Risultati da 1 a 12 di 12

Discussione: Leggete! Avviso!

  1. #1

    Predefinito Leggete! Avviso!

    VERSIONE ORIGINALE
    1 My first thought was, he lied in every word,
    2 That hoary cripple, with malicious eye
    3 Askance to watch the working of his lie
    4 On mine, and mouth scarce able to afford
    5 Suppression of the glee that pursed and scored
    6 Its edge, at one more victim gained thereby.

    7 What else should he be set for, with his staff?
    8 What, save to waylay with his lies, ensnare
    9 All travellers who might find him posted there,
    10 And ask the road? I guessed what skull-like laugh
    11 Would break, what crutch 'gin write my epitaph
    12 For pastime in the dusty thoroughfare,

    13 If at his counsel I should turn aside
    14 Into that ominous tract which, all agree,
    15 Hides the Dark Tower. Yet acquiescingly
    16 I did turn as he pointed: neither pride
    17 Nor hope rekindling at the end descried,
    18 So much as gladness that some end might be.

    19 For, what with my whole world-wide wandering,
    20 What with my search drawn out thro' years, my hope
    21 Dwindled into a ghost not fit to cope
    22 With that obstreperous joy success would bring,
    23 I hardly tried now to rebuke the spring
    24 My heart made, finding failure in its scope.

    25 As when a sick man very near to death
    26 Seems dead indeed, and feels begin and end
    27 The tears and takes the farewell of each friend,
    28 And hears one bid the other go, draw breath
    29 Freelier outside ("since all is o'er," he saith,
    30 "And the blow fallen no grieving can amend"

    31 While some discuss if near the other graves
    32 Be room enough for this, and when a day
    33 Suits best for carrying the corpse away,
    34 With care about the banners, scarves and staves:
    35 And still the man hears all, and only craves
    36 He may not shame such tender love and stay.

    37 Thus, I had so long suffered in this quest,
    38 Heard failure prophesied so oft, been writ
    39 So many times among "The Band"--to wit,
    40 The knights who to the Dark Tower's search addressed
    41 Their steps--that just to fail as they, seemed best,
    42 And all the doubt was now--should I be fit?

    43 So, quiet as despair, I turned from him,
    44 That hateful cripple, out of his highway
    45 Into the path he pointed. All the day
    46 Had been a dreary one at best, and dim
    47 Was settling to its close, yet shot one grim
    48 Red leer to see the plain catch its estray.

    49 For mark! no sooner was I fairly found
    50 Pledged to the plain, after a pace or two,
    51 Than, pausing to throw backward a last view
    52 O'er the safe road, 'twas gone; grey plain all round:
    53 Nothing but plain to the horizon's bound.
    54 I might go on; nought else remained to do.

    55 So, on I went. I think I never saw
    56 Such starved ignoble nature; nothing throve:
    57 For flowers--as well expect a cedar grove!
    58 But cockle, spurge, according to their law
    59 Might propagate their kind, with none to awe,
    60 You'd think; a burr had been a treasure-trove.

    61 No! penury, inertness and grimace,
    62 In some strange sort, were the land's portion. "See
    63 Or shut your eyes," said Nature peevishly,
    64 "It nothing skills: I cannot help my case:
    65 'Tis the Last Judgment's fire must cure this place,
    66 Calcine its clods and set my prisoners free."

    67 If there pushed any ragged thistle-stalk
    68 Above its mates, the head was chopped; the bents
    69 Were jealous else. What made those holes and rents
    70 In the dock's harsh swarth leaves, bruised as to baulk
    71 All hope of greenness? 'tis a brute must walk
    72 Pashing their life out, with a brute's intents.

    73 As for the grass, it grew as scant as hair
    74 In leprosy; thin dry blades pricked the mud
    75 Which underneath looked kneaded up with blood.
    76 One stiff blind horse, his every bone a-stare,
    77 Stood stupefied, however he came there:
    78 Thrust out past service from the devil's stud!

    79 Alive? he might be dead for aught I know,
    80 With that red gaunt and colloped neck a-strain,
    81 And shut eyes underneath the rusty mane;
    82 Seldom went such grotesqueness with such woe;
    83 I never saw a brute I hated so;
    84 He must be wicked to deserve such pain.

    85 I shut my eyes and turned them on my heart.
    86 As a man calls for wine before he fights,
    87 I asked one draught of earlier, happier sights,
    88 Ere fitly I could hope to play my part.
    89 Think first, fight afterwards--the soldier's art:
    90 One taste of the old time sets all to rights.

    91 Not it! I fancied Cuthbert's reddening face
    92 Beneath its garniture of curly gold,
    93 Dear fellow, till I almost felt him fold
    94 An arm in mine to fix me to the place
    95 That way he used. Alas, one night's disgrace!
    96 Out went my heart's new fire and left it cold.

    97 Giles then, the soul of honour--there he stands
    98 Frank as ten years ago when knighted first.
    99 What honest men should dare (he said) he durst.
    100 Good--but the scene shifts--faugh! what hangman hands
    101 In to his breast a parchment? His own bands
    102 Read it. Poor traitor, spit upon and curst!

    103 Better this present than a past like that;
    104 Back therefore to my darkening path again!
    105 No sound, no sight as far as eye could strain.
    106 Will the night send a howlet or a bat?
    107 I asked: when something on the dismal flat
    108 Came to arrest my thoughts and change their train.

    109 A sudden little river crossed my path
    110 As unexpected as a serpent comes.
    111 No sluggish tide congenial to the glooms;
    112 This, as it frothed by, might have been a bath
    113 For the fiend's glowing hoof--to see the wrath
    114 Of its black eddy bespate with flakes and spumes.

    115 So petty yet so spiteful! All along
    116 Low scrubby alders kneeled down over it;
    117 Drenched willows flung them headlong in a fit
    118 Of mute despair, a suicidal throng:
    119 The river which had done them all the wrong,
    120 Whate'er that was, rolled by, deterred no whit.

    121 Which, while I forded,--good saints, how I feared
    122 To set my foot upon a dead man's cheek,
    123 Each step, or feel the spear I thrust to seek
    124 For hollows, tangled in his hair or beard!
    125 --It may have been a water-rat I speared,
    126 But, ugh! it sounded like a baby's shriek.

    127 Glad was I when I reached the other bank.
    128 Now for a better country. Vain presage!
    129 Who were the strugglers, what war did they wage,
    130 Whose savage trample thus could pad the dank
    131 Soil to a plash? Toads in a poisoned tank,
    132 Or wild cats in a red-hot iron cage--

    133 The fight must so have seemed in that fell cirque.
    134 What penned them there, with all the plain to choose?
    135 No foot-print leading to that horrid mews,
    136 None out of it. Mad brewage set to work
    137 Their brains, no doubt, like galley-slaves the Turk
    138 Pits for his pastime, Christians against Jews.

    139 And more than that--a furlong on--why, there!
    140 What bad use was that engine for, that wheel,
    141 Or brake, not wheel--that harrow fit to reel
    142 Men's bodies out like silk? with all the air
    143 Of Tophet's tool, on earth left unaware,
    144 Or brought to sharpen its rusty teeth of steel.

    145 Then came a bit of stubbed ground, once a wood,
    146 Next a marsh, it would seem, and now mere earth
    147 Desperate and done with; (so a fool finds mirth,
    148 Makes a thing and then mars it, till his mood
    149 Changes and off he goes!) within a rood--
    150 Bog, clay and rubble, sand and stark black dearth.

    151 Now blotches rankling, coloured gay and grim,
    152 Now patches where some leanness of the soil's
    153 Broke into moss or substances like boils;
    154 Then came some palsied oak, a cleft in him
    155 Like a distorted mouth that splits its rim
    156 Gaping at death, and dies while it recoils.

    157 And just as far as ever from the end!
    158 Nought in the distance but the evening, nought
    159 To point my footstep further! At the thought,
    160 A great black bird, Apollyon's bosom-friend,
    161 Sailed past, nor beat his wide wing dragon-penned
    162 That brushed my cap--perchance the guide I sought.

    163 For, looking up, aware I somehow grew,
    164 'Spite of the dusk, the plain had given place
    165 All round to mountains--with such name to grace
    166 Mere ugly heights and heaps now stolen in view.
    167 How thus they had surprised me,--solve it, you!
    168 How to get from them was no clearer case.

    169 Yet half I seemed to recognise some trick
    170 Of mischief happened to me, God knows when--
    171 In a bad dream perhaps. Here ended, then,
    172 Progress this way. When, in the very nick
    173 Of giving up, one time more, came a click
    174 As when a trap shuts--you're inside the den!

    175 Burningly it came on me all at once,
    176 This was the place! those two hills on the right,
    177 Crouched like two bulls locked horn in horn in fight;
    178 While to the left, a tall scalped mountain . . . Dunce,
    179 Dotard, a-dozing at the very nonce,
    180 After a life spent training for the sight!

    181 What in the midst lay but the Tower itself?
    182 The round squat turret, blind as the fool's heart
    183 Built of brown stone, without a counterpart
    184 In the whole world. The tempest's mocking elf
    185 Points to the shipman thus the unseen shelf
    186 He strikes on, only when the timbers start.

    187 Not see? because of night perhaps?--why, day
    188 Came back again for that! before it left,
    189 The dying sunset kindled through a cleft:
    190 The hills, like giants at a hunting, lay
    191 Chin upon hand, to see the game at bay,--
    192 "Now stab and end the creature--to the heft!"

    193 Not hear? when noise was everywhere! it tolled
    194 Increasing like a bell. Names in my ears
    195 Of all the lost adventurers my peers,--
    196 How such a one was strong, and such was bold,
    197 And such was fortunate, yet each of old
    198 Lost, lost! one moment knelled the woe of years.

    199 There they stood, ranged along the hillsides, met
    200 To view the last of me, a living frame
    201 For one more picture! in a sheet of flame
    202 I saw them and I knew them all. And yet
    203 Dauntless the slug-horn to my lips I set,
    204 And blew. "Childe Roland to the Dark Tower came."








    VERSIONE TRADOTTA
    I

    Il mio primo pensiero era che lui mentiva in ogni parola,

    quello storpio canuto, con l’occhio cattivo

    volto di sbieco per guardare l’effetto della sua bugia

    sui miei occhi e la sua bocca a stento tratteneva

    l’esultanza che increspava il profilo del suo labbro,

    per la nuova vittima guadagnata.

    II

    Perché disporsi così col suo bastone?

    a tendere insidie, inganni, e vincoli,

    ai viaggiatori che lo trovavano appostato

    e gli chiedevano la strada? Ho indovinato gli scrosci

    di risa da teschio, e la gruccia che scriveva

    il mio epitaffio per gioco nella pubblica via polverosa.

    III

    Se dietro suo consiglio m’incammino

    lungo quel tratto fatale nel quale, tutti sanno,

    è nascosta la Torre Nera. Tuttavia acquiescente

    ho girato come indicato, non per orgoglio

    né per speranza riaccesa alla vista della meta,

    ma per la gioia d’aver visto una fine.

    IV

    Con il mio vagabondaggio in tutto il mondo intero,

    con la mia ricerca continuata negli anni, la mia speranza

    ridotta ad un fantasma incapace di far fronte

    a quel successo clamoroso che di gioia mi colmerebbe,

    appena ora ho provato a rimproverare il tuffo che il mio cuore ha fatto,

    trasalendo per l’insuccesso ormai vicino.

    V

    Come quando un uomo ammalato prossimo alla morte

    sembra morto effettivamente e sente cadere ed asciugarsi

    le lacrime e prende l’addio d’ogni amico e sente l’uno dire a

    l’altro di andare, e tirare un sospiro di sollievo

    a chi è all'esterno,(poiché tutto è finito,

    ed il colpo inflitto nessun dolore può emendare)

    VI

    Quando alcuni discutono se vicino alle altre tombe

    c’è posto abbastanza per questa e sul giorno più giusto

    per meglio organizzare il funerale,

    e pensano a bandiere, vessilli e doghe

    ed ancora l’uomo sente tutto, e prega

    di non rovinare tanto affetto restando in vita.

    VII

    Così, ho lungamente sofferto in questa ricerca,

    e udito profezie di fallimento, tante volte

    ero segnato nella "Schiera", nel numero

    dei cavalieri alla ricerca della Torre Nera,

    e fallire come loro sembrava ora la cosa migliore,

    e l’unico dubbio era – Sarò all’altezza? -

    VIII

    Così, con serena disperazione mi girai da lui,

    da quello storpio odioso, che dalla strada principale

    indicava ancora il percorso. Tutto il giorno che

    era scorso disperante nel migliore dei casi e fioco

    stava apprestandosi alla relativa fine, sparando

    un lampo rosso e torvo per veder la pianura ghermire il randagio.

    IX

    Per le insegne! Non ragionevolmente dato

    in pegno alla pianura, dopo un passo o due, facendo

    una pausa per gettare indietro un ultimo sguardo

    or era la strada sicura, andata; pianura grigia tutto in tondo;

    solo pianura fino al limite dell’orizzonte.

    poter continuare, nient’altro restava da fare.

    X

    Sono così andato avanti. Penso di non aver visto mai

    natura tanto ignobile e affamata; niente ha qui prosperato:

    per i fiori – sarebbe come prevedere un boschetto di cedro!

    Ma il loglio e l’euforbia, secondo la loro legge

    han potuto propagare il loro genere indisturbate

    ed una fragola qui, sarebbe stata un raro tesoro.

    XI

    No! penuria, inerzia e sgorbi, erano

    il certo ordinamento di queste terre. "Guarda

    o chiudi i tuoi occhi", ha detto la Natura irata,

    "Ma è uguale, non c’è rimedio al caso mio,

    solamente il fuoco dell' ultimo Giudizio può curare questo posto

    calcinarne le zolle e render liberi i prigionieri"

    XII

    Se mai spuntava un ispido gambo di cardo

    sopra i compagni, la testa era mozzata, o l’arenaria

    ne era gelosa. Perché quei fori e gli strappi nelle dure foglie

    del romice, macerate come a distruggere

    ogni speranza di verde? Questo è un animale che calpesta

    e distrugge la vita, con istinti di bestia.

    XIII

    Per quanto riguarda l’erba, cresceva rada quanto i capelli

    d’un lebbroso; fili d’erba rinsecchita bucavano il fango

    che appariva impastato col sangue.

    Un cavallo cieco rigido e tutt’ossa,

    levato in piedi istupidito, arrivato chissà come fin qua:

    sicuramente cacciato dal suo servizio di stallone del diavolo!

    XIV

    Vivo? potrebbe essere morto per quel che ho visto,

    con quel suo collo rosso e scarno ed affilato.

    Ed occhi chiusi sotto la criniera arrugginita;

    raramente grottesco e penoso sono andati assieme in tal guisa;

    non ho visto mai un animale che odiassi così;

    doveva essere ben malvagio per meritare tale sofferenza.

    XV

    Ho chiuso gli occhi e li ho girati sul mio cuore,

    come un uomo richiede vino prima di combattere,

    ho chiesto una sorsata d’antiche visioni felici,

    con la speranza di sostenere la mia parte.

    Pensare in seguito, in primo luogo la lotta è l' arte del soldato:

    un sorso del tempo felice trascorso appiana ogni cosa.

    XVI

    Non per me! Ho immaginato la faccia avvampata di Cuthbert

    sotto l’ornamento d’oro dei suoi riccioli,

    caro amico, finchè lo sentii quasi unire il suo braccio al mio

    per porre la mia mano là come s’usava un tempo.

    Ahimè, per il disonore d’una notte!

    L’ardore dal mio cuore esalò e lo lasciò freddo.

    XVII

    Giles allora, anima dell’onore, sta

    generoso come dieci anni fa quando fu investito cavaliere.

    E in primo luogo, ciò che gli onesti dovrebbero ardire (diceva) lui osava.

    Buono - ma la scena si sposta – orrore! mani di boia

    appuntano al suo petto una pergamena? Sopra si legge Traditore,

    povero traditore coperto di sputi e maledetto!

    XVIII

    Migliore questo presente di quel passato:

    avanti ancora sul mio sentiero che s’oscura!

    Nessun suono, niente si scorge fin dove l’occhio può vedere.

    La notte porterà un gufo o un pipistrello?

    Mi son chiesto: quando qualcosa giunse ad

    arrestare i miei pensieri ed a cambiarne il flusso.

    XIX

    Un fiume piccolo improvviso ha attraversato il mio percorso

    inatteso come un serpente arriva.

    Nessuna marea limacciosa ma congeniale al tetro intorno;

    questo fluiva schiumando e avrebbe potuto bagnare lo zoccolo

    infuocato del diavolo – in vista l’ira

    del nero gorgo intercalato di scaglie e di spuma.

    XX

    Così piccolo tuttavia così maligno! E sul suo corso,

    ontani contorti e bassi come inginocchiati sopra di esso;

    e salici fradici gli erano sopra precipitosi

    in un accesso di muta disperazione, folla suicida,

    Il fiume che aveva fatto tutto il torto,

    possibile, fluiva e scorreva imperturbabile.

    XXI

    E mentre lo passavo a guado – per tutti i santi - come ho temuto

    di calpestare le guance d’un morto, passo dopo passo,

    o di sentire la lancia che infilavo nei buchi,

    impigliarsi nei suoi capelli o nella barba!

    - Può essere un topo d’acqua che avevo infilzato, ma,

    oddio! ha risuonato come il vagito d’un bambino.

    XXII

    Felice raggiunsi l’altra sponda.

    E partii alla ricerca d’un posto migliore. Vana speranza!

    Ignoti guerrieri avevano ingaggiato battaglia

    ed il loro calpestio selvaggio ammollava il terreno

    umido, ormai un pantano. Rospi in un serbatoio avvelenato

    o gatti selvaggi in una gabbia di ferro rovente. –

    XXIII

    Tale appariva la battaglia in quella feroce arena,

    che cosa li rinchiudeva là, con tutta quella pianura attorno?

    Nessun' orma conduceva a quell’ orrido serraglio,

    nessuna ne usciva. Un insieme pazzo scuoteva i loro cervelli

    senza dubbio, come i galeotti che il Turco

    aizza per divertimento, cristiani contro ebrei.

    XXIV

    E più ancora – duecento passi avanti - perché, là!

    Per quali torture era stata piazzata quella ruota,

    leva, non ruota, quell’ordigno dentato

    che dipana corpi umani come seta?

    Preciso come lo strumento di Tofet, che ha dimenticato sulla Terra

    o ce l’ha portato per affilarne i denti arrugginiti d’acciaio.

    XXV

    Poi giunsi ad una ceppaia, una volta un bosco,

    e dopo quella che sembrerebbe esser stata una palude, ma ora solo terra

    disperata e sfatta; (così un folle trova da rallegrarsi,

    fa una cosa e poi la guasta, finchè il suo umore cambia

    e si spegne!) all'interno d'un quarto d’acro

    - palude, argilla e ghiaia, sabbia e nero seccume.

    XXVI

    Ora bubboni dalle macchie colorate e torve, ora zone

    ove dal terreno erompevano muschi,

    o materia di pustole; e poi

    una quercia rachitica barcollante con uno squarcio nel mezzo

    simile ad una bocca storta che si fende ai lati

    spalancata alla vista della morte e morta nel raccapriccio.

    XXVII

    Ed ero lontano più che mai dalla meta!

    Niente laggiù se non il buio, niente,

    a guidare più oltre il mio passo! A quel pensiero,

    un uccello nero grande amico d’Apollyon,

    passò volteggiando, immoti le grandi ali spiegate di drago,

    fino a sfiorarmi il cimiero – forse era la guida che cercavo.

    XXVIII

    Osservando in alto, mi accorsi non so come,

    a dispetto dell’imbrunire, la pianura aveva dato il posto

    tutt’intorno alle montagne - con tale nome da far fiorire

    alture brulle furtivamente apparse-.

    Quanto mi avessero sorpreso – a voi scoprirlo!

    Il vero problema era adesso come allontanarsene.

    XXIX

    Tuttavia m’è sembrato di riconoscere un certo trucco

    che m’era capitato, dio sa quando –

    in un sogno difettoso forse. Qui si concludeva dunque

    il cammino. Quando, proprio nel momento

    d’arrendermi, una volta ancora, un clic

    come quando una trappola si chiude – e resti dentro.

    XXX

    Come fiamma che è venuta su me tutto d'un tratto,

    questo era il posto! quelle due colline a destra,

    acquattate come due tori che si sono intrecciati

    i corni nella lotta; mentre a sinistra stava un’ alta montagna

    pelata... Zuccone, idiota, rimbambirti nel momento cruciale,

    dopo una vita spesa ad addestrarti nella visione!

    XXXI

    Che cosa c’era lì in mezzo, se non la Torre?

    la torre tozza e rotonda, cieca come il cuore dello sciocco,

    eretta con la pietra scura, senza uguale al mondo intero.

    Lo spiritello beffardo della tempesta

    indica così al marinaio lo scoglio affiorante, dove può cozzare

    solo quando il fasciame sobbalza.

    XXXII

    Non vedere? a causa della notte forse? - perché il giorno

    tornò ancora! Prima del tramonto,

    ed il tramonto morente brillò da una fessura:

    le colline, come i giganti a caccia, appostate,

    mento sulla mano, davanti alla bestia braccata -

    'Ora affonda la lama fino all’elsa – e uccidila! '

    XXXIII

    Non sentire? Quando il fragore era dappertutto!

    E un rintoccare crescente come di campane. I nomi nei miei orecchi

    di tutti i compagni di ventura, miei pari, persi –

    come tal era forte e tale era ardito

    e tale fortunato, tuttavia ciascun compagno d’un tempo, perso,

    perso per sempre! per un momento rintoccò la tristezza degli anni.

    XXXIV

    Stavano levati in piedi, sparsi lungo il pendio, venuti

    ad osservare il mio ultimo istante, struttura vivente

    per un' nuova immagine! Fasciati di fiamme

    l’ho visti e l’ho riconosciuti tutti. Allora

    portai il corno alle labbra e soffiai:

    ' Childe Roland alla Torre Nera giunse. '

  2. #2
    Suprema Borga Imperiale
    Data Registrazione
    14-12-03
    Messaggi
    17,594

    Predefinito Re: Leggete! Avviso!


  3. #3
    Il Nonno L'avatar di Sleed
    Data Registrazione
    16-11-01
    Località
    Mascalucia (CT)
    Messaggi
    8,387

    Predefinito Re: Leggete! Avviso!

    ho letto solo il titolo...
    e non sono arrivato alla fine di "legget"

  4. #4
    La Borga L'avatar di loryjhon
    Data Registrazione
    02-03-05
    Località
    ٩(-̮̮̃-̃)۶
    Messaggi
    10,618

    Predefinito Re: Leggete! Avviso!

    Lettonientelullotutti

  5. #5
    Il Nonno L'avatar di ruttamat
    Data Registrazione
    10-05-04
    Località
    Villa Straylight
    Messaggi
    8,023

    Predefinito Re: Leggete! Avviso!

    hai sbagliato sezione, babele è poco sopra j4spam

    comunque lettoninete

  6. #6
    Shogun Assoluto L'avatar di Conte Zero
    Data Registrazione
    26-10-06
    Località
    Villaggio Globale
    Messaggi
    31,368

    Predefinito Re: Leggete! Avviso!

    Sei fuori? cioè, è l'alba.

  7. #7
    Banned L'avatar di Nisseno
    Data Registrazione
    21-10-01
    Messaggi
    163,411

    Predefinito Re: Leggete! Avviso!

    :vafantocul:

  8. #8
    Moderatore bannato L'avatar di Stanislao
    Data Registrazione
    04-11-03
    Località
    Ronco (FO)
    Messaggi
    48,307

    Predefinito Re: Leggete! Avviso!

    Questo messaggio è nascosto perchè Gregory House è nella tua lista ignorati.

    Ogni tanto è bene ribadirlo

  9. #9
    Shogun Assoluto L'avatar di kyashan
    Data Registrazione
    18-11-05
    Località
    Zancle
    Messaggi
    65,235

    Predefinito Re: Leggete! Avviso!

    no

  10. #10
    La Borga L'avatar di lostguardian
    Data Registrazione
    04-08-04
    Località
    DeeP SpaM
    Messaggi
    10,792

    Predefinito Re: Leggete! Avviso!

    Citazione Originariamente Scritto da Stanislao Visualizza Messaggio
    Questo messaggio è nascosto perchè Gregory House è nella tua lista ignorati.

    Ogni tanto è bene ribadirlo
    stica

  11. #11
    La Borga L'avatar di VOLmar
    Data Registrazione
    07-05-04
    Località
    Polentonia
    Messaggi
    12,883

    Predefinito Re: Leggete! Avviso!

    Ancora sbannato?

  12. #12
    L'Onesto L'avatar di Swanman
    Data Registrazione
    16-02-06
    Località
    Milano
    Messaggi
    871

    Predefinito Re: Leggete! Avviso!

    lettoniente troppolungo

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice HTML è Disattivato