+ Rispondi alla Discussione
Risultati da 1 a 13 di 13

Discussione: [18/10/2003] Archivisti di tutto il mondo, unitevi!

  1. #1
    keiser
    ospite

    Predefinito [18/10/2003] Archivisti di tutto il mondo, unitevi!

    Secondo Brewster Kahle, responsabile dell'organizzazione noprofit Internet Archive, i prodotti software sono, esattamente come i libri, i film, le canzoni, parte della nostra storia, e andrebbero per questo conservati in un luogo sicuro, prima che l'inevitabile degrado cui sono sottoposti i supporti attuali (floppy e CD) li facciano sparire per sempre dalla faccia della Terra.
    Il primo problema che Kahle si è trovata davanti è quello della pirateria: per questo motivo sta richiedendo all'ufficio del copyright degli Stati Uniti di emendare il Digital Millennium Copyright Act, stabilendo un'eccezione del tutto unica per il suo sito, di modo che esso possa conservare del software protetto da diritto d'autore senza essere accusato di pirateria. La risposta dell'ufficio è prevista entro la fine del mese, e inevitabilmente avrà delle conseguenze su quello che le future generazioni (di qui a un paio di secoli almeno) avranno a loro disposizione.
    La sentenza è tutt'altro che semplice, e non vi nascondo che non vorrei trovarmi nei panni di chi deve prendere la decisione: pur nell'ambito dell'eccezionalità dell'intervento, limitato al "museo" del software, potrebbe porre le premesse per legalizzare la pirateria, o comunque aprire la strada a decine di altre "associazioni senza fini di lucro" che vogliono conservare dei database di software. Pensate solo al fenomeno dell'abandonware...
    Non vi nascondo neppure la mia perplessità di fronte ad una simile operazione: da una parte, trovo assolutamente grave la perdita di veri e propri patrimoni dell'umanità come DooM o MS-DOS 6.22; d'altro canto, a chi può interessare una copia d'archivio di Internet Explorer 4.1 o di Epic Pinball? Dovendo scegliere, opto senz'altro per la conservazione di tutto quanto, anche se si tratta di accumulare un bel po' di fuffa... Buon fine settimana a tutti!

  2. #2
    Austin Punisher
    ospite

    Predefinito Re: [18/10/2003] Archivisti di tutto il mondo, unitevi!

    il problema comunque è anche un altro: COME conservano questi dati?
    La carta è una cosa ci ha permesso di tramandare scritti di secoli fa, grazie alla sua durata pressochè infinita... ma per il software è diverso.. su cosa lo conservi?? floppy, cd, dvd, hanno tutti una durata più o meno precisa..

    senza contare l'effettiva utilità-- uno storico può ricostruire un antica lingua, ma chi in un futuro mi troverà un exe del dos, con cosa lo eseguirà? come capirà a cosa serve?

    è un problema anche questo.

  3. #3
    L'Onesto L'avatar di Dark Phoenix
    Data Registrazione
    16-09-01
    Località
    Dark Silent Hill
    Messaggi
    811

    Predefinito Re: [18/10/2003] Archivisti di tutto il mondo, unitevi!

    Austin Punisher ha scritto sab, 18 ottobre 2003 alle 14:21
    il problema comunque è anche un altro: COME conservano questi dati?
    La carta è una cosa ci ha permesso di tramandare scritti di secoli fa, grazie alla sua durata pressochè infinita... ma per il software è diverso.. su cosa lo conservi?? floppy, cd, dvd, hanno tutti una durata più o meno precisa..

    senza contare l'effettiva utilità-- uno storico può ricostruire un antica lingua, ma chi in un futuro mi troverà un exe del dos, con cosa lo eseguirà? come capirà a cosa serve?

    è un problema anche questo.

    Per risolvere il problema del supporto di memorizzazione potrebbero usare una serie di computer in rete in continuo aggiornamento, che verrebbero sfruttati anche per spostare i dati da un computer all'altro prima che i dischi fissi arrivino al termine della loro vita operativa, oppure una serie di supporti di memorizzazione conservati in un ambiente protetto...
    Per il problema dell'esecuzione dei file, invece, sarebbe sufficiente realizzare degli emulatori, il processo sicuramente non sarebbe nè semplice nè veloce (soprattutto se, tra qualche decina d'anni, la struttura dei sistemi informatici cambiasse radicalmente), ma penso che la difficoltà sarebbe più o meno pari a quella di intepretare una lingua morta e dimenticata (quindi qualcosa di molto complesso, ma comunque realizzabile). Chiaramente tutto questo ha senso solo se i "reperti informatici" venissero considerati alla stregua di testimonianze storiche, giustificando quindi l'eventuale sforzo profuso nella loro analisi e conservazione...

  4. #4
    Shogun Assoluto L'avatar di Mithrandir
    Data Registrazione
    28-04-03
    Località
    Reginasirarefà
    Messaggi
    26,019

    Predefinito Re: [18/10/2003] Archivisti di tutto il mondo, unitevi!

    Austin Punisher ha scritto sab, 18 ottobre 2003 alle 14:21
    il problema comunque è anche un altro: COME conservano questi dati?
    La carta è una cosa ci ha permesso di tramandare scritti di secoli fa, grazie alla sua durata pressochè infinita... ma per il software è diverso.. su cosa lo conservi?? floppy, cd, dvd, hanno tutti una durata più o meno precisa..

    senza contare l'effettiva utilità-- uno storico può ricostruire un antica lingua, ma chi in un futuro mi troverà un exe del dos, con cosa lo eseguirà? come capirà a cosa serve?

    è un problema anche questo.
    come si conservano i dati, si conservano anche le conoscenze e il modo di accederci ai dati...non vedo il problema...

  5. #5
    Shogun Assoluto L'avatar di Mithrandir
    Data Registrazione
    28-04-03
    Località
    Reginasirarefà
    Messaggi
    26,019

    Predefinito Re: [18/10/2003] Archivisti di tutto il mondo, unitevi!

    certo che cmq l'idea non è male, se cerco qualcosa apparentemente introvabile, mi rivolgo a loro, ovviamente loro mi mettono in contatto o fanno da tramite con la casa che detiene il copyright e trovo tutto quello che voglio...

  6. #6
    Suprema Borga Imperiale L'avatar di maxpay
    Data Registrazione
    13-10-01
    Località
    Sud Italia
    Messaggi
    24,673

    Predefinito Re: [18/10/2003] Archivisti di tutto il mondo, unitevi!

    a me interessa invece il presunto criterio con il quale si deciderà se mantenere una copia di autocad piuttosto che una copia di winzip...

  7. #7

    Predefinito Re: [18/10/2003] Archivisti di tutto il mondo, unitevi!

    > a chi può interessare una copia d'archivio di Internet
    > Explorer 4.1 o di Epic Pinball?

    Ancora una volta il Todeskazzi mi dimostra la sua profonda ignoranza nel campo dei videogiochi... come si fa a parlare così di Epic Pinball? E con tutte le partite ad ANDROID che ha fatto, poi... :)


  8. #8
    keiser
    ospite

    Predefinito Re: [18/10/2003] Archivisti di tutto il mondo, unitevi!

    stepanxol ha scritto sab, 18 ottobre 2003 alle 20:06
    > a chi può interessare una copia d'archivio di Internet
    > Explorer 4.1 o di Epic Pinball?

    Ancora una volta il Todeskazzi mi dimostra la sua profonda ignoranza nel campo dei videogiochi... come si fa a parlare così di Epic Pinball? E con tutte le partite ad ANDROID che ha fatto, poi...

    l'ho citato apposta, io ovviamente ne conservo memoria cristallina e piacevolissima....

  9. #9
    Lo Zio L'avatar di j0k3r1976
    Data Registrazione
    09-11-02
    Località
    Dentro Jessica Biel
    Messaggi
    2,708

    Predefinito Re: [18/10/2003] Archivisti di tutto il mondo, unitevi!

    Dark Phoenix ha scritto sab, 18 ottobre 2003 alle 15:44

    Per risolvere il problema del supporto di memorizzazione potrebbero usare una serie di computer in rete in continuo aggiornamento...
    L'unico computer sicuro è il computer spento.

    Hai idea di quanti hacker / cracker attirerebbe una rete del genere ?



  10. #10

    Predefinito Re: [18/10/2003] Archivisti di tutto il mondo, unitevi!

    Secondo me è un'idea eccezionale. Comunque, supporti ottici come CD e DVD, secondo me, sono quasi indistruttibili se conservati con cura.

    Se siamo riusciti a conservare il "Codice di leonardo" fatto di carta, non credo ci siano troppi problemi a conservare MS-DOS.

    Inoltre, se siamo riusciti a salvare le opere cinematografiche del passato (su pellicole o videocassette) a maggior ragione riusciremo a salvare il software.


    Credo comunque che un archivio di questo genere debba essere, per forza, registato su supporti fisici statici e non su una rete di computer o, peggio ancora, sui hard-disk di un super server.

    Probabilmente dovremo incominciare a trattare i vecchi programmi come facciamo con i libri e le biblioteche: archiviarli e copiarli di tanto in tanto.


    Per quanto riguarda le questioni legali, credo che il discorso sia molto simile a quello delle ROM e degli emulatori. Se questo sito riuscisse ad ottenere esplicitamente il permesso dalle softwarehouse bene, se no mi sa che non gli concederanno i diritti per farlo...

  11. #11
    Il Puppies L'avatar di Mech
    Data Registrazione
    19-06-03
    Località
    Sesto
    Messaggi
    503

    Predefinito Re: [18/10/2003] Archivisti di tutto il mondo, unitevi!

    C'è sempre chi fa i capricci quando non c'è da guadagnare niente

  12. #12
    Banned L'avatar di BodyKnight
    Data Registrazione
    17-06-02
    Località
    BERGAMO
    Messaggi
    15,314

    Predefinito Re: [18/10/2003] Archivisti di tutto il mondo, unitevi!

    ge-hunter ha scritto dom, 19 ottobre 2003 alle 07:21

    Se siamo riusciti a conservare il "Codice di leonardo" fatto di carta, non credo ci siano troppi problemi a conservare MS-DOS.

    Inoltre, se siamo riusciti a salvare le opere cinematografiche del passato (su pellicole o videocassette) a maggior ragione riusciremo a salvare il software.
    I testi che possediamo del passato non sono memmeno la millesima parte di quelli che sono stati scritti, per cui citare un libro come esempio lampante di conservazione archivistica non è consigliabile.
    Per quanto riguarda le pellicole tu pensa che dopo nemmeno 50 anni dalla copia di alcuni famosi film, sono già necessari dei restauri.

  13. #13

    Predefinito Re: [18/10/2003] Archivisti di tutto il mondo, unitevi!

    Secondo me il reale problema è quello di trovare il modo di permettere l'esistenza di questo museo in maniera del tutto legale. Distinguere la sua attività da quella della pirateria è il nodo cruciale per permetterne la nascita. Una volta risolto questo problema le soluzioni tecniche si trovano, anche perchè i cd, adifferenza di altri supporti (cartacei, pellicole, carta) sono molto meno deperibili, ed eventualmente duplicabili velocemente senza perdere nessuna qualità dell'informazione immagazzinata.

+ Rispondi alla Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice HTML è Disattivato