assistente sessuale, questa sconosciuta

    il sesso è disgustoso...

  9. #9
    Il Nonno
    Data Registrazione
    26-10-10
    Messaggi
    8,909

    Predefinito Re: [Fulviuz fatti dichiarare disabile]L'assistente sessuale, questa sconosciuta

    manca solo l'opinione di marmist e possiamo chiudere

  10. #10
    Suprema Borga Imperiale L'avatar di Narc
    Data Registrazione
    03-06-06
    Messaggi
    15,427

    Predefinito Re: [Fulviuz fatti dichiarare disabile]L'assistente sessuale, questa sconosciuta

    Quello che fai complimenti a una ragazza concludendo con "gg"

  11. #11
    Lo Zio L'avatar di AlephZero
    Data Registrazione
    01-01-03
    Località
    Un vicentino a Budapest
    Messaggi
    2,164

    Predefinito Re: [Fulviuz fatti dichiarare disabile]L'assistente sessuale, questa sconosciuta

    in b4, assistente sessuale sostituisce la parola "escort" per i giornalisti, per definire le miNiotte.
    e b4 in b4, tutte le escort rinominano la propria professione "assistente sessuali"

  12. #12
    FRIGG
    ospite

    Predefinito Re: [Fulviuz fatti dichiarare disabile]L'assistente sessuale, questa sconosciuta

    Ib4 silvio le scarica sulla mutua come cure mediche

  13. #13
    Il Nonno
    Data Registrazione
    26-10-10
    Messaggi
    8,909

    Predefinito

    quote sbagliato

    Inviato dal mio Galaxy S II

  14. #14

    Predefinito Re: [Fulviuz fatti dichiarare disabile]L'assistente sessuale, questa sconosciuta

    ha comunque una sua vita sessuale. Che a volte è disordinata e confusa perché non vissuta. Ma comunque c’è.
    ebbé allora serve a tutti

  15. #15
    Moloch
    ospite

    Predefinito Re: [Fulviuz fatti dichiarare disabile]L'assistente sessuale, questa sconosciuta

    eh, descrive il 90% dell'utenza di j4s

  16. #16
    Nikoro
    ospite

    Predefinito Re: [Fulviuz fatti dichiarare disabile]L'assistente sessuale, questa sconosciuta

    ROMA – Si chiama assistente sessuale o “partner surrogato“. E’ la persona che, tecnicamente, “entra in intimità sessuale con un cliente sotto la supervisione di un terapista”. Per spiegare una figura professionale che in Italia ancora non è riconosciuta è meglio iniziare dalla definizione. In altri Paesi per i disabili esiste l’assistente sessuale. In Svizzera arriva a farsi pagare 150 franchi l’ora (124,53 euro circa).

    E se altrove è una figura professionale riconosciuta, in Italia ci si chiede: è medicina o mestiere? Professione o prostituzione?

    Chi ha un disabile in casa lo sa. Chi non ha autonomia di movimento, perché l’ha persa o non l’ha mai avuta, ma anche chi ha handicap mentali, ha comunque una sua vita sessuale. Che a volte è disordinata e confusa perché non vissuta. Ma comunque c’è. Che fare? Spesso l’amore e il sesso per i disabili sono tabù. Semplicemente sono aspetti della vita che rimangono abbozzati, non vissuti. Ci sono casi in cui le famiglie ricorrono alla prostituzione.

    Tra queste due vie (ignorare il problema o rivolgersi a chi si prostituisce) in altri Paesi esistono gli assistenti sessuali. Che sono dei terapisti veri e propri, uomini e donne, e insegnano al cliente (non lo chiamano “paziente”) a gestire la propria sessualità, anche se questo significa relegarla alla sola masturbazione. Come? Insegnando alcuni “paletti”, come ad esempio ricordare che certe pratiche si fanno in privato, ma anche passando a “sessioni di pratica”. Sì, l’assistente sessuale arriva a fare sesso con il cliente.

    Naturalmente succede dove questa pratica è riconosciuta in quanto tale, come in Svizzera e negli Stati Uniti. In Italia è relegata alla prostituzione generica che, per quanto legale, non coglie di certo la funzione sociale di questa figura. Il lavoro di assistente sessuale diventerà sicuramente più familiare e noto grazie a un film con Helen Hunt (nel ruolo dell’assistente) e John Hawkes, “The Sessions”. Film tratto da una storia vera, quella tra Mark O’Brien, chiuso in un polmone d’acciaio fino alla morte nel 1999, e la sua terapista Cheryl Cohen Greene. La loro fu anche una storia di amore, come mostra il film.

    In Svizzera si paga una cifra intorno ai 150 franchi l’ora (circa 124,53 euro) per una seduta con prestatori d’opera in genere sopra i 30 anni e che hanno un’altra occupazione part-time. L’assistenza sessuale, qui, per essere considerata un’attività etica non deve essere un’attività prevalente. Lorenzo Fumagalli, che fa questo lavoro da anni nella Svizzera tedesca, spiega a Il Venerdì: “C’è chi arriva alla penetrazione e chi no, ma non è solo un limite che ci diamo noi, molti clienti sono impossibilitati all’attività genitale e allora si lavora sulla sessualità diffusa”. Ma qual è la differenza con la prostituzione? “Lavoro da 6 anni con un cliente adulto spastico - continua Fumagalli – sordo e con seri problemi cognitivi, traumatizzato da un’esperienza con una prostituta che per prima cosa gli aveva fatto vedere un film porno. Adesso sono riuscito ad avviarlo alla masturbazione”.
    Baddo, scelgo te.

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice HTML è Disattivato