+ Rispondi alla Discussione
Risultati da 1 a 7 di 7

Discussione: Quel formidabile genio.

  1. #1
    Lo Zio L'avatar di grizzly.13
    Data Registrazione
    29-01-02
    Località
    Prov. di Vicenza
    Messaggi
    2,609

    Predefinito Quel formidabile genio.

    Desidero mettervi al corrente dell'ultimo libro, pubblicato in Italia da Mondadori, di Dave Eggers. Ritengo questo autore puramente geniale dotato di una scrittura sovrannaturale. E' il più abile, a mio modesto parere, tra gli scrittori della sua generazione, abilità compensata ahimè da una, temo cornica, leggera mancanza di idee. "La fame che abbiamo" è una raccolta di racconti, alcuni dei quali non inediti anche in Italia. Ho letto solamente,in una antologia curata da Nick Hornby, il racconto che chiude il volume: "Da quando sono stato gettato nel fiume fino a quando sono annegato", citato anche in quarta di copertina. E' tra le cinque cose più geniali che abbia mai letto. Solo per un lavoro del genere un autore meriterebbe di essere accolto nell'Olimpo della letteratura. Credo seriamente che possa da solo valere l'acquista. Eccovi il consueto promo.

    Quote:


    Note: Traduzione di Matteo Colombo e Giuseppe Strazzeri

    Caratteristiche: rilegato, con sovraccoperta



    Note di Copertina

    Dave Eggers è senz'ombra di dubbio l'autore statunitense più ammirato e imitato della sua generazione. Grazie all'attività di editore di "McSweeney's" (la rivista più innovativa e importante del panorama odierno), è stato uno dei protagonisti più importanti del rinnovamento e dello svecchiamento della narrativa mondiale.
    Al contempo è stato capace di sviluppare uno stile letterario assolutamente unico, divertente, incredibilmente inventivo, emotivamente forte e con venature anche dark.
    La fame che abbiamo è un insieme di storie che ci riportano con tutta la loro sorprendente capacità di emozionare al fascino originale di L'opera struggente di un formidabile genio. Benché soggetti e ambientazioni siano i più diversi (si passa dai ricordi di un setter irlandese in fuga alle meditazioni umoristiche e agrodolci sul suicidio e sull'amicizia), in realtà il libro costituisce un'avventura narrativa organicamente strutturata che fotografa dai più diversi punti di osservazione quella ineludibile domanda, quella ricerca ora affannosa ora giocosa di qualcosa al di fuori di noi, di un senso, di una direzione: la fame che abbiamo - per l'appunto - che è al centro delle nostre vite.

    Ah, io sono un cane veloce. Ma veloce sul serio. È la verità, e mi piace da matti essere veloce, e lo dico anche. Avete presente i cani veloci, no? Quelli che vi schizzano accanto e dite: Cavolo! Quello sì è un cane veloce. Ecco, io sono così. Un cane veloce. Ma proprio veloce veloce. Huuuuuuuu! Huuuuuuuuuuuuu!
    Dovreste vedermi, qualche volta. Vedere come vado veloce
    quando sono al massimo della velocità, quando si vede proprio che ho qualcosa da fare, e tiro dritto a testa bassa senza guardare in faccia nessuno.

    Dall'anticipazione:
    "La fame che abbiamo" raccoglie 15 storie molto diverse tra loro per lunghezza e argomento, ma tutte accomunate dalla capacità quasi magica di Eggers di trasformare le parole in oro per i suoi lettori. Come è sua abitudine l'autore è alle prese con i materiali base della vita: la rabbia, il dolore, le emozioni che si mischiano e mutano da un secondo all'altro, la meraviglia e la gioia. Per quanto ricco di humor e di momenti di allegria il libro è figlio dei tempi difficili in cui è stato scritto e nei quali viviamo. Le storie ci raccontano di Pilar, di Tom o di Rita o di narratori senza nome di solito alle prese con qualche strana località nella quale sono appena arrivati: Costa Rica o Egitto, Scozia, la Interstate 5 etc. L'obiettivo di Eggers - come è evidente fin dal titolo - è quello di esplorare il modo in cui i nostri comportamenti sono determinati da qualche tipo di fame: fame di intimità, di rapporti e - soprattutto - di un qualsiasi genere di trascendenza, anche la più fuggevole. I personaggi di queste pagine sembrano animali lenti, cocciuti e poco lucidi che del tutto casualmente si ritrovano redenti da attimi nei quali miracolosamente sono investiti da una luce quasi divina che li trasforma. La magistrale capacità narrativa di Eggers illumina alla perfezione questa tensione tra i nostri istinti più alti e più bassi e conferisce una grazia unica alle sue storie. Commentando una di esse, il quotidiano britannico "The Observer" si è spinto a definirla "l'ultima grande storia del XX secolo".


  2. #2
    Lo Zio L'avatar di PaRaNoIdAnDrOiD
    Data Registrazione
    09-03-02
    Località
    A cloudy city, Genova.
    Messaggi
    3,566

    Predefinito Re: Quel formidabile genio.

    davvero grande dave eggers. grandi i suoi racconti e grande la sua america. Non ho ancora letto il suo ultimo libro, ma l'opera struggente di un formidabile genio era fantastica e commovente.

  3. #3
    Il Nonno L'avatar di unkle
    Data Registrazione
    19-02-02
    Località
    Vermillion Sands
    Messaggi
    7,009

    Predefinito Re: Quel formidabile genio.

    PaRaNoIdAnDrOiD ha scritto lun, 24 ottobre 2005 alle 16:40
    davvero grande dave eggers. grandi i suoi racconti e grande la sua america. Non ho ancora letto il suo ultimo libro, ma l'opera struggente di un formidabile genio era fantastica e commovente.



  4. #4
    Banned
    Data Registrazione
    19-10-05
    Messaggi
    94

    Predefinito Re: Quel formidabile genio.

    io ho letto "conoscerete la nostra velocita'", e' bello, ma niente di assurdo: e' road book (!) giovanilistico. il bello e' che ho anche l'"opera struggente..." sul comodino, e non l'ho ancora letto: ho voluto leggere prima il peggiore (conoscerete...), e mi son lasciato il migliore per ultimo !

  5. #5
    Lo Zio L'avatar di grizzly.13
    Data Registrazione
    29-01-02
    Località
    Prov. di Vicenza
    Messaggi
    2,609

    Predefinito Re: Quel formidabile genio.

    Conoscerete la nostra velocità è abbastanza banale nella trama ma radito nella sperimentazione, è per questo che l'ho apprezzato.
    Per quanto riguarda l'opera. Beh, leggila e basta.
    Ieri ho comprato "La fame che abbiamo" e vi giuro che è un ottimo investimento. Da un certo punto di vista potrebbe essere il suo libro migliore visto che ha delle pagine di una profondità e poesia inarrivabili.

  6. #6
    Lo Zio L'avatar di Toru Watanabe
    Data Registrazione
    18-06-05
    Località
    Tokyo Blues
    Messaggi
    3,420

    Predefinito Re: Quel formidabile genio.

    Dave Eggers....quanti ricordi eh madmac?

    Comunque "l'opera" è dieci spanne sopra Conoscerete la nostra velocità

  7. #7
    TGM Sparring SPIETATO L'avatar di sava73
    Data Registrazione
    03-02-04
    Località
    Roma
    Messaggi
    34,917

    Predefinito Re: Quel formidabile genio.

    UP pro CERCA in TBM

+ Rispondi alla Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Attivato
  • Il codice HTML è Disattivato