+ Rispondi alla Discussione
Risultati da 1 a 24 di 24

Discussione: [10/10/2003] Rapporto innovazione e tecnologie digitali in Italia

  1. #1
    keiser
    ospite

    Predefinito [10/10/2003] Rapporto innovazione e tecnologie digitali in Italia

    È stato pubblicato ieri dal Ministero per l'Innovazione e le Tecnologie il Rapporto innovazione e tecnologie digitali in Italia, un malloppazzo da 160 pagine in formato pdf che, tra tante astrusità (ed astrazioni) politiche e un po' di prolissità, descrive una situazione tutt'altro che rosea per il nostro paese per quanto riguarda l'informatica e la relazione tra cittadini e computer. Il «livello di penetrazione delle nuove tecnologie nel sistema italiano appare storicamente inferiore agli altri Paesi europei»; in altre parole, non ce la facciamo a stare al passo del resto della UE, sia nell'industria che nella vita di tutti i giorni. Lasciamo stare la fruizione più o meno consapevole di servizi "avanzati" o lo sfruttamento di tecnologie più o meno all'avanguardia (su tutte, la banda larga). Il dato evidente è che due terzi degli italiani (più o meno) non sa usare un computer. Due persone su tre. Se ci pensate, è piuttosto inquietante. Riuscite a identificare qualcuno del vostro cerchio di conocenze (anche superficiali) che appartiene al gruppo dei cosiddetti "analfabeti informatici"? Io ci ho provato, e ho grossolanamente stimato una percentuale del 4/5% (ragionando per eccesso). Questo vuol dire che c'è tutto un mondo, là fuori, distante dal mio, dal nostro, che dei computer non sa davvero che farsene. E la cosa, nel 2003, mi preoccupa un po', non foss'altro per la loro importanza, al di là del divertimento e del videoludo. Però mi incoraggia pensare che solo cinque o sei anni fa, rimanendo nell'ambito dell'analisi personale e approssimativa, la percentuale di non-informatizzati che conoscevo era decisamente superiore ad oggi...

  2. #2

    Predefinito Re: [10/10/2003] Rapporto innovazione e tecnologie digitali in Italia

    voi dirmi che i tuoi sanno usare il pc?? E i genitori degli amici??? Secondo me questo studio non tiene conto dell'età della popolazione. Che è un dato a mio avviso molto determinante. Penso che fra la popolazione under 25-30 il dato si alzi sensibilmente. non pensate?

  3. #3
    Il Puppies L'avatar di Hansen
    Data Registrazione
    02-12-01
    Località
    Milano
    Messaggi
    373

    Predefinito Re: [10/10/2003] Rapporto innovazione e tecnologie digitali in Italia

    Dunque in casa mia a parte me e mio padre (diciamo lui a metà perchè ogni tanto combina delle boiate assurde) nessun altro sa usare il PC. A livello di amici le cose migliorano nettamente con la quasi totalità che sa padroneggiare il mezzo informatico (certo con le donne le percentuali crollano peggio della borsa nei suoi periodi più neri). Per il resto sono tristemente consapevole di questa cosa e sono ancor più consapevole che in futuro non andremo migliorando... allora sì che si arriverà al cittadino di serie A (informato e informatizzato) e il cittadino di serie B (informato e basta)... escludo quelli di serie C (ignoranti e basta) che sono comunque troppi.

  4. #4
    keiser
    ospite

    Predefinito Re: [10/10/2003] Rapporto innovazione e tecnologie digitali in Italia

    ebbene sì, i miei sanno usare il pc! strano ma vero! e anche i miei suoceri! e pensa che persino i nonni di mia moglie lo sanno usare!

    all'appello manca solo la piccola sara, ma per lei credo non ci saranno grandi problemi di alfabetizzazione informatica...

    ripensando ai giri di parenti, direi che più della metà dei miei zii un pc sa come si usa, sì... i cugini indubbiamente tutti, i nipoti (quelli che hanno più di quattro anni) pure...

    ciauciau
    cla

  5. #5
    Il Nonno L'avatar di [MiStO]
    Data Registrazione
    18-11-01
    Località
    Montpellier, France
    Messaggi
    4,518

    Predefinito Re: [10/10/2003] Rapporto innovazione e tecnologie digitali in Italia

    mah,direi che siamo messi male...
    quasi tutti quelli che conosco sanno cos'è un pc,sanno copiare un gioco x la play(tristezza) ma se devono disinstallare qualcosa già cominciano ad avere problemi.

  6. #6
    Il Puppies L'avatar di Boomer
    Data Registrazione
    03-03-03
    Località
    Genova
    Messaggi
    500

    Predefinito Re: [10/10/2003] Rapporto innovazione e tecnologie digitali in Italia



    I miei solo al pensiero di passare vicino al pc si fanno prendere dal panico.
    2 su 3 è comunque una stima corretta.

  7. #7

    Predefinito Re: [10/10/2003] Rapporto innovazione e tecnologie digitali in Italia

    keiser ha scritto ven, 10 ottobre 2003 alle 10:35
    ebbene sì, i miei sanno usare il pc! strano ma vero! e anche i miei suoceri! e pensa che persino i nonni di mia moglie lo sanno usare!

    all'appello manca solo la piccola sara, ma per lei credo non ci saranno grandi problemi di alfabetizzazione informatica...

    ripensando ai giri di parenti, direi che più della metà dei miei zii un pc sa come si usa, sì... i cugini indubbiamente tutti, i nipoti (quelli che hanno più di quattro anni) pure...

    ciauciau
    cla

    beh sei un eccezione. (A parte che effettivamente mia madre è programmatrice....)

  8. #8
    Lo Zio L'avatar di nickventola
    Data Registrazione
    17-09-01
    Località
    parma
    Messaggi
    2,719

    Predefinito Re: [10/10/2003] Rapporto innovazione e tecnologie digitali in Italia

    premessa penso importante: abito a parma.
    ho fatot i conti sommariamente: contando parenti ed amici la percentuale di chi non conosce il pc si attesta sul un bel 50%, se invece focalizzo la mia attenzione sui miei amici devo dire che mentre i maschi bene o male se la cavano per le ragazze molto spesso sanno solo accenere, scrivere la tesi su word e mandare allegati inutili via posta eletrronica

  9. #9
    Lo Zio L'avatar di MarcRemillard
    Data Registrazione
    21-09-01
    Località
    Bergamo
    Messaggi
    1,961

    Predefinito Re: [10/10/2003] Rapporto innovazione e tecnologie digitali in Italia

    Il Keiser farà sicuramente parte di una famiglia di superuomini lo invidio, in casa mia ci siamo io e mio fratello a usare il pc (due pc), i miei neanche a parlarne, mia sorella... sa giocare bene a dx-ball e fa partire Word ed Outlook, che genio!
    La parentela è informatizzata ad un livello così basso che mi vien tristezza, a parte i cugini (maschi) più giovani.
    E per la cerchia delle amicizie? Bella lì, tragedia cosmica imminente a parte tre o quattro fidati, TUTTI gli altri sono quasi analfabeti (nel senso sono al livello di mia sorella) e se andiamo alle amiche... vabbé, lo sappiamo

    Ah, sì, c'è anche il mio amore... ignoranza più totale, ma come farà mai ?!?!?!?!

  10. #10
    L'Onesto L'avatar di j.li
    Data Registrazione
    08-06-02
    Località
    Napoli
    Messaggi
    1,346

    Predefinito Re: [10/10/2003] Rapporto innovazione e tecnologie digitali in Italia

    Beh, io lavoro all'help desk tecnico di un istituto piuttosto consistente (circa 20.000 impiegati!).
    Ragà, quello che non abbiamo sentito

    giulio

  11. #11
    Il Puppies L'avatar di Mech
    Data Registrazione
    19-06-03
    Località
    Sesto
    Messaggi
    503

    Predefinito Re: [10/10/2003] Rapporto innovazione e tecnologie digitali in Italia

    E' una cosa che si sapeva da tempo.
    L'adsl costa troppo(per molti);del resto, non ci sono soldi in Italia per la ricerca, figuriamoci per aiutare le persone ad avere un approccio diverso nei confronti della tecnologia(cellulare a parte).

    Concludo, sottolineando che molta gente, a mio avviso fa un uso troppo smodata dei PC(ore e ore davanti a un monitor e non per lavoro), e che senza, si riesce a vivere più che tranquillamente

    Ciao

  12. #12
    Suprema Borga Imperiale L'avatar di maxpay
    Data Registrazione
    13-10-01
    Località
    Sud Italia
    Messaggi
    24,673

    Predefinito Re: [10/10/2003] Rapporto innovazione e tecnologie digitali in Italia

    Quote:
    Riuscite a identificare qualcuno del vostro cerchio di conocenze (anche superficiali) che appartiene al gruppo dei cosiddetti "analfabeti informatici"?
    è una domanda retorica vero?
    allora in casa mia utilizzano il pc, mia sorella, mio fratello, mio padre e io naturalmente. il tecnico sono io. mia sorella da una mano alla prolificazione e distribuzione su scala interplanetaria dei worm, mio fratello cerca di darle una mano con scarsi risultati (vabbè siamo all'uso normale del pc per internet e suite di office), mio padre lo usa al lavoro ma "usa" per modo di dire....
    tra gli amici soltanto uno che conosco sa usarlo bene.
    cmq ho sentito anch'io di questo Rapporto mentre ero in macchina, su una stazione radio. 2 su 3 non sanno usare il pc.
    quanti non sanno cos'è una directory (o cartella chedirsivoglia)?
    magari sanno navigare ma manca la conoscenza di base.

    Quote:
    all'appello manca solo la piccola sara, ma per lei credo non ci saranno grandi problemi di alfabetizzazione informatica...
    se le fanno le analisi del sangue ci scommetto che trovano i nanoidi li dentro!


  13. #13
    Suprema Borga Imperiale L'avatar di maxpay
    Data Registrazione
    13-10-01
    Località
    Sud Italia
    Messaggi
    24,673

    Predefinito Re: [10/10/2003] Rapporto innovazione e tecnologie digitali in Italia

    Quote:
    Concludo, sottolineando che molta gente, a mio avviso fa un uso troppo smodata dei PC(ore e ore davanti a un monitor e non per lavoro), e che senza, si riesce a vivere più che tranquillamente
    questo è vero ma guarda che il problema è un altro.
    per adeguarsi alla comunità europea, nonchè al resto del mondo, l'Italia ha promosso le cosiddette tre I (di Imola):
    inglese, informatica, impresa.
    è risultato che in tutti e 3 facciamo schifo.
    non è un problema di saper giocare a quake3. il computer sta diventando sempre più parte della nostra vita e anche se vivremmo tranquillamente anche senza di esso, è diventata una necessità saperlo usare. non soltanto serve nel mondo del lavoro ma in un futuro abbastanza vicino servirà praticamente per tutto.

  14. #14

    Predefinito Re: [10/10/2003] Rapporto innovazione e tecnologie digitali in Italia

    keiser ha scritto ven, 10 ottobre 2003 alle 10:35
    ebbene sì, i miei sanno usare il pc! strano ma vero! e anche i miei suoceri! e pensa che persino i nonni di mia moglie lo sanno usare!

    all'appello manca solo la piccola sara, ma per lei credo non ci saranno grandi problemi di alfabetizzazione informatica...

    ripensando ai giri di parenti, direi che più della metà dei miei zii un pc sa come si usa, sì... i cugini indubbiamente tutti, i nipoti (quelli che hanno più di quattro anni) pure...

    ciauciau
    cla
    Si tratta chiaramente di un campione statistico che risulta decisamente fuori dalla media... Beato te.
    Non saprei dire se le stime del governo siano corrette o meno.
    Quello che vedo intorno a me è molto "generazionale": in quelli della mia generazione se non arriviamo al 100% di informatizzati poco ci manca, in quelli della generazione precedente il quadro è estremamente desolante, forse il 10% ad essere generosi
    In ogni caso credo che siamo tutti d'accordo che il nostro paese ha un disperato bisogno di alfabetizzazione informatica (e non solo, chi ha detto inglese?) per non restare troppo indietro rispetto agli altri paesi europei e non solo.

  15. #15
    Il Fantasma L'avatar di ghost1273
    Data Registrazione
    23-09-02
    Località
    Milano
    Messaggi
    71

    Predefinito Re: [10/10/2003] Rapporto innovazione e tecnologie digitali in Italia

    A me mi hanno licenziato dopo 6 anni di onorato servizio di cui 3 di EDP e come me molti miei conoscenti e colleghi, la causa..In Italia la prima cosa che chiudono in una ristrutturazione aziendale in una crisi è il settore IT considerato dai "capi" (vecchia guardia) il piu' costoso e inutile...
    Ora gurdandomi in giro per il lavoro in tutta Milano e provincia non si trova una mazza...


    W l'informatica



  16. #16
    Il [email protected]
    ospite

    Predefinito Re: [10/10/2003] Rapporto innovazione e tecnologie digitali in Italia

    ghost1273 ha scritto ven, 10 ottobre 2003 alle 12:13
    A me mi
    Ora gurdandomi in giro per il lavoro in tutta Milano e provincia non si trova una mazza...

    In neretto capirai il perchè.

  17. #17
    Il [email protected]
    ospite

    Predefinito Re: [10/10/2003] Rapporto innovazione e tecnologie digitali in Italia

    Allora, dunque.

    Io uso il pc sempre. Al lavoro ormai lo odio. A casa per l'uso che faccio lo amo.

    Vedo film collegato al televisore, ricevo con l'antenna sul monitor la televisione, registro molte cose sul pc, ho collegato il pc alle casse dello stereo ed anche se il pc è accesso a far nulla in realtà sta erogando giga di mp3. Con la banda larga sono riuscito ad appassionarmi a molta musica, racconti, curiosità. Potrei andare avanti per i giochi, l'emulazione, tutte le numerose utility, il web, ricerca testi, traduzioni, impari l'inglese, chatti.

    Insomma un bel guazzabuglio moderno diceva Merlino nella spada nella roccia.

    Ma si tratta di passione, ovviamente molte di queste cose le puoi fare senza (pc imparare una lingua, ascoltare musica, vedere films ecc ecc)l'uso del pc.

    Noi "informatizzati" abbiamo delegato tutto al mondo dei pc e ci sentiamo una nicchia, ci sentiamo "superiori" a volte. Dividiamo un mondo che ancora a 2/3 di italiani è sconosciuto.

    volevo dire con tutto questo....non è allarmante per niente questa "ignoranza", semmai è allarmante che ci preoccupiamo di questo dato. Ci sono altre cose più importanti di usare un pezzo di silicio.






  18. #18
    Lo Zio L'avatar di Cacio
    Data Registrazione
    15-09-01
    Località
    Lucca
    Messaggi
    3,531

    Predefinito Re: [10/10/2003] Rapporto innovazione e tecnologie digitali in Italia

    Devo dire che il risultato del sondaggio non mi stupisce più di tanto, dal momento che la maggiorparte delle persone del nostro paese ha raggiunto e superato la barriera della terza età. Provate a ripetere lo stesso sondaggio con dei campioni dell'età dai 10 ai 30 anni e vedrete che la percentuale aumenterà di molto...
    Detto questo sono d'accordo con il [email protected], questo dato non è per niente allarmante...

  19. #19
    x3n0n
    ospite

    Predefinito Re: [10/10/2003] Rapporto innovazione e tecnologie digitali in Italia

    dunque considerando che mia madre sa usare solo word e che se la maschera di access che le ho fatto si sposta di un millimetro entra nel panico.

    mio padre da quando è andato in pensione (e lavorava in un grande centro elettronico sempre a contatto con i pc ) ha detto stop non ne voglio + sapere niente (io non ci riuscirei...se mi levassero il pc....io...io....non ci voglio pensare).


    mi sorella se la cavicchia ma le solite cose navigazione, posta, office.


    la mia ragazza è negata.


    poi ci sono i casi particolari tipo Nicola G. getto ghost che ha un portatile da 3000 € e lo sa a malapena usare (e il fatto che sopra ci sia xp home edition la dice lunga). uno scandalo.

    lo scopo non è un pc in ogni casa ma l'alfabetizzazione.

    non pretendo di avere 52 000 000 di programmatori e sistemisti ma che almeno sappiano cos'è una directory e come si formatta che io mi sono rotto di essere l'amico quello che ci capisce coi computer, quello che chiamano per ogni worm stupido.


    in definitiva 2/3? plausibile. noi siamo qui e vediamo gente che usa il pc e frequentiamo gente che bene o malelo usa. Certo se penso alla mia comitiva...bhè diciamo che almeno 2/4 lo sa usare ma per le cose base il che equivale a dire 0.

    il pc non è una macchina da scrivere e la tecnologia non è per tutti.

    date un terminale a un uomo e lo farete felice. dategli libertà e impazzirà.l'utente finale è un idiota e non merita l'alfabetizzazione. solo una macvchina da scrivere.

    (scusate ho passato la mattina al telefono con un imbecille di un cliente che non cpaisce un tubo e anche lui è responsabile edp... incredibile...se ve lo raccontassi non mi credereste.

    purtroppo l'alfabetizzazione deve essere fatta a tutti i livelli

  20. #20

    Predefinito Re: [10/10/2003] Rapporto innovazione e tecnologie digitali in Italia

    Il [email protected] ha scritto ven, 10 ottobre 2003 alle 12:43

    volevo dire con tutto questo....non è allarmante per niente questa "ignoranza", semmai è allarmante che ci preoccupiamo di questo dato. Ci sono altre cose più importanti di usare un pezzo di silicio.
    Su questo non sono d'accordo.
    Credo che l'uso del computer sia di crescente importanza per una serie di servizi sempre più importante.
    Non saper usare il computer è come non saper usare la calcolatrice 20 anni fa, o come essere analfabeti 50 anni fa.
    Tra pochi anni sarà uno strumento sempre più indispensabile e rimanere arretrati in questo ambito definisce la nostra popolazione come un esemplare da serie b. Basta pensare al sistema integrato di sanità informatizzata internazionale, tanto per fare un esempio.

    Che poi, esistano cose più importanti dei computer siamo d'accordo.
    Ciò non toglie che nel nostro paese ci sarebbe molto bisogno di un'opera di alfabetizzazione informatica efficace.

  21. #21

    Predefinito Re: [10/10/2003] Rapporto innovazione e tecnologie digitali in Italia

    A casa mia, mia madre non lo tocca neanche il pc, mio padre la stessa cosa, mio fratello sa come si accende, come si spegne e come farlo andare in crash , mia sorella, che al tempo della scuola era nel corso di informatica, sa navigare, giocare, ascoltare musica, e usare solamente Microsoft Office. Prima avevo Microsoft Works, poi lo disinstallai e misi Openoffice per poter visualizzare le presentazioni e i fogli di calcolo che trovavo in rete, nonchè per creare qualche file che mi serviva. Per volontà di mia sorella sono stato costretto a disinstallare l'Openoffice e a mettere nuovamente Micorosoft Works. Poi ho installato EasyOffice, che permetteva di salvare i file in formato PDF, ma ho dovuto togliere anche quello.
    Tra gli amici, c'è qualcuno che non sa neanche come si accende un pc, e chi invece sa usare anche qualche linguaggio di programmazione.

    Personalmete, non mi ritengo un genio del computer, ma qualcosa la so fare. Cmq, quando mi sono iscritto al liceo classico, io scelsi di frequentare la sezione dove si studiava informatica, per due motivi: il primo è che così i miei si sarebbero convinti a comprarmi il pc, il secondo è che se entravo a far parte di quella sezione, c'era la possibilità che imparavo l'inglese anche, che è fondamentale se si vuole imparare qualche linguaggio di programmazione. Alla fine, sono finito in un'altra sezione, ma ho avuto la fortuna di incorntrare un professore che di computer un pò ne capisce.

  22. #22
    Lo Zio
    Data Registrazione
    19-09-01
    Località
    Maranello, per un po\'
    Messaggi
    2,893

    Predefinito Re: [10/10/2003] Rapporto innovazione e tecnologie digitali in Italia

    per me il problema è anche più complesso: non si tratta solo del pc, ma di tutte le ultime tecnologie.

    Lo notavo con i miei: per fargli vedere un dvd, m'è toccato scrivere una guida passo-passo per me deprimente (del tipo: premere il tasto play, cioè quello con il triangolino...).
    E in ogni caso, non è che dopo un po' imparano, senza quel foglio sono perduti

    Mi pare quindi che ci sia poca voglia di imparare, forse perchè per loro sono "nuove" tecnologie di svago tutto sommato non strettamente necessarie.
    Allora il pc (che ovviamente non sanno neanche accendere) difficilmente può essere visto come oggetto appetibile.

    Primo perchè non è ancora user friendly: pensiamo solo al boot. Per gente abituata a schiacciare un tasto per vedere la tv, attendere un minutino per inizializzare il sistema è cosa fuori dal mondo.

    Secondo perchè alla fin fine saper usare il pc non è affatto necessario per tirare avanti

  23. #23

    Predefinito Re: [10/10/2003] Rapporto innovazione e tecnologie digitali in Italia

    tutto sta nell'identificare i completi ignoranti (spesso e volentieri anche giovani, che si trastullano tra marmitte, carburatori e apecar truccati..), chi ci sa fare un po (tipo gente che usa office e stampa ogni tanto qualcosina scaricata dalla rete), e gli smanettoni.

    Quest'ultimi sono quelli di classe A, che devono subire ogni volta le richieste di aiuto delle altre categorie (spesso senza pigliare un soldo).

  24. #24

    Predefinito Re: [10/10/2003] Rapporto innovazione e tecnologie digitali in Italia

    Tanner ha scritto ven, 10 ottobre 2003 alle 20:15
    tutto sta nell'identificare i completi ignoranti (spesso e volentieri anche giovani, che si trastullano tra marmitte, carburatori e apecar truccati..), chi ci sa fare un po (tipo gente che usa office e stampa ogni tanto qualcosina scaricata dalla rete), e gli smanettoni.

    Quest'ultimi sono quelli di classe A, che devono subire ogni volta le richieste di aiuto delle altre categorie (spesso senza pigliare un soldo).
    tra quelli che chiedono aiuto poi bisogna fare un'altra distinzione: c'è chi, come me, chiede aiuto perchè non sa fare delle cose e vuole imparare come si fanno, e chi chiede aiuto perchè crede che gli altri possano perdere tempo con loro.

    Ho chiesto due volte a un conoscente di formattare il mio pc, la terza volta, dopo aver visto come si fa, ho formattato da solo senza l'aiuto di nessuno.

+ Rispondi alla Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice HTML è Disattivato