+ Rispondi alla Discussione
Risultati da 1 a 12 di 12

Discussione: [04/08/2003] Tempi duri per il P2P, anche in Europa

  1. #1
    keiser
    ospite

    Predefinito [04/08/2003] Tempi duri per il P2P, anche in Europa

    Un importante studio legale spagnolo starebbe per far causa a quattromila "scambisti" iberici, accusati di scaricare e scambiare musica, software e film in maniera che viene definita "seria". Se la causa venisse portata avanti, si tratterebbe del più grosso intervento contro il P2P in Europa.
    Lo studio legale avrebbe raccolto le "prove" nell'ambito di una inchiesta svolta in collaborazione con il BIT, il dipartimento poliziesco spagnolo che si occupa di crimini informatici: in questo modo sarebbero stati recuperati gli indirizzi IP di 95.000 utenti infiltrandosi nelle reti P2P con vecchie versioni dei client più diffusi, che non criptano i dati più "sensibili" (come l'indirizzo IP, per l'appunto). Ammetto di non sapere se una cosa del genere sia vera o se si tratti solo di una banfa "pseudo-tecnologica"; mi chiedo però se la raccolta di indirizzi IP e relativo tracciamento (da cui immagino si sia risaliti ai nomi dei quattromila downloader più incalliti) sia operazione lecita, che non viola la privacy. In Italia si tratterebbe sicuramente di un illecito che renderebbe vana ogni prova raccolta in quel modo, in Spagna non so.
    Secondo alcuni, difficilmente il caso arriverà mai in un'aula di tribunale, visto che l'articolo 270 del codice penale spagnolo stabilisce espressamente la liceità dello scambio di file su Internet, almeno fino a quando questo non avviene per profitto. Questo principio non vale qui da noi: il reato viene commesso nel momento in cui si scambia materiale protetto da copyright, a prescindere da quanto ci si guadagna.
    Si tratterebbe, insomma, stando a queste voci, più che altro di una tattica subdola messa in atto per spaventare gli utenti meno scafati, costringendoli a desistere per la paura di essere identificati. Un'idea già sperimentata in Italia, se ben ricordate, quando fu annunciata con grande clamore un'inchiesta a tappeto che riguardava diecimila scambisti italiani.
    Il punto è: non c'è profitto nello scambiare un film senza chiedere nulla in cambio. Ma chi detiene i diritti non riceve il denaro che dovrebbe essere pagato per beneficiare del prodotto. Per l'utente si tratta di soldi risparmiati, e quindi indirettamente guadagnati. E' su questo punto che batte lo studio legale. Staremo a vedere che cosa ne verrà fuori... Per il momento, buon inizio di settimana a tutti!

  2. #2
    La Borga L'avatar di Mr.Black
    Data Registrazione
    27-06-03
    Località
    Roma
    Messaggi
    14,006

    Predefinito Re: [04/08/2003] Tempi duri per il P2P, anche in Europa

    Io ancora nn ho capito bene questa storia del p2p ma è legale o no? e se nn lo è perchè ci sono così tanti programmi? e a breve dovrebbe riaprire anche napaster agratis

  3. #3
    Suprema Borga Imperiale L'avatar di Onslaught
    Data Registrazione
    10-03-02
    Località
    Bologna
    Messaggi
    16,520

    Predefinito Re: [04/08/2003] Tempi duri per il P2P, anche in Europa

    Il p2p è legale,è illegale solo lo scambio di file protetti da copyright.
    Detto questo,la cosa è una banfa evidente,per una lampante mancanza di prove: chi l'ha detto che quei ragazzi non si sono scambiati file che già avevano? Lo so anche io che con tutta probabilità scaricavano file che non possedevano,ma in tribunale una supposizione non vale niente.
    Ancora: chi l'ha detto che hanno scaricato file protetti da copyright? Mi è successo più di una volta di scaricare da programmi p2p degli anime jap,delle patch o delle demo che NON ERANO quello che c'era scritto......anche qui ci vogliono delle prove.
    Infine,mi chiedo come si possa avere la certezza matematica che i file siano davvero stati scaricati su quei pc senza aver visto i pc.
    Questo è terrorismo psicologico,legalmente non ci sono prove per adire legalmente e se per caso si riuscisse a vincere una causa del genere,ci sarebbe davvero da preoccuparsi,ma non perchè si parla di p2p2,ma perchè sarebbe evidente il fatto che le major dettano leggi e che sono al di sopra delle leggi.

  4. #4
    La Borga L'avatar di Mr.Black
    Data Registrazione
    27-06-03
    Località
    Roma
    Messaggi
    14,006

    Predefinito Re: [04/08/2003] Tempi duri per il P2P, anche in Europa

    Le meraviglie dei cavilli legali

  5. #5
    Suprema Borga Imperiale L'avatar di Onslaught
    Data Registrazione
    10-03-02
    Località
    Bologna
    Messaggi
    16,520

    Predefinito Re: [04/08/2003] Tempi duri per il P2P, anche in Europa

    Mr.Black ha scritto lun, 04 agosto 2003 alle 13:51
    Le meraviglie dei cavilli legali
    I cavilli legali sono ben altri per fortuna: queste sono leggi.

  6. #6
    Il Puppies
    Data Registrazione
    29-12-02
    Messaggi
    645

    Predefinito Re: [04/08/2003] Tempi duri per il P2P, anche in Europa

    Beh penso che si tratti di una mezza notizia vera, credo che si parli di utenti che guadagnano dal p2p come da noi in Italia, insomma quelli che scaricano e poi masterizzano migliaia di cd da vendere nelle bancarelle...

    Cmq sono favorevole al tracking degli IP, a parte che è già pratica diffusa da parte delle forze dell'ordine e più di una volta ha permesso di collegare persone ad altre persone facendo chiudere parecchi casi, e inoltre è la stessa cosa dei cellulari....pochi anni fa se ricordate i gestori negarono la capacità di sapere in ogni istante dove si trovasse il singolo cellulare, l'altro giorno a Milano mi è arrivato un sms pubblicitario da parte di Omnitel mirato ad una famosa catena di negozi, sita qualche via indietro rispetto alla mia posizione...niente di strano?è arrivato anche alla mia ragazza che era con me ma...lei di solito vive a Cagliari

    Ciao belli parto per le vacanze

  7. #7

    Predefinito Re: [04/08/2003] Tempi duri per il P2P, anche in Europa

    keiser ha scritto lun, 04 agosto 2003 alle 10:55
    Ammetto di non sapere se una cosa del genere sia vera o se si tratti solo di una banfa "pseudo-tecnologica"; mi chiedo però se la raccolta di indirizzi IP e relativo tracciamento (da cui immagino si sia risaliti ai nomi dei quattromila downloader più incalliti) sia operazione lecita, che non viola la privacy. In Italia si tratterebbe sicuramente di un illecito che renderebbe vana ogni prova raccolta in quel modo, in Spagna non so.
    Credo che anche qui in Italia sarebbe un'operazione lecita, come lo sono per esempio le intercettazioni telefoniche e ambientali (che sono una palese violazione della privacy), ma sono consentite per scopi investigativi quando sono autorizzate (da un giudice mi pare di ricordare).
    Quote:
    Il punto è: non c'è profitto nello scambiare un film senza chiedere nulla in cambio. Ma chi detiene i diritti non riceve il denaro che dovrebbe essere pagato per beneficiare del prodotto. Per l'utente si tratta di soldi risparmiati, e quindi indirettamente guadagnati. E' su questo punto che batte lo studio legale.
    Perfettamente d'accordo con il tuo punto di vista.
    Mi pare (scusate ma vado a memoria), che le sentenze piú recenti in materia puniscano questa specie di "risparmio" come una forma di lucro.

  8. #8

    Predefinito Re: [04/08/2003] Tempi duri per il P2P, anche in Europa

    Io ho già preparato un bunker anti-nucleare segreto in cui riporre i CD dei film che scarico, e per raggiungerlo bisogna alzare il tappeto, digitare 644529 sul pannello e allora si aprirà la porta segreta per il mio bunker... non dovevo dirlo! D'OH!

  9. #9
    Il Niubbi L'avatar di frengo
    Data Registrazione
    08-11-01
    Località
    Usg Ishimura
    Messaggi
    212

    Predefinito Re: [04/08/2003] Tempi duri per il P2P, anche in Europa

    Altro che p2p, la legge dovrebbe punire chi, per sgombrare il box, getta nella spazzatura atari 2600 e commodore 64 come se niente fosse!!!

  10. #10
    Banned L'avatar di Juan
    Data Registrazione
    16-06-03
    Messaggi
    1,889

    Predefinito Re: [04/08/2003] Tempi duri per il P2P, anche in Europa

    frengo ha scritto lun, 04 agosto 2003 alle 21:51
    Altro che p2p, la legge dovrebbe punire chi, per sgombrare il box, getta nella spazzatura atari 2600 e commodore 64 come se niente fosse!!!

  11. #11
    Il Puppies
    Data Registrazione
    10-06-03
    Località
    Deep Inside
    Messaggi
    711

    Predefinito Re: [04/08/2003] Tempi duri per il P2P, anche in Europa

    Mi a ridere come questi credano di risolvere il problema con il tracking dell'ip.
    Chi guadagna veramente da questi traffici sarà proprio facile che utilizzi il pc di casa

  12. #12
    Shogun Assoluto L'avatar di nukemall
    Data Registrazione
    17-07-02
    Località
    Zena
    Messaggi
    25,266

    Predefinito Re: [04/08/2003] Tempi duri per il P2P, anche in Europa

    Juan ha scritto mar, 05 agosto 2003 alle 00:07
    frengo ha scritto lun, 04 agosto 2003 alle 21:51
    Altro che p2p, la legge dovrebbe punire chi, per sgombrare il box, getta nella spazzatura atari 2600 e commodore 64 come se niente fosse!!!
    Crossposting pungolando l'administrator, infilare la mano nella gabbia di una tigre siberiana per tirargli la coda potrebbe risultare meno pericoloso. Aria di ban per voi due

+ Rispondi alla Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice HTML è Disattivato